• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

msica2@libero.it

Nuovo Iscritto
Salve, ho acquistato un appartamento da circa tre anni;nell'atto d'acquisto ho naturalmente accettato il regolamento
condominiale e le relative quote redatte dall'impresa costruttrice. Tanto premesso ho scoperto che il proprietario del quarto ed ultimo piano, con regolare autorizzazione comunale ha condonato circa 150 mq. di sottotetto per adibirli ad abitazione. Vorrei sapere se posso chiedere la revisione delle quote condominiali chiaramente a carico del proprietario che ha variato le sue superfici siccome quando sono state redatte le quote millesimali i criteri di valutazione erano diversi
e le sue superfici abitabili da circa 50 mq. sono divenute 200. :disappunto:
Grazie Mario
 

Busolegna

Nuovo Iscritto
ho avuto lo stesso problema personalmente in quanto ho acquistato un appartamento comprensivo di una mansarda di 96 mtq regolarmente condonata dal precedente proprietario senza che fossero variati i millesimi dipropriewtà previsto in origine.
Un condomino col quale è stato aperto un contenzioso con il resto del palazzo, nel proprio atto oltre ad avere impugnato quanto di suo interesse e che non ha nulla a che fare con la mansarda, ha chiesto l'adeguamento millesimale delle quote di proprietà che tra l'altro ritenevo dovuto al contrario però degli amministratori dello stabile per cui la causa ha avuto il suo proseguo compresa questa clausola. Dopo un paio d'anni la questione si è risolta ed il tribunale ha reso nulla, per i motivi di cui sopra, della richiesta di adeguamento della tabella millesimale.
Un altro aspetto riusulta invece relativo alla tabella millesimale di riscaldamento in quanto è possibile che il sottotetto in origne non fosse asservito da tale comodità e che nell'atto della ristrutturazione siano stati aggiunti nuovi elemnti: in tal caso è stato effettuato il calcolo della nuova volumetria, aggiunta alla precedente e redistribuito il riparto millesimale di riscaldamento, questo però era già stato effettuato dal precedente proprietario dal quale ho ereditato la seccatura.
 

antonella de paolis

Nuovo Iscritto
Per mia esperienza mi risulta che le tabelle debbano essere aggiornate a prescindere dalle spese di riscaldamento che potrebbe risultare autonomo in mansarda, ma la differenza di millesimi incide anche su tutte le altre spese generali ordinarie e straordinarie.
 

Busolegna

Nuovo Iscritto
ti prego di non confondere i millesimi di riscaldamento dai milesimi di proprietà che naturalmente incidono sia sulle spese ordinarie che su quelle straordinarie, ogni tabella millesimale è a se stante come quella per le scale, l'ascenzore, spese generali, ecc., quindi riferendosi solamente ai millesimi di proprietà, e parliamo solo di quelli, in funzione del condono di un sottotetto, la mia nion è una sensazione o parere personale, anzi, la materia non rientrando nelle mie sfere professionali mi ha portato a ragion per coerenza ad essere inizialmente daccordo con tale richiesta stupendomi che non sia stata avanzata al precedente proprietario ma che ha stabilito invece il contrario è stato il tribunale che ha deciso diversamente e con una maggior attenzione e se necessario assistiti da chi più esperto, andando a scartabellare sul codice civile alla fine si trova anche il debito riscontro chiaramente espresso che non lascia adito a dubbi di sorta.
 

federobe

Nuovo Iscritto
Ho letto alcune risposte prima della mia e non ho capito molto........Ma sicuramente la tabella millesimale può essere variata perchè è variato il valore del fabbricato stesso ! E come se si fosse aggiunta un'altra unità immobiliare ( con un suo valore ) quindi o si somma questo valore ( ipotesi 120 ) al totale precedente che era ovviamente 1.000 e poi allora la tabella millesimale diventerebbe su base 1120 oppure si trasforma il tutto ancora su base 1.000 :) . A seguito di questa operazione, il valore millesimale delle singole unità precedenti ,diminuirà in maniera proporzionale. Sul riscaldamento anch'io non mi pronuncio idem sulla sentenza a cui si fa riferimento. Auguri , perchè purtroppo molti condomini non vogliono capire una cosa che è estremamente semplice e quindi spesso si hanno contenziosi interminabili. :disappunto:
 

tommi

Nuovo Iscritto
msica2@libero.it ha scritto:
Salve, ho acquistato un appartamento da circa tre anni;nell'atto d'acquisto ho naturalmente accettato il regolamento
condominiale e le relative quote redatte dall'impresa costruttrice. Tanto premesso ho scoperto che il proprietario del quarto ed ultimo piano, con regolare autorizzazione comunale ha condonato circa 150 mq. di sottotetto per adibirli ad abitazione. Vorrei sapere se posso chiedere la revisione delle quote condominiali chiaramente a carico del proprietario che ha variato le sue superfici siccome quando sono state redatte le quote millesimali i criteri di valutazione erano diversi
e le sue superfici abitabili da circa 50 mq. sono divenute 200. :disappunto:
Grazie Mario
Non sono un esperto di condominio, ma a rigor di logica, credo che il tecnico abbia redatto le tabelle millesimali tenendo conto sia della superficie dell'appartamento di quarto piano (50mq) che della superficie della mansarda (150mq), in quanto pertinenza esclusiva, e pertanto l'inquilino credo già paghi per 200mq. :sorrisone:
Quindi, anche se poi ha condonato il sottotetto per abitarlo la situazione non cambia, pagava e paga sempre per 200mq. :sorrisone: o almeno credo. :occhi_al_cielo: Se sbaglio correggimi.
In questo caso non sono da rivedere le tabelle di proprietà ma solo quelle inerenti il riscaldamento centralizzato.
Se invece il primo calcolo non contempla l'intera superficie è chiaro che le tabelle millesimali devono essere ricalcolate e nuovamente regolamentate secondo la nuova situazione condominiale.
Non credo possibile che il Tribunale abbia espresso parere contrario ad una richiesta del genere, semprechè che la situazione sottoposta a giudizio era analoga a quella postata.
Sarei curioso di leggere la sentenza in merito. :? :?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

vittorievic ha scritto sul profilo di gabriella2013.
.
Per una rinuncia di diritto di abitazione è obbligatorio un atto notarile o si può ottenere anche con scrittura privata?
Alto