• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Renzo Gatta

Nuovo Iscritto
Sto vendendo un terreno con una casa in costruzione al rustico completa di tetto, dove ho già provveduto ad eseguire l'accatastamento provvisorio del fabbricato in costruzione.
Il terreno prima era agricolo (avuto per sucessione), chiaramente mi troverò a pagare una plusvalenza molto alta.
Secondo la risoluzione 23/E/2009 dell'Agenzia delle Entrate, la vendita di un fabbricato in costruzione può essere assimilato alla vendita di un terreno edificabile.
Credo, fortunatamente per me, la finanziaria 2010 a reinserito la rivalutazione dei terreni edificabili, con perizia giurata, dove si va a pagare il 4% sulla plusvalenza.
Come la devo interpretare nel mio caso:
1 soluzione; devo fare la rivalutazione del solo terreno e poi aggiungo i costi (fatturati) di costruzione del fabbricato e dalla somma di questi ottengo il valore da cui poi calcolare la plusvalenza
2 soluzione; posso fare la rivalutazione completa, nuovo valore del terreno più il valore del fabbricato al rustico
 
L

Loretta Grazia

Ospite
Un tecnico abilitato ti fa la perizia giurata del valore del terreno edificabile al 01/01/2010 e su quello paghi l'imposta sostitutiva del 4%. Al momento della vendita, aggiungerai a detto valore le spese incrementative fatturate. Ciao
 

niko68

Membro Attivo
Scusate ma come spesa da aggiungere al valore è inteso anche l'imposta pagata nella rivalutazione?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto