• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gattiglia

Nuovo Iscritto
Sto valutando l'acquisto di un immobile, dalla visita e dalle mappe catastali risulta che il secondo bagno da direttamente sulla zona giorno living-cucina senza un antibagno.Tale locale è stato creato meno di 5 anni fa, io so che c'è l'obbligo di un antibagno almeno che non si acceda da un corridoio chiuso o che sia un secondo bagno di pertinenza con accesso da una camera da letto, mi sbaglio?
Se così fosse è possibile che i proprietari non abbiano l'abitabilità?O altro?
Visto che comunque intendo portare delle migliorie a tutta la zona giorno, tra cui il rifacimento del bagno, il problema non sussisterebbe ma sarebbe un ottimo elemento su cui discutere la questione economica.
Grazie per le eventuali risposte
Claudia
 
L

leontino

Ospite
Aggiungo che le planimetrie catastali non danno la conformità dell'opera ma bensì le autorizzazioni comunali. Controlla il progetto in comune, a volte può essere stata approvata in quella maniera.
 

carlo.b

Membro Attivo
Per essere certa della regolarità del servizio igienico puoi chiedere al venditore copia degli atti autorizzativi con relativi elaborati grafici.
Gli estremi di questi documenti, se successivi al settembre 1967, serviranno anche al notaio in sede di stipula, quindi non è una pretesa fine a se stessa.
Potresti appurare che il bagno è stato regolarmente autorizzato, ma non è stata presentata la denuncia di variazione catastale, che può avvenire adesso prima dell'atto di compravendita.
Viste le tue intenzioni, alias "furbata" :) , potresti sentirti rispondere dal venditore altrettanto "furbo" che è a conoscenza della difformità e che nella formulazione del prezzo di vendita ha tenuto conto di tutto questo, quindi come già anticipato da leontino: prendere o lasciare.
Buona giornata.

Carlo
 

gattiglia

Nuovo Iscritto
Nessuna furbata da parte mia semplicemente una costatazione del fatto, il proprietario non ha mai chiesto l'abitabilità della casa......come sospettavo è il bagno non è a norma.....naturalmente lui non ha mai detto nulla se non davanti all'evidenza della verifica tecnica che ho richiesto in modo da valutare il reale valore della casa, eventuali vizi non evidenti e altro.Una verifica che credo opportuna in caso di un acquisto di una certa importanza. Ha accettato di trattare...
Vi terrò aggiornati sui successivi sviluppi.
Claudia
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto