• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Due anni fa stipulai un contratto di locazione cointestato tra una ragazza 28enne (nubile e senza figli) ed il padre. Siccome la ragazza aveva un reddito precario la cointestazione col padre, operaio con contratto a tempo indeterminato, venne chiesta dal locatore per avere maggiori garanzie.
Nel contratto specificai che l'immobile era destinato ad abitazione esclusiva della ragazza.
Gente modesta ma seria, pagamenti effettuati sempre regolarmente dalla ragazza che viveva da sola.

Pochi giorni fa la tragedia: nottetempo i vicini l'hanno trovata esanime in cortile, precipitata dal suo balcone al quarto piano. I Vigili del fuoco (intervenuti con l'ambulanza e i Carabinieri) sono entrati in casa dal balcone. E' entrato anche il proprietario accompagnato dai Carabinieri per mettere in sicurezza l'immobile verificando la chiusura del gas. Ora l'appartamento è sotto sequestro, i Carabinieri hanno tenuto le chiavi e provveduto ad avvisare la famiglia della sventurata. Dall'autopsia e da come sono stati ricostruiti i fatti pare certo il suicidio.

Siamo ancora scioccati dall'accaduto e pensiamo che l'appartamento verrà rilasciato dal padre, che abita in un'altra provincia, ma non so a chi dovrò restituire i tre mesi di deposito cauzionale che era stato pagato con un assegno della ragazza di cui ho tenuto fotocopia. Non so neppure se la madre è viva (il padre conviveva con un'altra donna), se aveva fratelli, se esiste un testamento.
Come mi consigliate di procedere?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Se i carabinieri hanno saputo avvisare la famiglia penso possano dare indicazione al locatore su come contattarla.
Questione di giorni, per avere disdetta dal cointestatario; poi normale risoluzione.

Il resto non sono problemi tuoi
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Se i carabinieri hanno saputo avvisare la famiglia
Ieri ho inviato per mail al Comando dei CC copie carta d'identità del padre e busta paga da cui si evince il suo datore di lavoro, quindi penso lo abbiano rintracciato al suo paese. Non ho né telefono né mail di questo signore.

per avere disdetta dal cointestatario;
Spero che mi contatti lui, anche perché dovrà sgomberare dall'appartamento i mobili della figlia e tutti i suoi effetti personali.

Il resto non sono problemi tuoi
Vorrei solo essere sicura di restituire il deposito cauzionale (pagato dalla ragazza, non dal padre) alla persona giusta.
Mi è stato riferito dai vicini di casa che la ragazza era in cattivi rapporti col padre e non avrebbe più voluto tornare al paese. Sperava in una vita autonoma e dignitosa a Torino; ma giustamente questi non sono affari miei.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Sperava in una vita autonoma e dignitosa a Torino; ma giustamente questi non sono affari miei.
Sicuramente la situazione ha risvolti molto penosi: ma non vedo nemmeno cosa si possa fare in tali circostanze.
Solo sperare ti consegnino l’immobile libero da cose al più presto
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Mi ha telefonato poco fa il Comandante dei CC che segue il caso: domani avremo un incontro con i genitori dell'inquilina.
Le indagini sono chiuse e presentano risvolti penosi. Se si fosse buttata senza pensarci su sarebbe finita sul terrazzino dell'appartamento al piano rialzato. Invece ha posizionato la scaletta nell'angolo del suo balcone, per essere certa di cadere in cortile.
L'altra notte gli inquilini hanno solo sentito un tonfo, nessun urlo. Il proprietario che abita nella palazzina è corso in cortile, mentre altri chiamavano l'ambulanza, perché non si capiva cosa fosse successo. L'ha vista supina, immobile, pallida e dall'aspetto sereno.
Oggi il proprietario ha ricevuto il bonifico della mensilità di marzo, disposto dalla ragazza il giorno prima del suicidio.
Non ha mai disturbato, non si è mai lamentata di nulla, non sappiamo se avesse problemi economici o di altro tipo. Era una ragazza semplice e carina, sempre educata con i vicini e molto riservata.
Ora assisterò i genitori nelle incombenze per il rilascio dell'appartamento, disdetta utenze, trasloco, e farò quanto sarà possibile per aiutarli in questa dolorosa vicenda.
 

Aidualc

Membro Attivo
Professionista
Che situazione penosa...
Auguri per affrontarla!

Aggiungo solo, per il deposito, se il padre è cointestatario del contratto la cifra dovrà andare a lui, e lui firmare il verbale di rilascio. Poi come si sistemeranno i genitori, che probabilmente saranno anche gli eredi, saranno fatti successivi fra loro.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto