1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. fiodor1

    fiodor1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti, sabato mattina il mio vicino in 2 ore piazza, una scala in ferro altezza 3 metri lunghezza 5metri che va dal terrazzo del primo piano al suo giardino. La cosa che mi infastidisce è che si trova attaccata al mio confine per tutta la lunghezza, e che praticamente me lo ritrovo a passeggiare così a pochi metri dalla mia cucina. Ho provato a dirgli che la cosa secondo me non è regolare, la risposta è stata "io ho il permesso, non avrei potuto farla in muratura, ma in ferro si perchè amovibile" boh !!!.
    Io in una scala di qualche quintale fissata ad un terrazzo non ci vedo nulla di amovibile, per il momento ho fatto una lettera scritta al comune con le foto dove spiego la situazione. In attesa di sviluppi, volevo chiedere a qualche esperto delucidazioni sul caso grazie.:domanda:
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se ha il permesso dal Comune, questo viene concesso salvo diritto di terzi (il terzo in questo caso sei tu), per cui la scala in ferro non è amovibile, per amovibile si intende una struttura che si possa spostare in pochi minuti, come ad esempio una scala a pioli, oppure una scala di quelle che si usano in casa a compasso, la appoggi per il tempo necessario alle operazioni e poi la togli, ma non credo proprio una scala di ferro fissata ad un terrazzo, ovviamente quantomeno da un'altra parte (al terreno immagino), hai fatto bene ad avvisare il Comune, ma se caso mai avrebbe il consenso, le distanze dalle altre costruzioni devono essere rispettate (3 metri minimi, salvo diverse disposizioni locali), caso mai senti un legale.
     
    A fiodor1 piace questo elemento.
  3. fiodor1

    fiodor1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie per la risposta, la mia lettera è stata presentata al protocollo del comune lunedì al momento tutto tace, una precisazione 3mt. distanza minima dal fabbricato e dal confine?
     
  4. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Se ha in mano, il tuo vicino, il permesso del Comune ti risponderando che per loro è tutto Ok e che se sono stati lesi "i diritti di terzi", sei tu che devi rivalerti sul vicino per far valere le tue ragioni e diritti.
    Esperienza mia personale. Quindi lettera A/R prima di tutto, magari scritta da un avvocato se vuoi (più efficace) e aspettare gli eventi.

    Poi andare avanti per la strada "giusta" per far sì che questi prepotenti sfegatati la smettano!!!
    Io ho fatto intervenire un tecnico di mia fiducia per valutare i lavori eseguiti dopo che dal Comune ho fatto richiesta di visura del permesso concesso!
    saluti
    JERRY48
     
  6. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Che io sappia, sono state giudicate NON AMOVIBILI anche le strutture in alluminio se fissate con STOP e/o silicone (come alcune finestre esterne) - una struttura NON AMOVIBILE è saldata/cementata/inglobata nella struttura a cui si lega/appoggia.

    Quella benedetta scala è ........ al muretto?

    ... sono "ovunque", ma il mio B63M è sempre con me (no telefonate o sms .... costano !!!)
     
  7. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti, se facciamo una lista delle cose non amovibili questa sarà molto lunga :ok:
    Pensa p.es. che in alcuni comuni è necessario il premesso anche per un semplice gazebo.
     
  8. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Solo realizzando un muro che impedisca la visuale verso la tua proprietà il vicino non lederebbe i tuoi diritti, in questo caso li ha già violati.

    Inoltre un buon tecnico comunale istruttore dell'iter autorizzativo alla visione degli elaborati avrebbe dovuto chiedergli circa la proprietà attorno alla scala, verificando che veniva realizzata lungo il confine di già non avrebbe dovuto rilasciare autorizzazione se non osservava quanto detto sopra, non facendo ciò penso che qualche responsabilità c'è li ha per inosservanza di leggi e regolamenti esplicitamente normati, il diritto terzi viene sempre poi messo onde evitare diritti di servitù, quali di veduta, divieto di costruire a confine ecc.ecc, e non per autorizzare un manufatto di già fuori norma.

    Ciao salves
     
  9. fiodor1

    fiodor1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Infatti è questo, che non capisco, come può essere così superficiale un ufficio tecnico per autorizzare una cosa del genere. Mi viene da pensare che il vicino stia bleffando, nella speranza che io mi rassegni alla situazioine. Aspetto qualche giorno per vedere se il comune prende iniziative, poi eventualmente provo a sentire un avvocato GRAZIE A TUTTI
     
  10. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    giusto quello che leggo del condobip e quindi caso mai senti un legale se proprio non hai nulla di meglio da fare:risata:
    A parte gli scherzi ... contesta l'accaduto dopo aver fatto un sopralluogo con il medesimo legale perchè a distanza e senza vedere è difficile dare il solito consiglio.;)
     
  11. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    C'è sempre la possibilità della presentazione del condono, quolora ci sia stato il tecnico comunale (poco esperto o noncurante abbastanza) che non abbia valutato bene la situazione, rilasciando l'autorizzazione. Un cittadino inesperto lascia perdere, poichè si convince che se è stata data l'autorizzazione, tutto è in regola.
    Invece in questo caso si potrebbe denunciare anche il tecnico.
    saluti
    JERRY48
     
  12. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Nel caso specifico esiste la dicitura oltre che salvo diritto terzi che anche il condono prevede di salvaguardare ciò, quella di: si rilascia la presente a condizioni che ......... in questo caso la soluzione già menzionata da me.

    Ciao salves
     
  13. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Hai ragione Salves, ma l'antefatto (o accordo), in questo caso non credo ci sia stato, infatti fiodor1 dice;
    - ... sabato mattina il mio vicino in 2 ore piazza, una scala in ferro altezza 3 metri lunghezza 5metri che va dal terrazzo del primo piano al suo giardino ... ;)
    Quindi dire che ci sono state delle condizioni tra i due vicini, caso mai sarà fiodor1, noi non possiamo saperlo
     
  14. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Non intendo condizioni tra i vicini, ma almeno nel comune dove risiedo si procede ad una sanatoria di quanto gia fatto nel caso accaduto a fiodor1, il tecnico comunale avrebbe trascritto nell'autorizzazione in sanatoria circa questa dicitura salvo diritto terzi e a condizione che venga realizzato l'innalzameto del muro o altro manufatto che impedisca la visuale sul fondo del vicino in osservanza all'art. 905 comma 2 del codice civile.

    Adesso non so se i pubblici ufficiali di altri comuni intraprendano tale orientamento ma è anche vero che un pubblico ufficiale non può autorizzare la realizzazione e/o la sanatoria di un manufatto quando ha gli elementi per affermare che quanto sta autorizzando non osserva i diritti terzi.

    Ciao salves
     
  15. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sinceramente non saprei dire se il tecnico comunale si accerti che tutti i diritti dei terzi siano garantiti, quello che so è che danno l'autorizzazione "salvo diritti di terzi", ovvero sarà eventualmente il "terzo" che potrà obiettare l'eventuale irregolarità, perchè il tecnico comunale non credo sia infallibile (magari così fosse) ;)
     
  16. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Effettivamente occorre considerare le prescrizioni del 905 del c.c. ma come detto in precedenza non è possibile senza vedere lo status loci dare opportune valutazioni ma questa ovvia considerazione si rivela sempre ardua da capire ....:disappunto:
     
  17. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    eppure accade: la sanatoria la ottieni con la dicitura "salvi i diritti di terzi". cosa vuol dire, che è il terzo a sto punto che deve tutelarsi e rivalersi contro chi ha leso i suoi diritti. i tecnici comunali se ne lavano le mani.
    bisogna stare attenti però ai tempi di realizzazione dell'opera e della sanatoria.
    se il vicino denuncia l'abuso prima della realizzazione della sanatoria e i tecnici la danno lo stesso
    l'autorizzazione, allora possono essere benissimo denunciati e perseguiti penalmente.
    fiodor1 dovrebbe attivarsi subito, primo per sapere se il vicino ha ricevuto il permesso di costruire, poi fare la denuncia, anche ai vigili urbani, e far fare sempre a loro stessi un sopraluogo con un tecnico comunale; se risulta esserci qualche irregolarità e tu l'hai fatta rilevare appunto. non possono concedere più la sanatoria.
     
  18. giovanna1948

    giovanna1948 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il Comune di Ferrara, , nelle Norme Tecniche Attuative, prevede che le distanze tra i confinanti siano derogabili, per motivi di necessità del vicino "costruttore" ( decreto Berlusconi che consente di ampliare anche i volumi, per fare la " stanza al figliolo" etc:) . Uno scempio!!! A me è capitato che la vicina ( casa semidetached bifamiliare con un muro solo in comune- volesse alzare una stanza a pianterreno, lungo il muro di confine, e su questa nuova stanza il terrazzo a cui accedere dal suo corpo di fabbrica - dal bagno e dalla stanza da letto del primo piano . Per giunta, nella concessione ( diritto di accesso) , il tenico istruttore aveva imposto di schermare il terrazzo nuovo dalla parte della mia proprietà, per non consentire la veduta nel mio fondo. Il risultato sarebbe stato l' erezione di muro e paratia per l' intera altezza della casa, che mi avrebbe chiuso su tutto il lato OVEST cortiletto che c'è da sempre fra la mia porzione di casa e una casettina , togliendo la luce e la circolazione dell' aria.
    Per fortuna alla mia vicina sono venuti a mancare i SOLDI per eseguire la costruzione. Un Avv. interpellato aveva detto che occorreva misurare a centimetri la distanza fra lo spigolo delle finestre più vicino al confine e la costruzione: distanza minima necessaria 50 cm. Il progetto della vicina era fattibile!!!
     
  19. giovanna1948

    giovanna1948 Membro Attivo

    Proprietario di Casa

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina