• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

antoniorubino

Membro Attivo
Proprietario Casa
Una casa vuota e senza residenza di alcuno e neanche del proprietario che l'ha nella stessa città e che paga regolarmente la tari per dove ha la residenza, la deve o no pagare ?
 

gigasta

Membro Attivo
Proprietario Casa
Come giustamente a scritto Uva, per non pagare la TaRi l'unità immobiliare deve essere completamente senza arredi e senza allacci vari; a Torino funziona in questo modo. Verifichi col suo comune.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
non pagherà nemmeno l'IMU:
Qui a Torino un fabbricato "dichiarato inagibile, inabitabile e di fatto non utilizzato" paga l'IMU.
L'agevolazione consiste nella riduzione del 50% della base imponibile.

Ho riportato tra virgolette la dicitura del Comune; non so se la definizione di collabente (che a quanto dici comporta l'esenzione IMU totale) sia diversa. Forse dipende dalla categoria catastale attribuita all'immobile.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto