• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Il lavoro occasionale, è regolato dal D.L 24-04-2017 n. 50 art. 54-bis che al comma 4 recita:

4. I compensi percepiti dal prestatore sono esenti da imposizione fiscale, non incidono sul suo stato di disoccupato e sono computabili ai fini della determinazione del reddito necessario per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.

Tale indicazione è ripresa dalla circolare INPS n. 107 del 05-07-2017 al par. 2, dove si legge una affermazione che non lascia dubbi:

Gli stessi [redditi] sono esenti da tassazione ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.

Ciononostante su svariati siti in rete, viene precisato che tali redditi, qualora si superi la soglia di esenzione di € 4800, devono essere inseriti nella dichiarazione dei redditi, nel quadro RL (o equivalente nella dichiarazione 730)

Quesito: che significato dare allora al suddetto comma 4, “sono esenti da imposizione fiscale” ?
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Forse che sopra i 4800 euro non è più considerato lavoro occasionale, quindi soggetto ad altra disciplina.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
he tali redditi, qualora si superi la soglia di esenzione di € 4800
L'art. 54-bis del D.L. n. 50/2017 prevede limiti diversi.
devono essere inseriti nella dichiarazione dei redditi, nel quadro RL
Nel quadro RL devono essere inseriti tutti i redditi di pertinenza di quel quadro, non solamente quelli di importo superiore a una certa soglia. Se non sono esenti da imposizione fiscale.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Il significato è che quel comma 4... trova applicazione per le sole prestazioni di lavoro occasionali disciplinate dall'articolo di cui è parte.
Su questo non avevo dubbi.

Ma allora riformulo la domanda: gli introiti generati da lavoro occasionale disciplinate dall'art. 54 bis vanno dichiarate e si sommano ad altri eventuali redditi, o no?
Io avrei inteso che se sono esenti da imposizione fiscale, non vanno esposti nella dichiarazione dei redditi. (al pari di altri redditi esenti, (ad es. certe indennità dei disabili)
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Forse che sopra i 4800 euro non è più considerato lavoro occasionale, quindi soggetto ad altra disciplina.
No, quel limite nasce dal fatto che sotto quella soglia di reddito si ha diritto a detrazioni che azzerano le eventuali imposte dovute.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
quel limite nasce dal fatto che sotto quella soglia di reddito si ha diritto a detrazioni che azzerano le eventuali imposte dovute.
Quel limite è quello previsto per i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro, che se non superato, e se non si posseggono anche altri redditi, esonera dalla presentazione della dichiarazione.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Evidentemente no.
Grazie: certo che allora mi piacerebbe capire perchè questi articoli affermano il contrario. O sbaglio io a leggere?

(vedi al capitolo :"La disciplina fiscalelegata alle Prestazioni occasionali.

 

Fift@

Membro Attivo
Professionista
Il lavoro occasionale, è regolato dal D.L 24-04-2017 n. 50 art. 54-bis che al comma 4 recita:

4. I compensi percepiti dal prestatore sono esenti da imposizione fiscale, non incidono sul suo stato di disoccupato e sono computabili ai fini della determinazione del reddito necessario per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.

Tale indicazione è ripresa dalla circolare INPS n. 107 del 05-07-2017 al par. 2, dove si legge una affermazione che non lascia dubbi:

Gli stessi [redditi] sono esenti da tassazione ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.

Ciononostante su svariati siti in rete, viene precisato che tali redditi, qualora si superi la soglia di esenzione di € 4800, devono essere inseriti nella dichiarazione dei redditi, nel quadro RL (o equivalente nella dichiarazione 730)

Quesito: che significato dare allora al suddetto comma 4, “sono esenti da imposizione fiscale” ?
Manda una mail all'agenzia delle entrate, rispondono in pochi giorni e sono molto precisi
 

Fift@

Membro Attivo
Professionista
Più precisi di @Nemesis? Ne dubito....

In effetti la domanda postata l'avevo preparata a tale scopo, ma nel pomeriggio la assistenza fiscale di Agenzia delle Entrate era già satura e non ricevevano più altre domande mail.
Non rispondono in tempo reale, devi accedere con spid e scrivere la domanda. Certe domande si fanno nei luoghi giusti non sui forum, non stai chiedendo la ricetta della pasta alla carbonara
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Evidentemente no.
:riflessione:
Il "lavoro occasionale" subisce Ritenuta d'Acconto.
Nessun obbligo di dichiarazione purché non si superi il tetto fissato.
Ma se si producono altri redditi (anche da immobili) allora va dichiarato e si farà il recupero della Ritenuta.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Il "lavoro occasionale" subisce Ritenuta d'Acconto.
Non sempre.
Il DL 50 all'art. 54-bis definisce due tipi di lavoro occasionale, a cui possono fare ricorso rispettivamente le persone fisiche, con i voucher "Libretto di Famiglia" o i lavoratori autonomi, imprenditori associazioni, fondazioni, condominj, Con i voucher previsti col "Contratto di Prestazione Occasionale - PrestO"

I primi non sono soggetti a ritenuta d'acconto.

I secondi si, purchè i committenti siano identificati come sostituti d'imposta
es. Imprese e Professionisti (che non applicano il regime forfettario)
Società di Persone e capitali
Associazioni ed enti di ogni tipo
Condominij

Quanto ad inserire i redditi in dichiarazione, a parte la incertezza che avevo esposto all'inizio, hai sollevato una ulteriore "stranezza" della legge: nel caso fosse conveniente recuperare la ritenuta d'acconto, potrebbe essere di interesse dichiarare il reddito e portare la R.A. a credito,
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
😉 se non me lo dici tu, .... non pensare che te lo possa indicare io.
Sta di fatto che il sito INPS, alla pagina dove si apre la gestione di PrestO, indica tra gli adempimenti, quella della ritenuta d’acconto.
È uno dei motivi che rende molto più semplice l’utilizzo del “Libretto Famiglia”: peccato non mi sia chiaro però se un socio o usufruttuario di una società. Semplice possa come persona fisica incaricare e retribuire col LF una inquilina (della ss) per le pulizie della scala che serve due piani
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Domani. Adesso ho spento il pc. Verificherò anche se il sito è propriamente di Inps, o è una guida alla procedura di inps
Buonanotte
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

perchè non ricevo più propit.it la mattina da almeno 10 giorni? , cosa è successo al mio collegamento? non so a chi rivolgermi , ho provato a reiscrivermi ma , poichè già lo sono , mi hanno risposto che non è possibile, chiedo al gestore del gruppo di ripristinarmi nei collegamenti che avevo prima con propit.it.
Buongiorno e grazie fin d'ora a chi potrà rispondere.
L'inquilino, sempre quello simpatico,ora prova a creare zizzania anche nei confronti di altri conduttori che finora, educatamente tacciono.Pensavo di convocare tutti in riunione stilando poi un verbale di accettazione delle regole (stavolta scritto nero su bianco e non solo verbale).Sarebbe la prima volta in trent'anni ma c'è pur sempre una prima volta!
Alto