• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

tonio54

Membro Attivo
Proprietario Casa
Salve, in un assemblea sono stati deliberati i lavori di Bonus facciate con richiesta di sconto in fattura. Per gli assenti senza delega, aderiscono automaticamente o si devono esprimere?. L impresa appaltatrice deve fare fatture separate per chi non opta x lo sconto in fattura? Il preventivo era comprensivo dello sconto per tutti.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Salve, in un assemblea sono stati deliberati i lavori di Bonus facciate con richiesta di sconto in fattura. Per gli assenti senza delega, aderiscono automaticamente o si devono esprimere?. L impresa appaltatrice deve fare fatture separate per chi non opta x lo sconto in fattura? Il preventivo era comprensivo dello sconto per tutti.
Bella domanda, cui ho già risposto in altra discussione simile.

In teoria ciascun condomino può optare per il metofo preferito. In teoria ....

In pratica non ho mai visto un preventivo con sconto in fattura , dove il fornitore esplicita la maggiorazione applicata per farsi carico delle detrazioni decennali, degli oneri finanziari, compreso il suo margine.

E mi è già capitato che dopo aver fatto un preventivo senza sconto, non abbiano più voluto/gradito modificarlo con sconto in fattura. Immagino anche il viceversa.

Quindi, in base al medesimo preventivo, se rinunci allo sconto in fattura vai a pagare una cifra maggiorata (+30-40%) rispetto al normale: non ha senso.

Senza contare la difficoltà dello scorporo e emissione di fatture singole.

Chi ha pensato alla legge, non ha considerato gli aspetti reali: quel meccanismo può funzionare al massimo in piccoli condomini di 2-4 condomini
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Fare lo "sconto in fattura" implica una serie di adempimenti ...quindi più che plausibile un sovraprezzo/supplemento.
Se si cede il bonus a terzi vi sarebbero comunque ulteriori spese ed uno "sconto" sul bonus.
Nessuno anticipa i soldi per 5 o 10 anni ...a gratis.

Il "busillis" è verificare che tale "addebito/sconto" non venga caricato anche a chi decide di recuperare il bonus direttamente nella propria Dichiarazione dei Redditi.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Il "busillis" è verificare che tale "addebito/sconto" non venga caricato anche a chi decide di recuperare il bonus direttamente nella propria Dichiarazione dei Redditi.
Più che verificare , ..... tu hai visto mettere in pratica tale situazione? Accettata dal fornitore?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Il fornitore che concede lo sconto n fattura dovrebbe calcolare un fisso per la gestione della pratica ed una quota proporzionale alla dilazione che dovrà subire per rientrare delle quote.
Giocoforza se il bonus prevede 10 anni tali "maggiorazioni" saranno sostanziose.

Solitamente nessun fornitore (tranne i Grandi Gruppi) si caricano tale onere ma cedono a loro volta lo sconto a qualche finanziaria ricevendo meno di quello che avrebbe il privato agendo direttamente.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Io mi riferivo al trattamento differenziato tra i vari condòmini: già è difficile avere lo sconto in fattura:
- che poi si emettano fatture parziali differenziate in capo ad alcuni condòmini che non chiedono lo sconto in fattura la vedo dura
- che il fornitore sia disposto ad esplicitare la quota di sovraprezzo applicata per praticare lo sconto in fattura, mi pare dubbio: e poi come gestire le differenze tra condòmini?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Non serve alcuna "fatturazione parziale differenziata".
La ditta "acquista/sconta" una importo dalla fattura...la gestione di chi deve versare cosa compete al Condominio.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Non serve alcuna "fatturazione parziale differenziata".
La ditta "acquista/sconta" una importo dalla fattura...la gestione di chi deve versare cosa compete al Condominio.
Sarà: praticamente non riesco ad immaginarmi come il Condominio riesca a ripartire ed incassare le quote con alcuni condomini che scelgono lo sconto in fattura, altri che cedono il credito, e altri che detraggono direttamente. Il tutto a copertura dell’importo fatturato
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Basic:
Lavori 1000
4 proprietari 250 millesimi cadauno per facilitare il calcolo 2 non vogliono cedere il bonus.
1000x90%/2= 450 Fattura 1000-300 (sconto fatto dalla ditta o ceduto a terzi)
Condomino A lo cede = paga 100
Condominio B lo cade= paga 100
Condomino C lo detrae direttamente = paga 250
Condomino D lo detrae direttamente = paga 250
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Purtroppo sono duro di comprendonio. Evidentemente mi sfugge qualcosa.

Lavori 1000
C e D detraggono direttamente, quindi versano all'amministratore 250
A e B vogliono lo sconto in fattura.
Il Lavoro è quotato 1000: A e B dovrebbero farsi carico di 1/2, quindi 500: lo sconto in fattura massimo (90%) sarebbe 450: resterebbe scoperto 50, da ripartirsi tra A e B

Perchè ipotizzi uno sconto della ditta di 300?
Se 1000 corrisponde al preventivo del fornitore, che ha incluso gli oneri per oparare lo sconto in fattura, C e D rinunciando allo sconto si troveranno a pagare un sovraprezzo che non avrebbero avuto se avessero contrattato il lavoro al netto.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Perché la ditta che ti fa lo sconto in fattura ti addebita una spesa per la gestione della pratica oltre ad un calcolo degli interessi per la durata del recupero.
 

tonio54

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie delle spiegazioni tecniche. Pero' non riesco a giustificare la ditta che , alla nostra richiesta dello Sconto in Fattura, ha raddoppiato i prezzi( da 100.000 a 200.000) dicendo che utilizzava un altro prezziaria. Il direttore ai lavori, come fa ad asseverare una cifra cosi' gonfiata?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Perché la ditta che ti fa lo sconto in fattura ti addebita una spesa per la gestione della pratica oltre ad un calcolo degli interessi per la durata del recupero.
Che la ditta addebiti i costi di gestione e finanziari è fuori discussione.

Proprio per quello la mia perplessità, sta nel fatto che la possibilità di scegliere tra sconto in fattura e detrazione diretta, sia di fatto solo teorica: aritmeticamente tutto è possibile: ma una volta avuto un preventivo che prevede lo sconto in fattura, chi opta per detrarre autonomamente, si tira la zappa sui piedi.

Ps: lo avevo scritto ma inavvertitamente non inviato, prima del post 12 di Tonio: che conferma quanto sostenevo.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
@tonio54 scrive una cosa diversa: non avevano concordato lo "sconto del bonus in fattura"...quindi avevano avuto un preventivo senza sconto.

Ora che lo vogliono la ditta chiede il doppio...cosa inconcepibile in un preventivo di 100mila Euro.

Ps.
Rispetto al primo messaggio pure @tonio54 ha "cambiato le carte in tavola"
 
Ultima modifica:

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Se fai un lavoro da 1000 Euro e chiedi di scontare il bonus in fattura e facile che ti chiedano 400 Euro (gestione pratica ed interessi)...al crescere della cifra il costo della "gestione pratica" è sempre lo stesso...quindi l'incidenza percentuale diminuirà.

Dire che hanno chiesto il doppio lascia intendere altre cose...perseguibili penalmente.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho due entrate nella mia proprietà. Il numero civico va messo solo all'entrata pedonale o anche al carrabile? Sono separati da molto muro di recinzione e spesso postini e corrieri citofono al carrabile quando la cassetta della posta è al pedonale. Cosa posso fare? Grazie
Alto