• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Liederman

Membro Attivo
Proprietario Casa
Sto valutando se passare ad un contratto a canone concordato per agevolare l'inquilino in oggettiva difficoltà; avrei infatti un risparmio fiscale (da 21% a 10%) che potrei "ribaltargli" con una ulteriore riduzione del canone.

Mi sono però accorto che il canone attuale (pur essendo allineato al mercato) è già inferiore al minimo della fascia di oscillazione indicata nell'accordo delle associazioni con il comune.
Mi chiedo se questo minimo è proprio vincolante o c'è modo comunque di applicare il canone concordato? Qual è lo scopo del valore minimo? evitare forse evasione di una parte del canone? Capisco ovviamente il senso del valore max ma non mi è chiaro quello del valore min.
 

asana

Membro Attivo
Proprietario Casa
ciao, attenzione che adesso sono molto rigidi nell'applicare i canoni concordati. devi calcolare l'importo sulla metratura precisa e altri fattori prestabiliti e poi avere l'attestazione di un'associazione sulla congruità del tutto (naturalmente pagando). non credo che il vincolo sia applicato al canone se già al minimo, almeno eviterai di pagare più tasse.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Mi chiedo se questo minimo è proprio vincolante
Secondo me è vincolante.

Nell'Accordo Territoriale del mio Comune sta scritto che i valori del canone sono stati determinati in base a vari criteri. Fra cui "le attuali condizioni locali di mercato degli affitti" e i "canoni di locazione in generale correnti su piazza".
Quindi è stata fatta una serie di valutazioni in base alle quali si è pensato che canoni più bassi non sono realistici.

Probabilmente il motivo è quello ipotizzato da te: un canone inferiore a quello minimo risultante dai calcoli (che tra l'altro qui a Torino è veramente basso!) può indurre il sospetto che vi sia un'evasione, in quanto la differenza viene pagata "in nero".
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
non credo che il vincolo sia applicato al canone se già al minimo,
Ma se il canone gradito da locatore e conduttore è inferiore a quello "concordato" minimo risultante dal conteggio effettuato secondo tutti i parametri dell'Accordo Territoriale, secondo te quale canone si deve applicare?
Quello "libero" (anche se inferiore) oppure quello concordato?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
Mi auguro che tutto questo un giorno finirà e che ci butteremo alle spalle questa triste vicenda.
Sognatrice '80
Alto