• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

carlor

Nuovo Iscritto
Salve a tutti. Utente di energia elettrica con contatore elettronico, mi è arrivata una comunicazione del fornitore che mi dice: se non vuoi passare alla tariffa bioraria, devi firmare il mantenimento del contratto. Poi mi dice: se firmi, aderisci all'offerta a mercato libero. Ora faccio queste considerazioni. Innanzitutto, se un cliente non dice nulla non dovrebbe veder annullato il contratto in corso. Secondo, se io firmo, perché devo passare in ogni caso ad un altro contratto: non ho diritto a proseguire con quello in corso? Terzo: è veramente conveniente la tariffa bioraria? Ho fatto un conticino per conoscere il costo energia di una settimana con il contratto in corso e con quello della tariffa bioraria (vorrei dire monofregatura e bifregatura, ma non lo dico), facendo l'ipotesi di un carico costante e pari ad 1 kW (chilowatt): nel caso monorario pagherei 13,5 euro, nel caso biorario 15,5 euro. Voi che ne pensate? Grazie!
 

valapril

Membro Attivo
Proprietario Casa
Dico la mia: nella bolletta dell'Enel da un paio di volte, c'è la proiezione dei consumi nelle tre fasce orarie. Ho fatto qualche piccolo calcolo e, nel caso della mia famiglia, sono arrivato alla conclusione che dal punto di vista economico la bioraria mi farebbe spendere di più di quanto spendo e spenderei con la monoraria. Un'associazione di consumatori (Altroconsumo, sito consultabile gratuitamente) ha fatto calcoli molto più approfonditi dei miei ed è arrivata alla conclusione che con i miei livelli di consumo conviene la tariffa "Enel Light". Naturalmente dal punto di vista dell'ambiente, nulla toglie che la persona sensibile alle problematiche connesse non possa spostare alle ore notturne o serali (regolamento condominiale permettendo) quella parte dei propri consumi che lo consentono, pur continuando a rimanere all'interno di una tariffa monoraria.
 

carla galvan

Membro Ordinario
Sono d'accordo, io mi sono lasciata convincere a passare alla bioraria e dopo i primi 4 mesi in vui la bolletta sembrava diminuita rispetto alla precendente di circa Euro 50, mi sono ritrovata con una bolletta di euro 800 da pagare e a questo punto non so più che fare, ho chiesto che mi allunghino i pagamenti e così hanno fatto.
Allora mi chiedo, dov'è il risparmio, visto i sacrifici per far funzionare gli elettrodomestici solo la sera e il weekend??
ciao Carla
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve , vorrei chiedere se qualcuno conose la normativa riguardante la costruzione di una scala a rampe con pianerottoli in acciaio per accedere a tre appartamenti. Questa sarebbe costruita nella chiostrina in aderenza a più vicini in cui io ho una terrazzina con porta di accesso che risulteremme a 80 cm. di distanza grazie ha chi vorrà rispondermi
Salve a tutti , volevo porre un quesito. Ho acquistato una casa Novembre 2017, seconda casa , che fino ad oggi è stata la residenza di mia figlia e il figlio. Ho messo in vendita la casa e ho trovato un acquirente che mi offre quasi il doppio di quanto pagato. Ai sensi dell'art. 67 del TUIR essendo stata residenza di mia figlia devo pagare o meno la plusvalenza ?? Grazie per chi potrà darmi risposte
Alto