• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
questo tuo criterio è assolutamente iniquo.
Ho detto che si tratta di una questione morale, di coscienza.
Indipendentemente dalla provenienza dei propri guadagni (regolari oppure no) secondo me un criterio potrebbe essere che chi ha più disponibilità contribuisca in misura maggiore di chi ne ha di meno, in un contesto di reciproca fiducia e collaborazione.

I soldi in nero non si riescono a conteggiare, se sono altri ad averli.
Io intendo dire che ognuno conteggi i soldi che ha, e agisca in base alla propria possibilità e coscienza. Auspicando che gli altri facciano altrettanto.

Non esiste un criterio unico e perfetto, per i motivi che ha spiegato @Nemesis nei post n. #4, #9 e #19.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Questo concerne i diritti ereditari: "Anche perché la zia , se avesse beni propri, potrebbe lasciarli per testamento a chiunque".
"Mai detto altro" significa che non ho detto nulla di diverso rispetto alla tua affermazione che i diritti ereditari non c'entrano con gli obblighi alimentari, non che non ho parlato di diritti ereditari.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
buona sera, volevo chiedere una informazione di carattere legale: le spese sostenute per l'assistenza una Zia incapace di intendere e di volere da parte dei nipoti Germani e Unilaterali come vengono ripartite, in parti uguali o nel rispetto delle leggi che regolano l'asse ereditario ?
Non credo che esistano obblighi di legge. Ognuno dovrebbe rispondere alla propria coscienza
Anche perché la zia , se avesse beni propri, potrebbe lasciarli per testamento a chiunque, anche a estranei, se non ha coniuge figli o ascendenti.
Non solo chi è stato interdetto o dichiarato inabile non può fare testamento ma anche chi ha di fatto perso la capacità di intendere e volere. Non solo chi è stato interdetto o dichiarato inabile non può fare testamento ma anche chi ha di fatto perso la capacità di intendere e volere.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Il principio riportato, che confermava le mie convinzioni, è decisamente chiaro!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Per una rinuncia di diritto di abitazione è obbligatorio un atto notarile o si può ottenere anche con scrittura privata?
Salve , vorrei chiedere se qualcuno conose la normativa riguardante la costruzione di una scala a rampe con pianerottoli in acciaio per accedere a tre appartamenti. Questa sarebbe costruita nella chiostrina in aderenza a più vicini in cui io ho una terrazzina con porta di accesso che risulteremme a 80 cm. di distanza grazie ha chi vorrà rispondermi
Alto