• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Lucevioletta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buonasera, sono unico proprietario dei muri di un negozio (con cessata attività) al piano terra, comunicante con la cucina, e camere dell'appartamento dove vivo. E' una piccola casa indipendente. Per accedere all'appartamento si passa dal negozio con unico numero civico. Sto ristrutturando il negozio e l'appartamento. Ho presentato Cila, solo per il bagno disabili nel negozio come manutenzione straordinaria (approvata) e nel resto del negozio e dell'appartamento sto facendo manutenzione ordinaria (pavimenti, tinteggiatura ecc..) Avrei la possibilità di chiedere lo sconto di fattura del 50% in accordo con la ditta che mi fa i lavori. Dal momento che negozio e appartamento sono comunicanti, ci sarebbero le condizioni per chiedere lo sconto fattura? Oppure viene considerato tutto come separato e devo rassegnarmi. In ogni caso che aliquote IVA verrebbero applicate? Grazie mille
 

Lucevioletta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Grazie mille della risposta. Quindi neanche la costruzione del bagno disabili e l'eliminazione delle barriere architettoniche nel negozio sono oggetto di bonus?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
I "negozi" detraggono la spesa....ma non ho capito sevtu eserciti una attività i proprio o se il negozio lo dai in affitto.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Vi è la stranezza di un unico numero civico...ma da quanto ho capito catastalmente il negozio non è inquadrato come abitazione...quindi nessun "bonus" ristrutturazione per rifacimento pavimenti.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Bisogna chiedersi come sia inquadrato catastalmente il negozio. Mi ricorda i negozi etti di paese che erano una stanza a pt della abitazione del titolare.

In futuro si pensa ancora di affittarlo come negozio o convertire il tutto come abitazione?
 

Lucevioletta

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Bisogna chiedersi come sia inquadrato catastalmente il negozio. Mi ricorda i negozi etti di paese che erano una stanza a pt della abitazione del titolare.

In futuro si pensa ancora di affittarlo come negozio o convertire il tutto come abitazione?
Grazie della risposta. Si, è proprio così, casa e bottega. Penso di affittarlo in futuro ma non ora. Al catasto è catalogato come negozio e con lo stesso numero civico è catalogata l'abitazione, aperta e comunicante come da disegno. Comunque, visto che il geometra non lo sa, mi interessava sapere se era possibile chiedere lo sconto in fattura sulla manutenzione straordinaria del negozio.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
mi interessava sapere se era possibile chiedere lo sconto in fattura sulla manutenzione straordinaria del negozio
Il diritto alla detrazione fiscale, e quindi la possibilità di optare per lo sconto in fattura, è riservato alle unità immobiliari a uso abitativo, individuate dal gruppo catastale A (con l'eccezione della categoria catastale A/10).
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto