• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

sasisilu

Membro Attivo
Proprietario Casa
Quesito 1)
Se alcuni condomini conferiscono le loro deleghe all'amministratore del condominio, lo stesso ne può usufruire per l'approvazione del bilancio e per una sua riconferma in qualità di amministratore?

Quesito 2)
Si verifica un danno all'appartamento di uno dei condomini per cause dovute a parti condominiali(es. terrazzo condominiale) e in assemblea non si raggiungono i millesimi per decidere l'intervento. Può l'amministratore decidere autonomamente i lavori da eseguire per evitare ulteriori danni al condomino e maggiori spese al condominio?
Grazie:fiore:
 

Antonio Azzaretto

Membro dello Staff
Quesito 1)
Premesso che questa questione potrà essere definita solo in contenzioso, la situazione della delega conferita all' amministratore in conflitto di interessi (come in questo caso) impone l' applicazione in via analogica di quanto la legge prevede in tema di società (articolo 2373 del Codice Civile); pertanto le delibere adottate con il voto favorevole dell' amministratore portatore di deleghe, deve essere sottoposta alla cosiddetta prova di resistenza:
Ove la delibera sia stata assunta con il voto determinante dell' amministratore, essa deve ritenersi annullabile (e quindi impugnabile entro i termini perentori di cui all' articolo 1136 del Codice Civile) in quanto non vi è stata possibilità di un concreto dibattito su argomenti rispetto ai quali l' amministratore poteva avere un interesse in contrasto con quello dell' Ente condomìnio.
Vale infatti il principio generale secondo cui il controllato, nel caso l' amministratore, non può essere contemporaneamente anche controllore di se stesso.
Il conferimento all' amministratore della delega, deve quindi ritenersi legittimo solo in relazione alla discussione e alla votazione su argomenti che non coinvolgono il suo operato o la sua responsabilità.
Più in particolare, è necessario distinguere a seconda dell' oggetto della delibera, ammettendo di regola la delega ma negando il diritto di voto allorquando siano in discussione questioni come il rendiconto della gestione o la nomina dell' amministratore.

Quesito 2)
L' amministratore è tenuto ad evitare danni anche potenziali a persone e/o cose.
Pertanto, se si tratta di evitare ulteriori danni, in caso di inerzia dell' assemblea, egli è tenuto ad agire autonomamente.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto