1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. marciano

    marciano Membro Junior

    Sto per acquistare una villetta da costruttore che è stata accatastata completa già dal 2007 . Ho letto in giro per caso che acquistando da costruttore oltre i 4 anni dall'ultimazione dei lavori è possibile beneficiare del 3% per l'imposta di registro invece del 4 come prima abitazione. Contatto il mio notaio per chiedere confema, e invece mi dice che è sempre al 4% . MI sembra di aver capito che non è dovuta l'IVA al 4% ,ma bisogna pagare l'imposta di registro al 3% invece di 168 euro. IN definitiva risparmierei i 168 euro e l'1% sul valore dell'immoblie, ho capito bene? Il notaio prima ha negato. poi ha detto che invece attualmente è entrato in vigore dopo 5 anni invece che 4...questa sua contraddizione mi sta incuriosendo, esiste un decreto legge o qualcosa a cui far riferimento per informarlo?Grazie e saluti
     
  2. anna0875

    anna0875 Nuovo Iscritto

    vai in iternet e ricerca le agevolazioni acquisto prima casa, o rivolgiti anche solo per un informazione ad un altro notaio.
     
  3. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
  4. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Allora caro marciano, la situazione è questa (scriverò solo le cose che ti riguarderebbero).
    Con l'attuale normativa, una società costrutrice che vende un immobile per civile abitazione terminato da almeno 5 anni (prima del patto di stabilità 2011 erano 4) ad un privato che chiede le agevolazioni prima casa non applicherà l'IVA e la tassazione potrà essere fatta sul valore catastale anzichè sul valore reale.

    Mi spiego con un esempio:
    Valore reale: 300.000 euro
    Valore catastale 100.000 euro

    Le imposte "prima casa" che si andrebbero a pagare sarebbero le seguenti:

    entro 5 anni dalla fine lavori: IVA 4% sul valore reale (300.000x4%=12.000) + imposte di registro e ipocatastali 168x3

    dopo i 5 anni dalla fine lavori: IVA 0% imposta di registro 3% sul valore catastale (100.000 x 3%=3.000) + imposte ipocatastali 168x2.

    Per completezza allego sotto testo tratto dalla Finanziaria 2011 (Patto di Stabilità 2011)relativo alla norma in questione che sposta da 4 a 5 anni i termini di cui sopra:
    Regime IVA per le cessioni di immobili (articolo 1, comma 85). Si interviene sul regime IVA per le cessioni di fabbricati: viene disposta l’estensione dell’ambito di applicazione dell’imposta. In particolare viene stabilito che non sono esenti da IVA le cessioni di fabbricati effettuate dalle imprese costruttrici entro cinque anni (in luogo di quattro anni attualmente previsto) dal termine della costruzione.
     
    A anna0875 e fiorello64 piace questo messaggio.
  5. marciano

    marciano Membro Junior

    Grazie per la risposta jrogin, sei stato molto esaurinete. IN effetti il mio notaio ha ragione, quando ha detto che recentemente è a 5 anni. Non sapevo nemmeni che l'imposta di registro fosse sul valore catastale, quindi sicuramente piu basso! Saluti!:daccordo:
     
  6. marciano

    marciano Membro Junior

    Scusa jrogin, un ultima domanda. quando hai scritto "la tassazione potrà essere fatta sul valore catastale anzichè sul valore reale" ,intendi dire che prima si tassava sul valore reale e ora ,con la nuova finanziaria,su quello catasatale? Perche in realtà c'è una bella differenza di prezzo. Hai delle fonti ufficiali dove si afferma ciò? :triste: Uff...che fatica, dover insegnare ai notai ! Grazie ancora!;)
     
  7. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Allego per te e per gli altri utenti del forum una utile guida al "Prezzo Valore" (che è ciò di cui stiamo parlando) e che è stata pubblicata proprio dal Consiglio Nazionale del Notariato (strano che il tuo notaio non lo sappia).
     

    Files Allegati:

  8. marciano

    marciano Membro Junior

    Non so se non lo sa,sia ben chiaro. è solo per arrivare informati ,tutto quà. Mi chiedevo solo se la tassazione dell'impostas di registro del 3 % è sempre stata sul valore catastale .Perchè ,da qualche altro forum ho letto che se trattasi di acquisto presso un costruttore con società è invece sul valore commerciale e non sul catastale ,ma anche là ci sono un pò di confusioni,non è del tutto chiaro. Grazie ancora
     
  9. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Anche da società costruttrice che ha ultimato i lavori da più di 5 anni come prima casa si può pagare il 3% sul valore catastale (imposta di registro e non IVA)
     
  10. marciano

    marciano Membro Junior

    Continuando la lettura sul preziosissimo allegato che hai gentilmente condiviso, vedo che c'è anche una riduzione del 30% degli onorari, quando effettivamente si fa riferimento al valore catastale. VEdo che ciò è possibile solo quando non bisogna pagare l'IVA ma l'imposta di registro al 3% . IN definitva si verrebbe a pagare il 30% in meno sulle spese notarili, non si finisce mai di imparare!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina