• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

attilio

Nuovo Iscritto
ciao a tutti volevo sapere se alla scadenza di un contratto di comodato rinnovabile ogni anno se si vuole disdire il contratto stesso cosa occorre fare, si deve fare la risoluzione all'agenzia delle entrate o cosa? grazie anticipatamente
 
U

User_3122

Ospite
Dal momento che il contratto di comodato prevede la restituzione dell'immobile ceduto in qualsiasi momento, mi pare proprio inutile rinnovare il contratto ogni anno, e andare a pagare 168€ per registrarlo, 168€ per cancellarlo e altri 168€ per riregistrarlo di nuovo ............. :shock: :shock: :disappunto: :disappunto:
Solitamente si redige una volta, si registra (pagando 168€) e poi, al momento della restituzione si cancella (pagando 168€)
 
L

Loretta Grazia

Ospite
L'imposta di registro per la risoluzione è richiesta solo per i contratti di locazione, quindi per il comodato non devi fare nulla. Ciao
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto