• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

civico75

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno , in data 16 Novembre 2020 ho ricevuto una notifica accertamento del 13 Agosto del 2020 per mancato pagamento IMU del 2015 di due immmobikle . Trattandosi di immobili ereditati in meridione ormai disabitati dove io sono proprietario solo di una quota ho notato che le quote di mio possesso risultanti sulla visura catastale della Agenzia delle Entrate differivano dalle quote presenti sul Mod. F24 di pagamento. Contattando il comune mi e' stato chiesto di inviare una comunicazione scritta di Procedimento di Autotutela, cosa che ho fatto tramite PEC allegando le relative visure catastali, chiedendo di verificare e confermarmi quote e quanto dovuto. Ad oggi nonstante un ulteriore Pec di sollecito e svariate chiamate all'ufficio tributi del comune nessuna risposta mi e' ancora pervenuta. Essendo ormai passati i 60 Giorni dalla notifica sono preoccupato che mi possa essere notificato qualche fermo amministrativo. Vorrei cortesemente dei chiarimenti sui seguenti punti :
-Posso incorrere in ulteriori sanzioni o fermi ?
-Per i 5 anni a seguire 2016,2017,2018,2019,2020 al fine di regolarizzare la mia posizione devo aspettare in ogni caso che mi venga notificato l'accertamento o se posso dopo che mi siano state confermate le quote di possesso procedere al pagamento IMU per tutti gli anni ?
- La quota di mio possesso risultante al catasto sono per Abitazione proprieta' per 14/50 mentre su F24: 22
- La quota di mio possesso risultante al catasto sono per Negozio proprieta' per 06/36 mentre su F24: 16/67
Sono corrette? o ci sono delle discrepanze?
Grazie in anticipo per consigli e chiarimenti slt Nicola
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
@civico75, abbi pazienza! Sono oberati di lavoro "a casa". Vedrai che, quando saranno trascorsi i termini, si faranno sentire. Con le sanzioni regolamentari.
 

civico75

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buonasera, grazie a tutti delle risposte, in effetti mi scuso , mi sono spiegato male , le quote di possesso dal comune attribuite al sottoscritto non erano riportate sul F24, ma sul loro foglio di calcolo esplicativo a giustificare le somme che avrei dovuto pagare sul F24 entro i 60 giorni :
- La quota di mio possesso risultante al catasto sono per Abitazione proprieta' per 14/50 mentre sul loro foglio esplicativo e' indicata : '' Poss 22''
- La quota di mio possesso risultante al catasto sono per Negozio proprieta' per 06/36 mentre sul loro foglio esplicativo e' indicata: ''Poss16/67''.
Da persona non informata per non dire ingnorante in materia non essendo identiche ho pensato subito all'errore, ma poi mi e' venuto il dubbio che le quote abbiano cmq una relazione . Ora la mia prima preoccupazione nonostante le Pec inviate essendo passati i 60 giorni e' che il ritardo possano generare dei fermi amministrativi , e mi rimane cmq il dubbio se le quote da loro assegnatomi siano o non siano corrette .
Confermo che sia il foglio di calcolo che il Mod. F24 ricevuto sono stati compilati dal Comune degli immobili
Grazie ancora per eventuali chiarimenti
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Tu dovevi riportare le quote risultanti in catasto che, se fossero errate, sarà un problema dei titolari, intervenire per rettificarle.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Più che riportare le quote del catasto, dovresti calcolare la “quota” di rendita e quindi di imposta, che ti spetta.

Avendo ereditato dovresti pure sapere quale sia stata la quota ereditata e verificare se quella riportata a catasto sia corretta.
Mi sono trovato visite catastali relative a parti comuni condominiali dove le quote indicate erano completamente sballate.

Il comune non credo ti farà mai alcun calcolo: non aspettare che le sanzioni ti siano nuovamente notificate
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Non vorrei sbagliare, ma credo di ricordare che la richiesta relativa all'intera imposta sull'immobile viene notificata a tutti gli intestatari. Uno potrebbe pensare, ovviamente sbagliando, che se ciascuno versasse l'importo notificato, poi per poter recuperare l'eccedenza dovrebbe inoltrare istanza e produrre tanta documentazione con perdita di tempo per seguire la burocrazia che talvolta uno o tutti ci rinunciano senza ricevere neanche un grazie dall'ente pubblico.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Non vorrei sbagliare, ma credo di ricordare che la richiesta relativa all'intera imposta sull'immobile viene notificata a tutti gli intestatari
Si, anche a me risulta la medesima cosa: non l’avevo scritto visto che pare l’avviso si riferisca solo ad una quota.
 

tyubaz

Membro Assiduo
Proprietario Casa
...le quote ereditarie cambiano quando c'e' qualcuno dei proprietari che muore e lascia da dividere la sua quota agli eredi.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
...le quote ereditarie cambiano quando c'e' qualcuno dei proprietari che muore e lascia da dividere la sua quota agli eredi.
In tal caso, per evitare che si verifichi la situazione paventata, è consigliabile che, prima di pagare l'importo richiesto, si interpellino tutti gli altri comproprietari
 

tyubaz

Membro Assiduo
Proprietario Casa
In tal caso, per evitare che si verifichi la situazione paventata, è consigliabile che, prima di pagare l'importo richiesto, si interpellino tutti gli altri comproprietari
...basta andare al Catasto e li ti dicono tutto...io cosi feci con la casa in multiproprieta' con mia moglie, quando mia suocera stiro' le zampe!!!
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
...basta andare al Catasto e li ti dicono tutto...io cosi feci con la casa in multiproprieta' con mia moglie, quando mia suocera stiro' le zampe!!!
Non sempre il catasto è aggiornato, visto che le dichiarazioni di successione vengono volturate solo dopo la loro registrazione e trascrizione, cosa che quando avviene, talvolta si verifica anche dopo anni. Sappi che la dichiarazione di successione deve essere presentata entro un anno dalla morte del de cuius, poi se presentata nei successivi cinque anni, la tassazione viene gravata da una sanzione. Superati i sei anni dal decesso interviene la prescrizione e si paga l'importo senza sanzione.
 

tyubaz

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Non sempre il catasto è aggiornato, visto che le dichiarazioni di successione vengono volturate solo dopo la loro registrazione e trascrizione, cosa che quando avviene, talvolta si verifica anche dopo anni. Sappi che la dichiarazione di successione deve essere presentata entro un anno dalla morte del de cuius, poi se presentata nei successivi cinque anni, la tassazione viene gravata da una sanzione. Superati i sei anni dal decesso interviene la prescrizione e si paga l'importo senza sanzione.
...bhe, a me ha detto bene...mi sono fatto aggiornare in tempo, come dichiarava il catasto e tanto ho pagato di IMU e TASI!!!
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Sbaglio o si sta facendo un po' di confusione? Un conto è conoscere le rispettive quote, un conto è la prassi di notificare l'intero importo a tutti i comproprietari. Sta poi a loro evitare di sovrapporsi e ripartirsi il dovuto.
Qui il catasto centra poco.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
la prassi di notificare l'intero importo a tutti i comproprietari
In presenza di più soggetti passivi con riferimento a un medesimo immobile, ognuno è titolare di un'autonoma obbligazione tributaria e nell'applicazione dell'imposta si tiene conto degli elementi soggettivi e oggettivi riferiti a ogni singola quota di possesso, anche nei casi di applicazione delle esenzioni o agevolazioni. Non essendo prevista la solidarietà, il comune di ubicazione dell’immobile per il recupero dell’importo omesso può rivolgersi esclusivamente al comproprietario responsabile della violazione e non anche agli altri.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
il comune di ubicazione dell’immobile per il recupero dell’importo omesso può rivolgersi esclusivamente al comproprietario responsabile della violazione e non anche agli altri.
Che possa non ho dubbi:
di quale imposta si trattasse non lo ricordo, ma ricordo di aver ricevuto in passato una notifica di conguaglio inviata in copia a tutti
(eredi?comproprietari? Non ricordo): da li ho imparato che è sempre meglio verificare prima coi "colleghi", capire di cosa si tratta, e poi decidere cosa e come pagare.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
ricordo di aver ricevuto in passato una notifica di conguaglio inviata in copia a tutti
A differenza dell'IMU, per la TASI (ora abolità) era prevista la solidarietà passiva (tra soggetti appartenenti alla medesima categoria, e quindi non tra possessore e detentore).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto