• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Deny

Membro Attivo
Proprietario Casa
Si, ma devi farti validare il contratto da una delle associazioni di proprietari o inquilini firmatari dell'accordo territoriale. In alternativa non lo fai e paghi l'aliquota normale.
Devo ovviamente vedere se mi conviene fare contratto concordato. Se l'agenzia mi fai il calcolo troppo basso, dovrò optare per aliquota normale.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Se l'agenzia mi fai il calcolo troppo basso, dovrò optare per aliquota normale.
Per prima cosa devi scegliere la tipologia di contratto che vuoi stipulare, dopo deciderai il regime fiscale e relativa aliquota.
Se il canone concordato (calcolato in base ai parametri dell'Accordo Territoriale del Comune) è troppo basso, puoi proporre agli studenti un contratto a canone libero della durata di 4 anni + 4.
Anche in questo caso è possibile locare parzialmente l'immobile stipulando singoli contratti per una stanza a diversi inquilini, più l'uso in comune di cucina e bagno.
Considera però che questa tipologia di contratto "libero" è meno gradita dagli studenti e in certi casi anche dai proprietari, come abbiamo scritto nei post precedenti n. # 4 - #6 - #7.

Per quanto riguarda il regime fiscale: anche per il contratto "libero" 4+4 puoi scegliere tra tassazione IRPEF ordinaria oppure (se ne hai la convenienza) optare per la cedolare secca con l'aliquota del 21%.
La convenienza fiscale non dipende solo dall'aliquota (quelle IRPEF sono progressive per scaglioni mentre la cedolare secca è una tassa piatta) ma da altri fattori: reddito complessivo del locatore, eventuali suoi oneri deducibili e detraibili. Prima di scegliere il regime è opportuno fare una simulazione.
 

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Devo ovviamente vedere se mi conviene fare contratto concordato. Se l'agenzia mi fai il calcolo troppo basso, dovrò optare per aliquota normale.
Comunque un'idea del calcolo te la puoi fare anche sola: se hai una planimetria dettagliata (occorrono i mq calpestabili di ogni stanza/in caso di contratti a stanze, parti comuni, giardini, box auto...) e leggi bene il regolamento del tuo comune (reperibile su internet) non è difficile. Solo se valuterai la convenienza al canone concordato ti occorrerà la validazione da parte di un'associazione. Nel mio caso, ad esempio, ho visto che l'affitto che avrei dovuto praticare era talmente basso, e non compensava minimamente la minore tassazione, che ho risparmiato il passo successivo
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
leggi bene il regolamento del tuo comune
Oltre a leggere attentamente l'Accordo Territoriale, è opportuno verificare se il Comune ha deliberato un'aliquota IMU agevolata per gli immobili locati con contratti concordati. La quale aliquota agevolata è ulteriormente ridotta del 25% per lo "sconto statale".

Qui a Torino, ad esempio, i contratti concordati sono convenienti proprio per il "risparmio" dell'IMU rispetto ad un contratto libero, oltre che per la minore tassazione del reddito da locazione.
 

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Sono ammessi in detrazione i canoni corrisposti da studenti che frequentano università italiane in dipendenza di:
− contratti di locazione stipulati o rinnovati ai sensi della legge n. 431 del 1998, e cioè qualsiasi contratto registrato relativo a un’unità immobiliare destinata a uso abitativo. Sono detraibili, quindi, anche i canoni corrisposti in relazione a contratti a uso transitorio o quelli relativi a un posto letto singolo redatti in conformità alla legge senza che sia necessaria la stipula di un contratto specifico per studenti.
Vado sul difficile @Nemesis ... leggo che la detrazione dell’affitto per studenti universitari fuori sede spetta anche per contratti di ospitalità.
Una prenotazione alberghiera (di un appartamento, di un hotel o meglio di un b&b) effettuata direttamente o tramite booking o airbnb, a mio avviso potrebbe rientrare in questa tipologia e quindi essere detraibile lo stesso?
Si tratterebbe di un contratto atipico di ospitalità che prevede accanto al godimento dell’immobile, anche ulteriori servizi di natura genericamente alberghiera (pulizia, colazione) che costituiscono servizi ulteriori ad personam che caratterizzano il contratto atipico di ospitalità rispetto al contratto di locazione.
Chiedo perchè è uscita la programmazione dei corsi universitari: mio figlio avrebbe lezione 3 giorni a fila + 2 DAD +weekend. Università a 150 km. Ci converrebbe, almeno all'inizio, anzichè prendere una camera fissa, pensare di spostarsi in una struttura alberghiera solo per 2/3 gg a settimana. Abbiamo fatto delle simulazioni di calcolo e si risparmierebbe abbastanza.
Sarebbero detraibili le ricevute alberghiere? Grazie
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Sarebbero detraibili le ricevute alberghiere?
No. Non sono relative a contratti di ospitalità o ad atti di assegnazione in godimento o locazione stipulati con enti per il diritto allo studio, università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative. Come espressamente prevede l'art. 15, comma 1, lett. i-sexies) del TUIR.
 
  • Sigh
Reazioni: cec

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
No. Non sono relative a contratti di ospitalità o ad atti di assegnazione in godimento o locazione stipulati con enti per il diritto allo studio, università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative. Come espressamente prevede l'art. 15, comma 1, lett. i-sexies) del TUIR.
Ma non è una voce a sé?
Oltre ai contratti stipulati o rinnovati ai sensi della legge 431 del 9 dicembre 1998, la detrazione si applica anche ai canoni relativi ai contratti di ospitalità, nonché agli atti di assegnazione in godimento o locazione, stipulati con enti per il diritto allo studio, università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative.
Inoltre: Le spese sostenute per il contratto di ospitalità sono ammesse in detrazione, nei limiti indicati dalla norma, anche se il servizio include, senza prevedere per esse uno specifico corrispettivo, prestazioni come la pulizia della camera e i pasti. Queste spese, invece, non sono detraibili se sono addebitate separatamente.
 
Ultima modifica:

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
contratti di ospitalità.
Una prenotazione alberghiera
Leggendo la risposta di @Nemesis nel post n. #26, la spesa alberghiera sostenuta non è detraibile perché si tratta di un contratto stipulato con un soggetto diverso da quelli elencati (cooperative, enti senza fine di lucro, ecc).
E il contratto "di albergo" non viene equiparato esplicitamente ad un contratto "di ospitalità".
 
  • Mi Piace
Reazioni: cec

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto