1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. tomolga

    tomolga Nuovo Iscritto

    Vorrei chiedere cortesemente un approfondimento su quanto esporrò:
    Io ho dato una mano a mia sorella e mio cognato per l' acquisto prima casa, facendo risultare che si pagava assieme così che la rata del mutuo che dovrebbero pagare non superasse il 30% Dell' importo totale degli stipendi. Mio cognato è rimasot disoccupato, ha bloccato il muto per un anno, ma alla scadenza dei 12 mesi non aveva ancora trovato un lavoro fisso. Morale: la banca dopo alcune vicissitudini di cui nion capisco i particolari, mi ha mandato una richiesta di pagamento per il totale del capitale residuo, intornio ai 110.000 €, che ovviamente non ho e non posso pagare. Ora le cose sono ferme da circa 1 anno e mezzo. Io e mia moglie vorremmo cambiare casa e vorrei sapere se per me è possibile vendere l' appartamento ( che sto ancora pagando ) per comprare un' altra casa. Ho sentito dire che i proventi di una vendita di questo tipo verrebbero confiscati dalla banca creditrice, e che comunque non troverei banche che mi appoggerebbero per stipulare un nuovo muto. Al di la' di quello che ho sentito, potreste dirmi se c'è un modo nel quale io possa vendere sto mini appartamento per poi comprare una casa? Anche usando ilnome di mia moglie che non compare negli atti relativi all' acquisto prima casa di mia sorella e mio cognato. Io e mia moglie siamo in comunione dei beni e lei sta lavorando con un contratto a tempo determinato. RINGRAZIO IN ANTICIPO.
     
  2. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Ciao,
    Purtroppo la tua situazione ad oggi è anologa a mille altre.
    Non conoscendo le procedure che ha già messo in atto la banca, ritengo che se tu trovi da vendere,e questa sarebbe la miglior soluzione, puoi farlo regolarmente però facendo presente all'acquirente le problematiche che ci sono sopra,ma questo non sarebbe un'ostacolo perchè al momento della vendita con i soldi che incassi prima devi soddisfare la banca( la quale poi ti toglirà l'ipoteca sul bene) e se rimane qualche cosa lo incassi tu.
    Ma il problema più grosso e più grave è che nel mutuo fatto con tua sorella ci sei implicata anche te (vedi la lettera di ingiunzione fattati dalla banca) e pertanto, essendo i pagamenti arretrati da oltre un anno dovresti essere stata segnalata anche te tra i " cattivi pagatori" e pertanto risulti bancariamente "squalificata". In sostanza nessuna banca ti può prendere in considerazione e non ti verrà concesso nessun finanziamento.
    Sarebbe però interessante sapere se nel mutuo sei partecipe come intestataria o come garante ed inoltre conoscere le iniziative già intraprese dalla banca a salvaguardia del suo credito, che da quanto hai esposto mi sembra di avere intuito che già sta movendosi (cosa hai ricevuto, un atto di precetto? )
    Penso che richiedere un mutuo solo a nome della sorella sia un poco problematico per il fatto che questa lavora con un contratto a tempo determinato. (va considerata anche la relativa redditività ) Inoltre avendo questa la comunione dei beni qualsiasi bene acquistato si intende "in comunione" e dovrebbe partecipare al mutuo anche il marito ( ?????)
    Come vedi è il cane che si morde la coda.
    Ciao
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina