• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Alesss78az

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buonasera,
la terza coinquilina è entrata da aprile del 2019, siamo tutti nel contratto da luglio dello stesso anno. Tutte le utenze sono a mio nome considerato che vivo qui dal 2006. All'inizio era una brava persona, poi visti i precedenti affittuari ho pensato che scegliendone una di grande età (51 anni) potesse essere più matura e responsabile. Lavora in un'azienda di metalmeccanica con un contratto indeterminato. Gia dal suo arrivo, la stanza affittata l'ha trasformata in un magazzino che non ha mai pulito sino ad oggi. Non riesco a capire come mai il suo atteggiamento sia cambiato, non saluta da ormai 2 mesi, non risponde alle mie richieste di soldi sulle bollette e mi da le spalle mentre se ne torna nella sua camera/discarica. La stanza è diventata un nido di tarme del cibo spiacicate nel muro, nello specchio ecc...
Se faccio la denuncia all'Asl lei esce, verrà anche multata? :D
Se esce, come faccio a riscuotere i soldi già versati per le bollette? E per quelle che verranno dopo? E per i danni causati in quella stanza?
Se decido di mettere un legale, posso chiedere i danni morali?
Grazie a tutti per le risposte.
 

Allegati

vittorievic

Membro Attivo
Proprietario Casa
prima riesci a farla andare via e minori danni, che già hai, avrai. Secondo me è una persona che deve essere seguita da un centro di igiene mentale. Se la casa non è tua avvisa chi ne ha la proprietà, poi puoi avvisare in comune o in ospedale il centro che si occupa dei disagiati mentali. Prima di venire da te dove abitava? In ufficio dove lavora cosa dicono, l'iglesiente non è molto grande.
 

Alesss78az

Nuovo Iscritto
Conduttore
Ho corretto l'account, credevo di dover scrivere il luogo di nascita, ma ora vivo a Bologna e questo personaggio è di Ferrara. Ho già avvisato la proprietaria, dice che non può fare niente perché chi deve fare la denuncia è il conduttore. Effettuando una denuncia scritta ed inviata all'ASL posso poi essere contattato per un eventuale visita a casa. Per quanto riguarda la sua mentalità, concordo ma non posso decidere io cove dovrebbe essere integrata. Per ora devo solo disfarmene ma vorrei rivecere i soldi che mi deve e scoprire se i danni possono essere pagati da lei. Prima abitava in un'altra via della città, poi non conosco i suoi colleghi perché non li porta mai a casa.
 

vittorievic

Membro Attivo
Proprietario Casa
la proprietaria, dice che non può fare niente perché chi deve fare la denuncia è il conduttore.
solo se tu hai il contratto d'affitto per tutto l'appartamento e sei autorizzato al subaffitto. In tutti gli altri casi è la proprietà che se ne deve occupare. I danni per la ripulitura e la disinfezione potrebbero essere chiesti a te se hai l'autorizzazione al subaffitto.
vorrei rivecere i soldi che mi deve
Auguri; con un soggetto del genere mi sa che farai un buco nell'acqua.
poi non conosco i suoi colleghi perché non li porta mai a casa
ma io intendevo chiedere info sul luogo di lavoro sei tu che devi andare mica aspettare dei suoi amici.
 
Ultima modifica:

Alesss78az

Nuovo Iscritto
Conduttore
sono nel contratto con la sporcacciona ed un'altra, non abbiamo un contratto individuale e non ho l'autorizzazione per subaffittare. I danni li devono pagare chi è nel contratto e lascia l'appartamento per restituirlo intatto alla proprietaria. Essendo in tre, questo soggetto già nei mesi scorsi diceva che tenere questa casa per sè significa poi spendere un capitale per ristrutturarla. (Le raccontavo quando era in pace con la sua coscienza che presto avrei abbandonato questa casa per recarmi altrove per conto mio.) Io infatti le avrei lasciato 250/300€ e lei non era tanto convinta. Ora che dovrà essere lei ad uscire per prima, chi paga? E se prendo un legale, riuscirò a farmi restituire i soldi delle bollette e per non andare via a mani vuote perché l'avvocato costa e il rientro nelle spese non verrà ripagato... chiedere i danni morali? Almeno per dimostrarle che non può fare la furba se convive con altre persone. Intanto ultimamente sta ricevendo raccomandate di pagamenti che firmo io per ricevimento, ho visto che c'è n'era una dal tribunale.

ma io intendevo chiedere info sul luogo di lavoro sei tu che devi andare mica aspettare dei suoi amici.

Non ci penso minimamente ad andare nella sua azienda, non me ne frega niente. Ciò che conta è la situazione in cui si trova vista la sua stanza. Da come si comporta e dalla pulizia si riconosce una persona. Poi se lei ha raccontato le sue versioni positive sulla sua coscienza pulita e noi passiamo per quelli bastardi, quando verrà cacciata con la denuncia, per forza quelli che la consigliavano dovranno ricredersi.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
sono nel contratto con la sporcacciona ed un'altra, non abbiamo un contratto individuale
Quindi tu, la "sporcacciona" e la terza persona siete responsabili in solido verso la proprietaria per i pagamenti e anche per la corretta conduzione dell'immobile. Se la stanza verrà rilasciata sporca e danneggiata rischi di doverne rispondere anche tu.

chiedere i danni morali?
Un avvocato ti saprà consigliare, ma penso che difficilmente verrai risarcito dei danni "morali". E per il rimborso delle bollette forse non vale la pena iniziare una pratica legale (richiesta di decreto ingiuntivo, ecc) lunga e costosa.

sta ricevendo raccomandate di pagamenti che firmo io per ricevimento,
Perché firmi e ritiri le raccomandate indirizzate alla coinquilina? Se lei non c'è e non la ritira in giacenza all'ufficio postale, la sua posta (che non ti riguarda) verrà restituita ai mittenti.

Ho già avvisato la proprietaria, dice che non può fare niente perché chi deve fare la denuncia è il conduttore.
E' anche interesse della proprietaria impedire che il suo appartamento venga sporcato e danneggiato.
In genere nei contratti di locazione c'è una clausola per la quale "il conduttore deve consentire l'accesso all'unità immobiliare al locatore, al suo amministratore nonché ai loro incaricati ove gli stessi ne abbiano, motivandola, ragione".
E' opportuno che la proprietaria si rechi in quella casa per verificarne lo stato di manutenzione e pulizia. Poi le varie denunce all'Asl, Polizia Municipale, ecc. fatele insieme.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
è entrata da aprile del 2019, siamo tutti nel contratto da luglio dello stesso anno. Tutte le utenze sono a mio nome considerato che vivo qui dal 2006.

Non è chiaro di che tipo di contratto si tratta.
Tu hai affittato quella casa nel 2006 e successivamente il contratto è stato rinnovato fino ad ora?
Oppure il contratto originario è stato sostituito da quello attualmente in essere, cointestato a voi tre? E quando scade?
 
Ultima modifica:

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ci mancava solo il gatto in un appartamento! Mi auguro che sia un ospite della tua coinquilina, perché già non riesce a badare a se, immagino come sarà la convivenza con l'animale (quello peloso).
Da corregionale aggiungo: E gei d'as fatta bella!
 

Alesss78az

Nuovo Iscritto
Conduttore
Perché firmi e ritiri le raccomandate indirizzate alla coinquilina? Se lei non c'è e non la ritira in giacenza all'ufficio postale, la sua posta (che non ti riguarda) verrà restituita ai mittenti.
E' vero, non dovrebbe importarmi, ma in parte mi sento uno di casa, uno che fa tante cose anche troppe per meglio dire nonostante venga trattato male. Potrebbe anche essere dipeso dal mio passato, ho subito violenze di bullismo, ma quelle persone continuavo a rispettarle forse perché sono troppo buono. Anche per vedere chi oltre alla nostra convivenza potesse mandarle delle raccomandate tanto urgenti, infatti c'è n'era una dal tribunale. :D

In genere nei contratti di locazione c'è una clausola per la quale "il conduttore deve consentire l'accesso all'unità immobiliare al locatore, al suo amministratore nonché ai loro incaricati ove gli stessi ne abbiano, motivandola, ragione".

Nel contratto non c'è questa clausola, poi non l'avrei neanche capita. Dice solo che dovrà essere restituita intatta come mi è stata consegnata.
 

Alesss78az

Nuovo Iscritto
Conduttore
è entrata da aprile del 2019, siamo tutti nel contratto da luglio dello stesso anno. Tutte le utenze sono a mio nome considerato che vivo qui dal 2006.
E' un contratto 4+4 con cedolare secca, permettendo l'ingresso ad altre persone, loro chiedevano di entrare nel contratto altrimenti non avrebbero accettato l'ingresso in casa, avevo assolutamente bisogno che qualcuno alleggerisse l'affitto. Molti erano studenti e dopo un anno se ne andavano, cercavo una lavoratrice fissa ed eccola qua. Dal 2006 sono stati effettuati circa 3 contratti a mio nome su 4, l'ultimo a luglio del 2019 per far entrare la sporcacciona.
 

Alesss78az

Nuovo Iscritto
Conduttore
Ci mancava solo il gatto in un appartamento! Mi auguro che sia un ospite della tua coinquilina, perché già non riesce a badare a se, immagino come sarà la convivenza con l'animale (quello peloso).
Da corregionale aggiungo: E gei d'as fatta bella!
Io invece dico : (ge dasi f'vatta bella!) sperando che si scrivi così.
Il gatto è mio e ne ho un'altro, lei lascia aperta la porta proprio per loro, e non solo quella ma anche cucina, bagno poi devo pulire io. Gli permette tutto nonostante io le abbia dato delle regole: gli da da mangiare fuori e prima dei pasti cose grasse... lei fa come le galline e i piccioni, quattro volte in un giorno gli dai cose buone, è ovvio che poi loro vengono da te per abitudine. ;(


io so che il tavolo in cucina è pulito perché la regola impone proprio questo, con sicurezza appoggio il piatto, pronto per la cena e trovo qualche pelo che passeggia dalle correnti d'aria... mi assale un nervoso assurdo. Come faccio a farle capire queste benedette regole che continua a vìolare???
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Se il contratto 4 + 4 attualmente in essere cointestato a @Alesss78az, alla "sporcacciona" e al terzo coinquilino è stato stipulato a luglio 2019, la proprietaria non può disdettarlo a breve per impedirne il rinnovo.
Però può fare un sopralluogo in quella casa (in assenza della "sporcacciona" può entrare facendosi aprire da @Alesss78az ) per constatare i fatti e imporre alla "sporcacciona" di ripulire tutto o lasciare l'appartamento. Facendo anche le denunce all'Asl e alla Polizia Municipale.
E' interesse e onere della proprietaria occuparsi di questa brutta situazione.
 

Alesss78az

Nuovo Iscritto
Conduttore
Però può fare un sopralluogo in quella casa (in assenza della "sporcacciona" può entrare facendosi aprire da @Alesss78az ) per constatare i fatti e imporre alla "sporcacciona" di ripulire tutto o lasciare l'appartamento. Facendo anche le denunce all'Asl e alla Polizia Municipale.
E' interesse e onere della proprietaria occuparsi di questa brutta situazione.

L'immobile è a rischio danni da parte di un conduttore nel contratto, in sua risposta dice che soltanto io devo occuparmene chiamando l'Asl. Se la proprietaria fa le denunce viene presa più in considerazione?
 

vittorievic

Membro Attivo
Proprietario Casa
"L'immobile è a rischio danni da parte di un conduttore nel contratto, in sua risposta dice che soltanto io devo occuparmene chiamando l'Asl. Se la proprietaria fa le denunce viene presa più in considerazione?"
fattelo mettere per iscritto e non solo n forma verbale. Nel frattempo cercati una casa più a dimensione di un single, senza convivenze.
 

Alesss78az

Nuovo Iscritto
Conduttore
Ora non posso perché sono in cassa integrazione. L'azienda non apre più e sono in accordo per la liquidazione. Non appena sarò fuori dall'azienda potrò cercare un lavoro e cambiare persino città. Ora mi toccherà agire con denunce e robe varie per togliermi di mezzo questa situazione. Avrei preferito agire in un altra maniera, magari civile ma la sporcacciona non mi lascia scelta.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Non ci sono gli estremi per una vera e propria "denuncia" e credo che il legale possa fare ben poco verso una che non ritira le raccomandate e che non ha beni sui quali rivalersi. Lasciando da parte i soldi che ti deve e che difficilmente recupererai, ti conviene rivolgerti agli assistenti sociali del Comune chiedendo loro di fare un sopralluogo nell'abitazione perché questi possono poi contattare la proprietaria e far intervenire sia l'ASL, sia la Polizia Urbana, in caso di pericoli per la salute. Evidentemente la persona soffre di un disagio mentale e va seguita dai servizi sociali. Senti cosa ti dicono e, se si rifiutano di intervenire, contatta direttamente la ASL di competenza richiedendo un sopralluogo poiché temi per la tua salute vista la sporcizia e la presenza di parassiti ecc.
 

Alesss78az

Nuovo Iscritto
Conduttore
Ci sono novità! Grazie all'aiuto di un mio amico Avvocato civile, ho potuto costruire una segnalazione-denuncia all'ASL inviata con la PEC senza allegati. Hanno risposto che secondo la mia descrizione non vedono nessun danno alla salute e non intendono proseguire su questa faccenda. Ho parlato con la proprietaria, dice che non sa cosa fare (sono sicuro che qualcosa c'è, solo che non vuole muoversi) e che intanto la parte dell'affitto di questo mese l'ha saldata. Se era morosa c'era la possibilità di fare qualcosa, ma visto che lei riceve i soldi, è tutto regolare. Ma non è regolare per me perché le bollette non le paga, DEVO anticiparle io per forza perché sono a mio nome e non ho intenzione di essere moroso con nessuno. Non fa le pulizie, non saluta e non risponde quando faccio domande riguardo poi a bollette ecc... L'avvocato mi ha consigliato di inviare una lettera alla proprietaria, invitandola di venire, per visionare la stanza e, sedersi al tavolo per fare da intermediaria. La prossima bolletta scade il 2 dicembre, intanto le ho inviato dieci giorni fa un sms, lo ha letto ma non ha risposto.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
L'avvocato mi ha consigliato di inviare una lettera alla proprietaria, invitandola di venire, per visionare la stanza e, sedersi al tavolo per fare da intermediaria.
Praticamente è quello che ti avevamo già consigliato nel post n. #11, dicendo che la proprietaria
può fare un sopralluogo in quella casa (in assenza della "sporcacciona" può entrare facendosi aprire da @Alesss78az ) per constatare i fatti e imporre alla "sporcacciona" di ripulire tutto o lasciare l'appartamento. Facendo anche le denunce all'Asl e alla Polizia Municipale.

Ho parlato con la proprietaria, dice che non sa cosa fare (sono sicuro che qualcosa c'è, solo che non vuole muoversi)
Questo non è chiaro.
Secondo te ci sono dei motivi per cui la proprietaria non vuole/non può intervenire?
Se sì, quali?
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Mi sa che la proprietaria può fare ben poco. Non è tenuta a fare la mediatrice anche se glielo ha chiesto il tuo avvocato. I problemi con le bollette sono fra te e l'altra inquilina. Forse la proprietaria non sa proprio come intervenire, aldilà di fare un richiamo verbale alla tua coinquilina. Non ha gli strumenti per agire legalmente se la coinquilina le paga regolarmente l'affitto e gli oneri accessori. Potrebbe solo appellarsi al fatto che i locali non sono diligentemente custoditi, ma dubito che trovi un giudice che sfratti la tua coinquilina per questo motivo. Peccato che la ASL non sia voluta intervenire, ma credo che in tempi di Covid nessuna assistente sociale vada volentieri in giro per le case di sconosciuti e che quindi il diniego per un sopralluogo dipenda anche da questo. L'unica soluzione definitiva è andarsene da lì e puoi senz'altro invocare il "grave motivo" per risolvere anticipatamente il contratto di locazione.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se te ne andrai, la proprietaria avrà la fortuna di godersi l'ospite senza intermediari. Allora capirà la gravità della situazione.
 

Alesss78az

Nuovo Iscritto
Conduttore
Se te ne andrai, la proprietaria avrà la fortuna di godersi l'ospite senza intermediari. Allora capirà la gravità della situazione.
Per lasciare casa devo chiudere il contratto, devo anche aspettare 6 mesi. La mia caparra ora è in mano agli inquilini. Se la proprietaria chiude il contratto con noi, la sporcacciona mi deve 1600€, siamo sicuri che paghi questa cifra per tenersi l'appartamento? Potrebbe anche non rimanere per non subire disagi dalla ristrutturazione che di certo la proprietaria chiede. Anche se farò partire i lavori dall'imbianchino, dubito che anche lei possa mettere un soldo, dopotutto il danno alla stanza è tutto suo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

vittorievic ha scritto sul profilo di gabriella2013.
.
Per una rinuncia di diritto di abitazione è obbligatorio un atto notarile o si può ottenere anche con scrittura privata?
Alto