• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

asana

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno, il mio vicino sta installando un casotto di legno, mi ha detto, accanto, praticamente attaccato al muro di confine tra i due giardini. Il muro è alto circa un metro e mezzo, il casotto non so che superficie avrà come sarà, ma dalla pedana in cemento sembra di circa 12 m. Che cosa devo pensare? Ci deve essere una distanza dal muro anche se la struttura sarà "precaria"?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
In tema di "distanze" il tuo vicino può "appoggiare" al muro di confine purché non ne superi la sommità.

In tema di "volumetrie" i Comuni generalmente non consentono tali manufatti (casetta in legno per ricovero attrezzi) in assenza di permesso.
Se poi sono 12mq. poco importa non sia infissa al suolo.

Ora dipende dai "rapporti" che hai col vicino...ma siccome devi difendere i tuoi "diritti" qualche domanda al locale Ufficio Edilizia Privata la farei.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto