• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

sergio 41

Membro Attivo
Proprietario Casa
Salve a tutti, ho dato in locazione come persona fisica un appartamento di cat.A2 con contratto "ad uso abitativo con facoltà di sublocazione anche turistica c.d. breve" e la domanda è questa:
le recenti disposizioni relative ai ristori statali per covid prevedono anche nel mio caso l'esenzione dal pagamento della seconda rata IMU? La prima rata è stata regolarmente pagata non essendo prevista l'esenzione.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
le recenti disposizioni relative ai ristori statali per covid prevedono anche nel mio caso l'esenzione dal pagamento della seconda rata IMU?
No.
Art. 9, comma 1 del D.L. n. 137/2020:
[...]
non è dovuta la seconda rata dell'imposta municipale propria (IMU) di cui all'articolo 1, commi da 738 a 783, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, concernente gli immobili e le relative pertinenze in cui si esercitano le attività indicate nella tabella di cui all'allegato 1 al presente decreto, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.
 

Gagarin

Membro Assiduo
Professionista
prevedono anche nel mio caso l'esenzione dal pagamento della seconda rata IMU?
Illuso! Qui stiamo parlando di gente che fa ben attenzione a colpire i nemici (che non votano per loro) e ad aiutare gli amici: vedi il blocco degli sfratti (anche pregressi ed anche per morosità!) senza alcun "ristoro" per i proprietari. D'altra parte il loro gioco è quello di eliminare tutto ciò che non è sostenuto dallo Stato, creando una sorta di dipendenza dallo stesso ed eliminando la libera professione, il commercio libero e, in definitiva, anche il libero pensiero, per loro tanto deleterio: altro che la vecchia Russia di Stalin!
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Ma io mi riferivo a case private senza esercizi commerciali o simili, in effetti mia moglie ha la quarta parte dell'abitazione dei genitori avuta in eredità attualmente disabitata.
Poi apro un topic del caso
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
:innocente:
Acc. mi freghi sempre sei come la Sibilla e rappresenti benissimo la tigre che ti raffigura cadi sempre sulle quattro zampe

No il topic è per una ragione inerente non per questo motivo
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
E' stato prorogato al 28 Febbraio 2021 il versamento del saldo IMU 2020 presumo per tutti giusto?
No, è sbagliato.
Resta fermo il termine per il versamento dell’imposta municipale propria (IMU) previsto per il 16 dicembre 2020 ai sensi dell’articolo 1, comma 762, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, da effettuare sulla base degli atti pubblicati nel sito internet del Dipartimento delle finanze del Ministero dell’economia e delle finanze.
Però ai comuni viene concesso più tempo per approvare le aliquote applicabili, fino al 31 dicembre 2020.
L’eventuale differenza positiva tra l’IMU calcolata sulla base degli atti pubblicati e l’imposta versata entro il 16 dicembre 2020 è dovuta senza applicazione di sanzioni e interessi entro il 28 febbraio 2021. Nel caso emerga una differenza negativa, il rimborso è dovuto secondo le regole ordinarie.
 

sergio 41

Membro Attivo
Proprietario Casa
Hai ragione Nemesis (come sempre!) avevo interpretato male l'articolo su Informazione Fiscale forse sperando in un Natale più leggero!
Però... grazie.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
L’eventuale differenza positiva tra l’IMU calcolata sulla base degli atti pubblicati e l’imposta versata entro il 16 dicembre 2020 è dovuta senza applicazione di sanzioni e interessi entro il 28 febbraio 2021.
Se ho capito bene, la scadenza del 28/2/2021 per conguagliare la differenza riguarda solo i contribuenti dei Comuni che al 16 di questo mese non avranno ancora deliberato le aliquote IMU 2020.

Se invece vengono rese note le nuove aliquote entro il 16/12/2020, bisogna calcolare il saldo in base ad esse e versarlo entro questa scadenza, giusto?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
la scadenza del 28/2/2021 per conguagliare la differenza riguarda solo i contribuenti dei Comuni che al 16 di questo mese non avranno ancora deliberato le aliquote IMU 2020.
Come avevo già scritto, iI comuni hanno tempo fino al 31 dicembre 2020 per approvare le nuove aliquote del 2020. I contribuenti, a loro volta, hanno tempo fino al 28 febbraio 2021 per pagare l'eventuale differenza, o conguaglio appunto, tra quanto corrisposto il 16 dicembre 2020 - scadenza che rimane invariata - e quanto dovuto in base alle nuove aliquote.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
La mia domanda riguarda il seguente caso ipotetico:

1) Il Comune delibera le nuove aliquote IMU entro il 16/12/2020, aumentandole rispetto all'anno precedente.
2) Il contribuente versa entro il 16/12/2020 il saldo IMU 2020 applicando le vecchie aliquote (in pratica versa lo stesso importo dell'acconto di giugno).
3) Il contribuente verserà il conguaglio (calcolerà il saldo in base alle nuove aliquote e pagherà la differenza) il prossimo anno, entro il 28/2/2021.

Mi domandavo se questa procedura è corretta.
Penso di no, perché entro la scadenza del 16/12/2020, che rimane invariata, le nuove aliquote erano già deliberate e conoscibili dai contribuenti di quel Comune.
 

Gagarin

Membro Assiduo
Professionista
Penso di no, perché entro la scadenza del 16/12/2020, che rimane invariata, le nuove aliquote erano già deliberate e conoscibili dai contribuenti di quel Comune.
La procedura, ideata dal solito MCCS (Ministero Complicazione Cose Semplici) è corretta; resta il fatto che, laddove il Comune abbia già deliberato le nuove aliquote 2020 (come il caso di Roma e molti altri Comuni) il saldo di dicembre si potrà (=dovrà) pagare per intero e non si dovrà conguagliare nulla successivamente.
 

sergio 41

Membro Attivo
Proprietario Casa
La procedura, ideata dal solito MCCS (Ministero Complicazione Cose Semplici) è corretta; resta il fatto che, laddove il Comune abbia già deliberato le nuove aliquote 2020 (come il caso di Roma e molti altri Comuni) il saldo di dicembre si potrà (=dovrà) pagare per intero e non si dovrà conguagliare nulla successivamente.
Parlando di Roma vorrei capire: l'aliquota IMU 2019 seconda casa era 1,06% e per il 2020 rimane invariata. L'aliquota TASI 2019 0,8 per 1000 di cui 20% a carico inquilino. Il primo versamento fatto per il 2020 è stato della metà di quanto versato per IMU+Tasi del 2019
il versamento a saldo del 16 dicembre sarà inferiore di quanto versato a giugno in quanto la Tasi è stata accorpata nell'aliquota IMU che essendo rimasta invariata di fatto si è ridotta. E'giusto il ragionamento?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
il versamento a saldo del 16 dicembre sarà inferiore di quanto versato a giugno in quanto la Tasi è stata accorpata nell'aliquota IMU che essendo rimasta invariata di fatto si è ridotta.
L'aliquota IMU non è rimasta invariata, dato che l'aliquota 2020 è l'1,14%.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Affitto immobile a stranieri ed occupato da più persone
Ho affittato un appartamento ad un ragazzo extracomunitario con regolare contratto registrato, ma ho saputo che adesso in quell'appartamento ci vivono anche altri due ragazzi non parenti tra di loro anch'essi extracomunitari, volevo sapere se hanno diritto a viverci e se ho delle responsabilità e sopratutto corro il rischio di essere denunciato dai miei vicini?
Alto