• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

francesca01

Nuovo Iscritto
Sto comprando un immobile da una persona che l'ha ricevuto in eredità dalla persona di cui era la badante, senza figli e vedova. L'acquisto è attaccabile in futuro da eventuali eredi al momento non apparsi? Ne rispondo io che ho comprato in buona fede o chi ha ereditato e venduto? grazie per l'aiuto
 

r.dapino

Nuovo Iscritto
Il codice civile prescrive che alcuni parenti del defunto abbiano dei diritti denominati "di legittima" sulla successione, ovvero che ad essi spetti comunque una porzione di eredità anche in presenza di diverse diposizioni testamentarie: essi sono il coniuge, i figli, gli eventuali nipoti in line retta (figli dei figli) per rappresentazione , i genitori. Sono esclusi dalla legittima e fratelli e sorelle del defunto e gli altri parenti in linea collaterale (ovvero parenti derivanti da fratelli e sorelle). Se la venditrice ha ereditato senza che vi siano eredi legittimi può liberamente vendere senza problemi: occorre però verificare come è pervenuta alla proprietà ovvero come è stata nominata erede: se con testamento "pubblico" o "segreto" in linea di massima non possone esservi problemi perchè il depositario del testamento è un pubblico ufficiale (notaio) che sostanzialmente ne garantisce l'autenticità; se invece il testamento era "olografo" ovvero scritto di pugno dal testatore, il notaio che lo ha pubblicato lo rende soltanto pubblico senza peraltro poterne garantire l'autenticità. In tal caso potrebbe (e sottolineo il condizionale) verificarsi la possibilità di un testamento apocrifo (ovvero falsificato) o quanto meno presunto tale dagli eredi che sarebbero stati chiamati senza la presenza del testamento: in la caso gli eredi potrevbbero far causa (anche penale) all'erede che tuttavia a giudizio di chi scrive è l'unico responsabile sia civilmente che penalmente.
Tuttavia, poichè l'acquisto di un immobile richiede la forma scritta e pubblica, operazione che può avenire solo con la presenza di un notaio, e considerato che l'acquirente ha diritto alla scelta del notaio (anche perchè è il soggetto che poi lo paga) il consiglio più spassionato è quello di girare il quesito anche al notaio prima dell'atto o comunque contestualmente allo stesso prima della sottoscrizione, che sicuramente saprà fornire ogni spiegazione in merito e sicuramente sarà fornita correttamente anche perchè la presenza del Notaio serve appositamente a tutelare l'acquirente.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, io sono cointestatario dell' appartamento in cui vivo, con mia moglie; volendo acquistare un altro appartamento e per usufruire di determinate agevolazioni dovrebbe risultare mia prima casa, pertanto, dovrei lasciare la cointestazione della prima casa. Questa operazione dovrà avvenire tramite atto notarile? ma soprattutto, quanto mi costerà?
Alto