• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

donatella

Membro Attivo
Proprietario Casa
Passaggio di proprietà 16/12/2020 chi deve pagare IMU, spero il vecchio proprietario! Giusto?
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
La norma ci dice che affinchè il mese sia conteggiato per intero il periodo di possesso deve essere almeno di 15 giorni nell' arco del mese.

Nel nostro caso, poiché il mese di dicembre ha 31 giorni, se facciamo due calcoli otteniamo che dal 16 al 31 i giorni sono 16 (perché 31 - 16 + 1 = 16), per cui - essendo soddisfatta la condizione "ALMENO DI 15 GIORNI" - il mese di dicembre va conteggiato interamente a carico dell'acquirente.

Tu il giorno 16 Dicembre eri proprietaria al 100%, o comunque - se ti piace di più - alle 23:59:59 del 16 Dicembre tu eri proprietaria al 100%. Quindi il 16 Dicembre va conteggiato a tuo carico, se sei tu la parte acquirente, ovviamente.

P.S.: Il venditore l'ha fatto apposta.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Ti do anche questo che è un link più autorevole delle mie chiacchiere:


8/9IMU-TASI: SALDO 2019
Dal prossimo anno (cioè dal 2020, N.D.R., perché è un articolo datato 6 Dicembre 2019) se si rogita il 16 il venditore non paga l’IMU
di Giuseppe Debenedetto
(Getty Images/iStockphoto)
(Getty Images/iStockphoto)
Per la complessità, rappresentiamo il caso con la domanda orginale e la risposta dell'esperto del Sole 24 Ore Giuseppe Debenedetto.
Domanda. Ho stipulato il contratto per l'acquisto di una abitazione il giorno 16 settembre 2014. Sul preliminare registrato abbiamo espressamente stabilito che i precedenti proprietari sarebbero rimasti nell'immobile per un ulteriore periodo massimo di 6 mesi e che tutte le spese conseguenti per il periodo in oggetto come bollette e IMU sarebbero state a loro carico. La consegna della disponibilità dell'immobile è stata fatta il 16 dicembre dello stesso anno, con scrittura privata consegnata in copia al comune ai fini del calcolo della Tari. La residenza l'ho spostata il giorno 12 marzo 2015. Da tale data è per me diventata prima casa. Ora il comune mi chiede di versare l'IMU per i 4 mesi del 2014. Essendo il contratto di acquisto stipulato il 16 settembre (pomeriggio), come si calcola questo mese ai fini IMU? È valido il contratto preliminare sottoscritto e depositato con il quale il venditore si impegnava a sostenere il costo dell'IMU dovuta per il periodo di permanenza nell'abitazione successivo alla compravendita? Ora sostiene che lui prima non pagava l'imposta in quanto era abitazione principale. Ovviamente l'imposta grava su di me in quanto proprietario, ma posso far valere il contratto e chiedere al venditore il rimborso dell'importo IMU dovuto?
Risposta. Com'è noto l'IMU è dovuta proporzionalmente alla quota e ai mesi dell'anno nei quali si è protratto il possesso. Il mese viene computato per intero se il “possesso si è protratto per almeno 15 giorni” (articolo 9 comma 2 Dlgs 23/11). Tuttavia, nel caso di contratto effettuato il 16 settembre, entrambi i contraenti si ritroverebbero a pagare l'imposta in quanto possessori «per almeno 15 giorni». Per superare il problema di una doppia imposizione è possibile stabilire un accordo informale tra le parti che definisca chi debba pagare la quota relativa al mese suddiviso. La questione è comunque in via di soluzione, dal momento che la legge di bilancio 2020 (attualmente in discussione in Parlamento) chiarisce che l'imposta del mese di trasferimento resta a carico dell'acquirente nel caso in cui i giorni di possesso risultino uguali a quelli del cedente. Nel nostro caso comunque il contribuente può far valere la clausola prevista nel contratto (IMU dovuta dal cedente per il periodo di permanenza nell'abitazione successivo alla compravendita) e quindi chiedere al precedente proprietario la refusione dell'IMU dovuta per i quattro mesi del 2014 (e per i primi due mesi del 2015, se l'imposta non è stata corrisposta al Comune). Recentemente la Cassazione si è pronunciata a favore del rispetto degli obblighi previsti dal contratto, consentendo all'inquilino di pagare l'IMU del proprietario (Cassazione Sezioni Unite sentenza 6882/2019). L'ente impositore è comunque estraneo a questi accordi contrattuali, che vincolano solo le parti ai sensi dell'articolo 1372 del Codice civile.
 

donatella

Membro Attivo
Proprietario Casa
Pensavo, vista la scadenza della rata il 16/12 spettasse al venditore. Il 16 dicembre pago per un immobile che ancora non ho? Atto alle ore 18.30
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
La norma ci dice che affinchè il mese sia conteggiato per intero il periodo di possesso deve essere almeno di 15 giorni nell' arco del mese.
Non è più così. La norma attuale, che è l'art. 1, comma 761 della legge n. 160/2019 recita:
L'imposta è dovuta per anni solari proporzionalmente alla quota e ai mesi dell'anno nei quali si è protratto il possesso. A tal fine il mese durante il quale il possesso si è protratto per più della metà dei giorni di cui il mese stesso è composto è computato per intero. Il giorno di trasferimento del possesso si computa in capo all'acquirente e l'imposta del mese del trasferimento resta interamente a suo carico nel caso in cui i giorni di possesso risultino uguali a quelli del cedente. A ciascuno degli anni solari corrisponde un'autonoma obbligazione tributaria.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Affitto immobile a stranieri ed occupato da più persone
Ho affittato un appartamento ad un ragazzo extracomunitario con regolare contratto registrato, ma ho saputo che adesso in quell'appartamento ci vivono anche altri due ragazzi non parenti tra di loro anch'essi extracomunitari, volevo sapere se hanno diritto a viverci e se ho delle responsabilità e sopratutto corro il rischio di essere denunciato dai miei vicini?
Alto