• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

estate

Membro Attivo
Proprietario Casa
mercoledi 25 sarò parte di un atto pubblico di compravendita. Il notaio mi ha inviato un'email in cui mi comunica l'appuntamento e mi dice che devo andare con mascherina e guanti e devo andare senza accompagnatori. L'atto non è possibile rinviarlo anche perché si tratterebbe di un rinvio sine die non sapendo quando e se questa tragica situazione avrà termine. Il mio problema è questo: io mi recherò dal notaio a piedi e sono circa 2 km e porterò con me copia dell'email del notaio e l'autocertificazione. Se lungo la strada venissi controllato dalle forze dell'ordine esibendo l'autocertificazione e l'email del notaio pensate che sia a posto? Oppure questo non è un caso di necessità e quindi potrebbero denunziarmi? Presumo che il notaio abbia analizzato questo problema magari su direttive del consiglio nazionale del notariato. Che ne pensate?
 

Fift@

Membro Attivo
Professionista
L'importante che la motivazione sia reale e non inventata. Un atto notarile mi sembra una motivazione valida. 2 km sono pochi per essere fermati, o sei sfigato che ti aspettano sotto casa oppure non ti fermano. A Mestre (VE) ho visto un posto di blocco ieri dopo 2 settimane. Esci tranquillo
 

ioalva

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno,
anche se lo studio del notaio è aperto e dice di poter fare l'atto...è incongruente in quanto i notai hanno ricevuto una circolare dal Notariato indicante che non possono autorizzare a recarsi presso i loro studi per un rogito in quanto non ritenuto atto urgente, che può essere spostato.
Pure la polizia conferma che trattasi di atto non urgente, che il notaio doveva spostare l'atto. Diciamo che và a fortuna di non essere fermati altrimenti recarsi comunque ed essere fermati il rischio è denuncia. Quanto esposto vale per Milano ma penso per tutti.
 

griz

Membro Storico
Professionista
credo che il notaio ti invierà un'altra email nelal quale ti comunicherà il rinvio, comunque che ti fermino a piedi è molto improbabile e potresti comunque avere una ragione valida per muoverti
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Io vorrei aggiungere che il notaio non può imporre ai partecipanti di non essere accompagnati da un loro consulente, sia esso legale o tecnico. L'avrebbe potuto fare se avesse inviato copia dell'atto da sottoscrivere in modo da permettere alle parti di verificare l'esattezza dei dati e degli accordi intercorsi.
 

Fift@

Membro Attivo
Professionista
Io vorrei aggiungere che il notaio non può imporre ai partecipanti di non essere accompagnati da un loro consulente, sia esso legale o tecnico. L'avrebbe potuto fare se avesse inviato copia dell'atto da sottoscrivere in modo da permettere alle parti di verificare l'esattezza dei dati e degli accordi intercorsi.
Il notaio fa l'atto il come arrivare e con chi sono problemi tuoi, chi ti accompagna al limite aspetta fuori dallo studio. Se proprio non vuoi che sia così puoi sempre aspettare che tutto questo casino finisca. Di certo non puoi imporre tu al notaio come deve lavorare
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Di certo non puoi imporre tu al notaio come deve lavorare
Se voglio l'assistenza del mio legale, il notaio si deve adeguare e troverà uno spazio adeguato. E' possibile che se il notaio non si adegua, l'atto salta, ma potrà essere stipulato da un collega più ligio alla legge.
 

Fift@

Membro Attivo
Professionista
Se voglio l'assistenza del mio legale, il notaio si deve adeguare e troverà uno spazio adeguato. E' possibile che se il notaio non si adegua, l'atto salta, ma potrà essere stipulato da un collega più ligio alla legge.
Non credo proprio, ti dice di no e incassi in silenzio. Anzi se vuoi ti prende per il **** e ti dice che il tuo rogito è spostato a maggio e tu puoi scegliere di cambiare notaio o aspettare. L'unica certezza è che al notaio non puoi imporre niente
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
il notaio non può imporre ai partecipanti di non essere accompagnati da un loro consulente,
Concordo con te.

Se un contraente aveva programmato di recarsi dal notaio con un consulente di fiducia (perché da solo teme di non essere in grado di affrontare i lati tecnico-giuridici inerenti all'atto) non è giusto debba rinunciare.

Chiaramente non può imporre la presenza di un accompagnatore non qualificato, tipo un parente/amico che può essere utile, ad esempio, per dargli un passaggio in auto. Quell'accompagnatore deve rimanere fuori dallo studio notarile.

Invece un consulente dovrebbe poter partecipare. Forse il problema si può risolvere collegandosi in videoconferenza, con skype, ecc.
 

griz

Membro Storico
Professionista
Io vorrei aggiungere che il notaio non può imporre ai partecipanti di non essere accompagnati da un loro consulente, sia esso legale o tecnico. L'avrebbe potuto fare se avesse inviato copia dell'atto da sottoscrivere in modo da permettere alle parti di verificare l'esattezza dei dati e degli accordi intercorsi.
vero! di solito il notaio rilascia al cliente una bozza definitiva dell'atto così da poterla studiare, a maggior ragione in un caso simile, comunque l'imposizione dell'intervento alla stipula da solo non mi sembra coretta, meglio rinviare. Poi dipende dall'interesse dei contraenti alla stipula
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
L'unica certezza è che al notaio non puoi imporre niente
Premetto, che per esperienza, sovente assisto i miei clienti alla stipula e quindi conosco la materia. Forse non sai che il compito del notaio è quello di ricevere le dichiarazioni dalle parti contraenti e deve garantire la loro identità e la forma dell'atto. Lui può fare le verifiche e i controlli per garantire i contraenti, ma se io voglio vendere il Colosseo e l'acquirente accetta, non può rifiutarsi di ricevere le mie dichiarazioni: commetterebbe un'omissione.
 

estate

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ringrazio tutti per le risposte. Non era una mia esigenza essere assistito nella stipula dell'atto quindi il fatto che il notaio escludesse la possibilità di "accompagnatori" non è una cosa che mi interessava. Comunque penso che il notaio non possa escludere l'assistenza di un consulente della parte, se questa la ritiene necessaria. Il mio problema era soltanto se era possibile uscire di casa con questa motivazione (atto notarile). L'altro ieri ho scritto al notaio in ordine a questa questione. Ho ricevuto questa risposta che incollo;
___________________________________________
Il DPCM pubblicato ieri sera e contenente ulteriori restrizioni continua a non sospendere le attivita' professionali. L'indirizzo degli organi di categoria e' ad oggi quello di rinviare quello che non e' necessario ma rimandando alla richiesta del cliente la considerazione della necessarieta' personale della singola operazione. Ovviamente il tutto operando sempre nel rispetto delle misure di sicurezza (distanza, guanti e mascherina sia per il notaio che per i clienti.).
Pertanto resta ferma la mia disponibilita' qualora lo richiediate.
Resto in attesa di un Vostro riscontro.
Cordiali saluti

____________________________________________
Di conseguenza la valutazione dell'urgenza è rimessa alle parti. Io questa mattina ho fatto l'atto che non avrebbe avuto senso rinviare atteso che avevo versato un notevole acconto di prezzo con un contratto preliminare non registrato (ho fatto così perché conosco il venditore personalmente).
Il notaio a me e al venditore ha rilasciato una dichiarazione con la quale attestava la mia presenza nel suo studio allo scopo di sottoscrivere un atto pubblico.
Comunque non sono stato fermato.
 

ioalva

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno,
grazie per l'informazione sull'esito del suo rogito.
In data 25/2/2020 sapevo per certo che si il notaio poteva eseguire l'atto ma era incongruente con il fatto che, il giorno 25/3 vigeva il decreto che stabiliva che i rogiti non sono ritenuti di urgenza quindi spostabili (confermato anche dalla polizia).

La lettera del Notariato confermava ai Notai che, da parte loro, non fosse possibile autorizzare lo spostamento. Quindi chi poteva autorizzare ?? La polizia no !
Sul fatto che la valutazione dell'urgenza fosse affidata alle parti....ok ma poi, nel caso di fermo, poteva essere a discrezione del fermante confermare l'urgenza ... ??
Conosco parecchia gente che in questo periodo ha spostato i rogiti...e, solitamente, si arriva a rogito dopo aver dato caparra...spesso almeno il 30% + pagamento agenzia..
Come spesso accade và a fortuna !
Comunque a lei è andato bene, meglio cosi !
 

griz

Membro Storico
Professionista
La lettera del Notariato confermava ai Notai che, da parte loro, non fosse possibile autorizzare lo spostamento. Quindi chi poteva autorizzare ?? La polizia no !
nessuno autorizzerà mai lo spostamento, eventualmente si potrà avere un documento attestante la ragione, poi si autocertifica, sfido chiunque a stabilire la non urgenza di una stipula se i contraenti decidono di procedere
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

di cancellare la data di nascita
desidero vedere i messaggi
Alto