1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. saretta91

    saretta91 Nuovo Iscritto

    Salve, io vorrei chiedere un informazione.. Il mio ragazzo vuole costruire la nostra casa in un terreno a nome del padre. Pochi giorni fa mi è venuto in mente: "ma quando morirà il padre, anche la casa va in eredità a tutte e tre i figli???????"
    Grazie..
    Sara
     
  2. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    C'è da chiarire una cosa. Al Catasto si distingue in "FABBRICATI" e "TERRENI".

    Il padre del tuo ragazzo ha un "TERRENO", identificato da una quaterna:

    "Foglio", "Particella", "Subalterno", "Comune dove si trova il terreno"

    Quando il tuo ragazzo EDIFICHERA', il palazzo sarà CENSITO al Catasto alla voce "FABBRICATI", e non "TERRENI", e avrà coordinate catastali diverse:

    "Foglio2", "Particella2", "Subalterno2", "Comune identico a quello del terreno ove poggia il fabbricato"

    Il tuo ragazzo dovrà cioè fare l'ACCATASTAMENTO, ossia denunciare all'Agenzia del Territorio (una volta edificato coi permessi necessari per farlo) la presenza del FABBRICATO, e la SUA INTESTAZIONE.

    E' qui, con l'INTESTAZIONE DEL FABBRICATO, che bisogna fare le cose per bene, e cioè intestarlo:

    a) A te e al tuo ragazzo, oppure al limite
    b) Solo al tuo ragazzo

    Non deve figurare il nome del padre del tuo ragazzo nell'intestazione, altrimenti ahimé alla morte del padre del tuo ragazzo, anche la casa dove tu e il tuo ragazzo abiterete cadrà in SUCCESSIONE, e dovrà essere ripartita equamente fra i tre figli. Poiché nessuno dei 3 figli avrà denaro sufficiente da dare agli altri due per potersi tenere la casa, andrà a finire che la casa andrà venduta e il ricavato andrà diviso in 3 parti uguali.

    QUELLO CHE NON SO CON CERTEZZA, è: Quando costruisco un fabbricato su un terreno a nome di X, l'intestazione del fabbricato acquisisce per default il nome di X oppure si può intestare ad un'altra persona? Quali pratiche bisogna seguire per intestarla ad un'altra persona?

    Normalmente di queste cose se ne occupa il geometra che fa il progetto e dà in appalto l'attività di edificazione ad una ditta esterna per costruire fisicamente il fabbricato.

    CHIEDO LUMI AD ALTRI FORUMISTI su questa questione.
     
  3. giannigiliola

    giannigiliola Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    la casa diventa proprietà del proprietario del terreno:fiore:
     
    A possessore, Franca68 e Pagolino piace questo elemento.
  4. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ... che è esattamente ciò che la ragazza teme! Come potrebbe cautelarsi, la ragazza, per proteggere la futura casa - sua e del suo compagno - dal confonderla con la massa ereditaria in caso di decesso del padre?
     
  5. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Ti consiglio di provvedere a far intestare il terreno al tuo ragazzo, anche tramite donazione (così spende meno in tasse) e solo dopo iniziare l'iter per la costruzione del fabbricato.

    Infatti, come riportato già dagli altri, tutto quello che verrà costruito sul terreno di una persona (anche con soldi non suoi) rimarrà in possesso di questa persona (possesso e non proprietà).

    Se poi, nella documentazione tecnica urbanistica (Permesso di Costruire, autorizzazioni varie) è riportato il nome del proprietario del terreno e l'accatastamento è sempre a nome suo, quando muore, tale fabbricato va destinato secondo la legge a tutti gli eredi in parti uguali.
     
    A possessore piace questo elemento.
  6. tatuzza

    tatuzza Nuovo Iscritto

    Sconsiglierei la donazione, poichè gli altri figli, alla morte del padre, potrebbero riscattare il terreno e farlo entrare in asse ereditario. Tale diritto dovrebbero averlo per un periodo di vent'anni dalla morte del donante. Secondo me è sempre meglio fare una vendita.
     
    A possessore piace questo elemento.
  7. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Una vendita tra padre e figlio potrebbe, anzi in questo caso è, una simulazione. Sarebbe opportuno che il padre vendesse ad un estraneo fidato e questi successivamente al figlio. In questo modo gli eredi non potrebbero eccepire nulla. Il ragazzo dirà di averlo riacquistato da questa persona per motivi sentimentali non volendo che la proprietà del padre andasse ad estranei.
     
    A possessore piace questo elemento.
  8. tatuzza

    tatuzza Nuovo Iscritto

    A mio parere dipende dal prezzo..........se il prezzo è del valore di mercato o poco meno il problema non sussiste. Non mi risulta che non siano credibili vendite tra padri e figli in quanto tacciabili di simulazione. Dipende da come sono fatte le cose. Se si vende a 5 euro......allora si.
     
    A possessore piace questo elemento.
  9. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    La simulazione è solo un poco più credibile, ma gli eredi lo stesso possono intraprendere una causa per annullare la vendita. Se poi vuoi la certezza che questa venga annullata allora devi fare i conti di tanti fattori ultimo dei quali il "Giudice" C'è chi la pensa in modo e chi in un altro. Perciò tante cause vengono ribaltate in appello. Perciò consigliavo la vendita ad un estraneo e successivamente altra vendita dall'estraneo al ragazzo di "saretta 91", con indicazione di prezzi del mercato, naturalmente. In tal modo i coeredi del ragazzo non possono proprio eccepire nulla e non c'è Giudice che tenga.
     
    A possessore piace questo elemento.
  10. Pagolino

    Pagolino Membro Ordinario

    Professionista
    Donazione , vendita, finta vendita ecc. servono solo a fare inca....... gli altri due figli, a meno che il padre doni anche agli altri due un' equivalente.

    Le donazioni o vendite,.... oltre a mandare in bestia i fratelli, implicano anche doveri, x esempio il dovere di assistenza al donatore ecc. ecc.
    Sono impugnabili, ma dipende dalle possibilità finanziarie dei fratelli lesi nella legittima e dagli avvocati che si possono permettere.

    Auguri

    pagolino
     
    A possessore piace questo elemento.
  11. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    parlare con i fratelli? chiedere al padre se vende e se sono tutti daccordo atto notarile firmato da tutti.detrae la quota spettantegli,e costruisce in pace.
     
    A possessore e Pagolino piace questo messaggio.
  12. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Pure io sconsiglio assolutamente la donazione, anzitutto perché è revocabile, e poi perché vincola l'immobile: esso non può essere venduto se non sono trascorsi 10 anni dalla morte del donante, oppure se non sono trascorsi 20 anni dalla data della donazione se il donante è ancora in vita.
     
    A Pagolino piace questo elemento.
  13. tatuzza

    tatuzza Nuovo Iscritto

    Quindi mi sorge spontanea una domanda.............se io volessi davvero acquistare al valore di mercato una proprietà dai miei genitori non potrei farlo poichè mia sorella si potrebbe opporre ed impugnare la vendita? Francamente non mi risulta, come non credo che i fratelli si possano arrabbiare se il padre vendesse il terreno al figlio.......Poi non so........
     
  14. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se fai una vendita al valore di mercato, nessuno può dirti niente.
    Ovviamente hai il dovere di avvisare i tuoi fratelli e le tue sorelle, comunicando le tue intenzioni.
    Trattandosi di un bene che confluirebbe nell'eredità, devi avvisarli di cosa stai per fare.
    I genitori venderanno ovviamente a chi offre la cifra più alta.
     
    A Pagolino piace questo elemento.
  15. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'avviso non deve essere verbale ma scritto, meglio ancora se fai scrivere da un legale o da uno studio notarile, quello che gestirà la pratica. In questo modo un domani non si potrà dire che tu hai fatto un acquisto senza avvisare i tuoi fratelli e sorelle. Tracciare tutto, tracciare sempre.
     
  16. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se uno dei fratelli vuole costruire su un terreno del padre, non è possibile che tutti i tre fratelli possano costruire sul medesimo terreno?.
    Il problema sta lì. Se l'ampiezza del terreno lo consente, il padre potrebbe frazionarlo, donandone una parte a ciascuno dei figli che costruirebbero o no ciascuno sul proprio pezzo. Senza dare la stura alle elucubrazioni più varie lette finora....Se no potrebbero sempre costruire insieme, risparmiandosi almeno alcune spese e dimostrando al padre che sono tutti d'accordo e che può stare tranquillo. Babbo è ancora vivo e già si pensa a quello che che farà Aldo, Beppe o Carlo!!!
     
  17. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Luigi Barbero, le tue considerazioni sono interessanti, ma presuppongono che i 3 fratelli abbiano ognuno soldi a sufficienza per EDIFICARE, ipotesi che non sappiamo se è vera o falsa.
    Nell'ipotesi che venga costruito un solo palazzo, e il resto del terreno rimanga tale, al momento della ripartizione dell'eredità il terreno verrà diviso in 3 parti eguali, e il palazzo andrà diviso anch'esso in 3 parti uguali: se ognuno dei 3 non ha soldi da conferire agli altri 2 per acquisire la cosiddetta "proprietà per 1/1", si potrà solo vendere il palazzo e dividere in 3 il ricavato, e per quanto riguarda il terreno, si chiamerà un geometra e si farà ripartire in 3 superfici equivalenti.
     
  18. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'importante è che rimangano d'accordo e che chi potrà edificare lo possa fare in tranquillità sapendo che nessuno gli toglierà niente. D'altra parte, le nostre possono solo essere illazioni in carenza di notizie più precise.
     
    A possessore piace questo elemento.
  19. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    l'importante e' che il prezzo sia reale al valore del momento dell'acquisto.ma sopratutto che ci sia un vero(reale e dimostrabile) passaggio di denaro tra venditore e acquirente.poi il venditore, una volta in possesso dei soldi puo' fare cio che vuole.dividere tra i figli,bloccarli per eventuali problemi,usarli per acquistare altro.
     
  20. Pagolino

    Pagolino Membro Ordinario

    Professionista
    @ Saretta 91
    Salve, io vorrei chiedere un informazione.. Il mio ragazzo vuole costruire la nostra casa in un terreno a nome del padre. Pochi giorni fa mi è venuto in mente: "ma quando morirà il padre, anche la casa va in eredità a tutte e tre i figli???????"
    Grazie..
    Sara

    La risposta è SÌ! a decesso del proprietario del terreno la casa va divisa tra tutti i figli e la vedova.
    Quindi la costruzione sul terreno di papà è sconsigliabile.
    Donazione, vendita, finta vendita, vendita prima a terzi e poi al figlio ecc.ecc. come proposto, sono speculazioni che ledono la legittima dei fratelli, a meno che papà non dia le stesse possibilità agli altri figli per amore di pacifica coesistenza. :daccordo:
    cordialmente

    pagolino
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina