• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Questa mattina ricevo due raccomandate (a me e mio figlio) di questo tenore:

La Società XYZ spa, su incarico del Consorzio NM per conto del Comune ABCD ..... e già questa trafila mi fa imbufalire...
... poiche dalle risultanze delle banche dati comunali risultano varie unità immobiliari, chiede, entro 15 giorni dalla presente ....
- elenco degli immobili di proprietà dal 31-12-2015...
- ubicazione immobile
- estremi catastali
- nominativo e codice fiscale dell'eventuale affittuario/comodatario ...
- compilazione della modulistica allegata

Ora, che sia doveroso che il Comune si attivi per riscuotere i tributi spettanti non ci piove:
che si inneschi questa catena di Sant'Antonio di enti a cascata per effettuare una operazione istituzionale, lo trovo vergognoso.
che i Comuni non siano (volutamente) ancora in grado di effettuare l'incrocio tra catasto e registrazione contratti di locazione, (che tra l'altro da anni hanno valenza anche come comunicazione ai Comuni stessi di cessione fabbricati) , mi pare scandaloso.

Lasciando il compito di "delazione" ai locatori, si possono così giustificare gli eventuali favoritismi e lacune sugli accertamenti doverosi:

chissà perchè in Comuni della Val d'Aosta una semplice impiegata comunale, scandendo l'elenco degli immobili risultanti a catasto, individua con solerzia tutte le seconde case e invia le relative cartelle di pagamento IMU e TARI che risultano inevase....

E poi chiacchierano da anni sulla RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Questa mattina ricevo due raccomandate (a me e mio figlio) di questo tenore:

La Società XYZ spa, su incarico del Consorzio NM per conto del Comune ABCD ..... e già questa trafila mi fa imbufalire...
... poiche dalle risultanze delle banche dati comunali risultano varie unità immobiliari, chiede, entro 15 giorni dalla presente ....
- elenco degli immobili di proprietà dal 31-12-2015...
- ubicazione immobile
- estremi catastali
- nominativo e codice fiscale dell'eventuale affittuario/comodatario ...
- compilazione della modulistica allegata

Ora, che sia doveroso che il Comune si attivi per riscuotere i tributi spettanti non ci piove:
che si inneschi questa catena di Sant'Antonio di enti a cascata per effettuare una operazione istituzionale, lo trovo vergognoso.
che i Comuni non siano (volutamente) ancora in grado di effettuare l'incrocio tra catasto e registrazione contratti di locazione, (che tra l'altro da anni hanno valenza anche come comunicazione ai Comuni stessi di cessione fabbricati) , mi pare scandaloso.

Lasciando il compito di "delazione" ai locatori, si possono così giustificare gli eventuali favoritismi e lacune sugli accertamenti doverosi:

chissà perchè in Comuni della Val d'Aosta una semplice impiegata comunale, scandendo l'elenco degli immobili risultanti a catasto, individua con solerzia tutte le seconde case e invia le relative cartelle di pagamento IMU e TARI che risultano inevase....

E poi chiacchierano da anni sulla RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Secondo te in valle d'Aosta hanno la densità di immobili (anche abusivi) o abitanti che ci sono in una qualunque provincia italiana?
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Lasciando il compito di "delazione" ai locatori
Tu la chiami delazione, secondo me si tratta di collaborazione tra il cittadino (locatore) e l'Ente pubblico.

Se io ricevessi una raccomandata simile risponderei velocemente, magari con un po' di soddisfazione nel pensare che qualche mio inquilino, o ex inquilino, furbetto che si "dimentica" di pagare la TaRi finalmente venga scovato.

Forse perché ho sempre cercato di essere collaborativa (ad esempio compilo ed invio al Comune le denunce TaRi dei nuovi conduttori, anche se spetta a loro occuparsene) pur biasimando le complicazioni ed inefficienze della p.a.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Ora, che sia doveroso che il Comune si attivi per riscuotere i tributi spettanti non ci piove:
che si inneschi questa catena di Sant'Antonio di enti a cascata per effettuare una operazione istituzionale, lo trovo vergognoso.
In comune chi ci lavora? Dipendenti comunali! Che caratteristica hanno i dipendenti comunali? Sono nati stanchi, e per fare un'operazione che tu fai in 5 minuti, loro impiegano dalle 5 alle 6 settimane.
Ecco perché passano la patata bollente ad enti esterni.
Lo so, fa schifo anche a me questo modo di lavorare, ma tant'è, e dobbiamo adeguarci.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Secondo te in valle d'Aosta hanno la densità di immobili (anche abusivi) o abitanti che ci sono in una qualunque provincia italiana?
Questa obiezione è banale: guarda le cartoline anni '50 di qualunque località turistica valdostana o ligure e confrontala con quelle panoramiche attuali, per renderti conto della densità e numero di nuove case, ovviamente di non residenti.

Ma non era questo il punto: tutti i dati richiesti sono già in possesso e a disposizione del pubblico; a maggior ragione delle amministrazioni anche comunali.
Possibile che siano sempre solo i cittadini a doversi occupare di reperire dati? Ed anche a posteriori?

Se non sono in grado di collegarsi, lo specifichino "ab origine": quando si concede in locazione oltre a registrare il contratto si invia specifica modulistica anche allo sportello comunale. Punto!

La realtà è che abbiamo una pletora di dipendenti della PA, che nonostante ciò non funziona! Ma per distribuire inutili pubblicazioni sulle azioni della amministrazione, in occasione delle elezioni, sono bravissimi
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Tu la chiami delazione, secondo me si tratta di collaborazione tra il cittadino (locatore) e l'Ente pubblico.
Tranquilla. Non mi fai ulteriormente imbufalire, perchè conosco da tempo la tua prassi e le tue posizioni.

Ho infatti virgolettato la parola "delazione", proprio pensando anche a cosa avresti risposto tu.. Certo che non si tratta di delazione: ma la mettono in modo così assurdo, che pare proprio una richiesta di quel genere.

Il guaio è che ad essere zelanti sono sempre i soliti, tu per prima e ... credimi,.... il sottoscritto come secondo

Ma non pensi che con questo sistema molti spudorati non avranno alcuna remora a far finta di nulla: del resto il proprietario che sanzioni avrebbe? Nessuna. E tutti questi enti, consorzi, società ecc. ..... faranno ben poco per arrivare comunque al dunque, e si sentiranno giustificati dalla mancata collaborazione dei cittadini..
Allora mi sento preso in giro: e come si pretende da te e da me di essere zelanti e collaborativi, pretenderei altrettanto zelo ed efficienza da enti e strutture da noi retribuite

La verità è che alla PA piace ... il gioco facile: forti coi deboli e deboli coi forti.
(vedi il tapino di Firenze: sarà stato anche evasore e moroso, ma con che faccia chiedono a distanza di 11 anni conto ad uno costretto a vivere per strada per anni?)

Vorrei maggiore tempestività e rigore da una parte, ma anche maggiore attenzione e soluzioni per situazioni drammatiche ed indecorose per un paese civile.
(A prescindere dal fatto singolo, di cui non conosciamo la realtà, i termini, la buona o cattiva fede)
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
il proprietario che sanzioni avrebbe?
Non mi è chiaro cosa sta scritto nelle raccomandate circa l'eventualità che il destinatario non risponda entro 15 gg, o non risponda affatto.
La Società XYZ spa minaccia sanzioni?
Credo di no, a meno che citi una norma che obbliga i proprietari degli immobili a fornire le informazioni richieste.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Per quanto riguarda i rapporti tra cittadini/contribuenti e la Pa, in parte sono d'accordo con chi se ne lamenta.
Ma, pur non volendo generalizzare e banalizzare l'argomento, a volte penso che ogni "popolo" ha i governi e gli organi amministrativi che si merita.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Non mi è chiaro cosa sta scritto nelle raccomandate circa l'eventualità che il destinatario non risponda entro 15 gg, o non risponda affatto.
No, ricorda solo che in caso di mancata risposta procederanno eventualmente ad un accertamento d'ufficio sulla base dei dati in loro possesso e/o autonomamente reperiti:
fa quasi sorridere. E cosa hanno aspettato a fare? Eventualmente? Roba da matti.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
No, ricorda solo che in caso di mancata risposta procederanno eventualmente ad un accertamento d'ufficio sulla base dei dati in loro possesso e/o autonomamente reperiti:
fa quasi sorridere. E cosa hanno aspettato a fare? Eventualmente? Roba da matti.
Non rispondere a nessuno e dormi tranquillo
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Io risponderei:
Spett.le XYZ ...
- gli immobili in mio possesso si possono desumere da una semplice visura delle banche dati catastali effettuando una ricerca per codice fiscale e comune;
- non sono tenuto a comunicare alla Vs. azienda né i dati dei miei conduttori, né l'uso che intendo fare dell'immobile; i primi, peraltro, sono in possesso dell'amministrazione finanziaria presso la quale ho provveduto a registrare i contratti di locazione;
- per quanto riguarda la TARI ho già provveduto a comunicare alla Vs. azienda i dati degli immobili per i quali sono soggetto alla Tassa in questione.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
No, ricorda solo che in caso di mancata risposta procederanno eventualmente ad un accertamento d'ufficio
Questo conferma quanto avevo pensato: i vari Enti potrebbero (e dovrebbero) procedere con i mezzi a loro disposizione.
Non avendolo fatto (per inerzia, disorganizzazione, ecc) chiedono la collaborazione dei cittadini.
Io, per il mio modo di pensare e agire, sono collaborativa e risponderei velocemente, sperando che trovino gli evasori della TaRi. Pur biasimando questo sistema, che non funziona o funziona male.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Ciò che non capisco di questa faccenda è il passaggio fra i vari Enti.

Anche qui a Torino il Comune per esigere la TaRi si avvale di una Società di riscossione, che emette le cartelle con i moduli per il pagamento e le spedisce ai contribuenti.

Nel caso di @basty il mittente delle raccomandate è un terzo soggetto: una Società di recupero crediti? Se così fosse, forse significa che il Comune ha già tentato di recuperare le tasse evase, non ci è riuscito e ha dato l'incarico ad una Società che non avendo accesso diretto ad altre banche dati si rivolge ai proprietari degli immobili.
 
Ultima modifica:

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
- per quanto riguarda la TARI ho già provveduto a comunicare alla Vs. azienda i dati degli immobili per i quali sono soggetto alla Tassa in questione.

Questo significa che tu @mapeit comunichi all'Ufficio tributi del Comune l'occupazione dei tuoi immobili ogni volta che ne affitti uno. Come faccio anch'io.
E' onere dell'inquilino presentare la dichiarazione TaRi appena ha stipulato il contratto di locazione.
Siccome alcuni non lo fanno, per dimenticanza o intenzionalmente, provvedo sempre io a compilare il modulo, farlo firmare dall'inquilino e inviarlo all'Ufficio tributi allegando copia del suo documento d'identità e codice fiscale.
 
Ultima modifica:

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Nel caso di @basty il mittente delle raccomandate è un terzo soggetto: una Società di recupero crediti?
No l’intestazione sembra riferirsi al Consorzio di bacino: la società ha ufficio al medesimo indirizzo del Consorzio ed è una spa nazionale che gestisce entrate e tributi.
Insomma sono rientrate dalla finestra le esattorie “private”.

A questo punto hai ragione tu. Tanto vale provvedere alla comunicazione Tari contestualmente alla sottoscrizione del contratto, specie per me che non risiedo in loco. Ma che palle....
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ciò che non capisco di questa faccenda è il passaggio fra i vari Enti.
Mi ricorda le gabole per mascherare il debito pubblico nazionale: basta inquadrarle a livello regionale, provinciale, comunale e altri enti ...

Oppure quella del conteggio degli addetti alla PA:
Vuoi istruzioni fiscali? La Agenzia delle Entrate ti indirizza ai commercialisti o caf
Vuoi istruzioni/informazioni previdenziali? L’INPS ti spedisce ai patronati
Devi fare una pratica di invalidità? Idem come sopra
Vuoi fare un contratto 3+2...?.: devi farlo asseverare da un sindacato firmatario degli accordi.

Va bene la specializzazione, ma insomma...
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

davideboschi

Membro Junior
Proprietario Casa
Ricordo che esiste una legge in base alla quale il cittadino non è tenuto a fornire alla Pubblica Amministrazione informazioni di cui questa sia già in possesso.

Non ricordo quale legge ma è facile trovarla: si tratta della legge (ormai vecchia) che ci permette l'autocertificazione cui da tempo siamo abituati.

Ciò detto, vale la pena di fare un piccolo sforzo se si tratta di aiutare la PA a trovare gli evasori. In fondo, se uno evade le tasse saremo tutti chiamati a pagare un po' di tasse in più, quindi va bene anche a me.

Il problema è che, oltre a non essere capace di trovarli da sola, la PA non è poi nemmeno capace di farsi dare i soldi, meno che meno di metterli in galera.

Chissà, magari un domani mi chiederanno (per raccomandata) se ho ancora il fucile da caccia di mio nonno, per farsi aiutare ad arrestarli.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

davideboschi

Membro Junior
Proprietario Casa
Secondo te in valle d'Aosta hanno la densità di immobili (anche abusivi) o abitanti che ci sono in una qualunque provincia italiana?
Vedo che spesso quando qualcuno scrive su questo forum, il tuo primo commento è per dargli contro.

Evidentemente ti diverti.

Ti diverti tanto che difendi perfino la PA, pur di dar contro al postante.

Di solito non rispondo, ma questa era troppo grossa.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
provvedere alla comunicazione Tari contestualmente alla sottoscrizione del contratto, specie per me che non risiedo in loco. Ma che palle....
Sì, è un lavoro in più per il locatore, o per chi svolge le pratiche in sua vece.
Ma è abbastanza facile: si scarica il modulo dal sito del Comune, lo si compila, l'inquilino lo firma, e si invia all'Ufficio tributi (per mail o fax, qui non chiedono la pec) allegando copia del suo documento.

Io faccio un controllo in più.
Verifico che la superficie dichiarata ai fini TaRi non sia inferiore all'80% di quella catastale. Se lo fosse, il Comune manda l'accertamento.
Preferisco verificare questo dato importante, perché in passato ho avuto inquilini "strafurbetti" che pagavano la TaRi, ma dichiaravano per un quadrilocale la superficie di un bilo.
La fantasia dell'evasore italiota non ha limiti!
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ricordo che esiste una legge in base alla quale il cittadino non è tenuto a fornire alla Pubblica Amministrazione informazioni di cui questa sia già in possesso.
Per la verità non è nemmeno così scontato: dovrebbero sapere tutto degli immobili locati, ma non come considerare quelli senza indicazione: sfittì? A disposizione? Insomma, non è il caso di fare guerre sante: però riflette la complessità e scarsa efficienza della macchina
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Art. 43 del D.P.R. 445/2000
"1. Le amministrazioni pubbliche e i gestori di pubblici servizi non possono richiedere atti o certificati concernenti stati, qualità personali e fatti che risultino elencati all'art. 46, che siano attestati in documenti già in loro possesso o che comunque esse stesse siano tenute a certificare. In luogo di tali atti o certificati i soggetti indicati nel presente comma sono tenuti ad acquisire d'ufficio le relative informazioni, previa indicazione, da parte dell'interessato, dell'amministrazione competente e degli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati richiesti, ovvero ad accettare la dichiarazione sostitutiva prodotta dall'interessato.

Art. 46
....
p) assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto
....
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto