• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Flavio1980

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno,
pongo questa domanda in quanto nel mio condominio composto da 4 scale ognuna di 5 piani per un totale di 72 appartamenti, stiamo discutendo in maniera molto "energica" sui lavori riguardanti il superbonus 110 con cessione del credito.
Attualmente 61 proprietari sono favorevoli e solo 11 contrari.
I favorevoli lo sono perchè, deliberando positivamente i cosidetti lavori trainanti (Cappotto termico per l'isolamento termico, sostituzioni degli impianti di climatizzazione ecc. ecc.) verrebbero trainati a costo zero anche gli interventi su infissi, grate di sicurezza ecc. ecc)
I contrari perchè, avendo già ristrutturato, l'unico beneficio che ne trarrebbero è quello del miglioramento della classe energetica che rivaluterebbe lo stabile, ma andrebbero incontro a problemi dovuti dal posizionamento di armadietti su misura posizionati neil loro balcone, e la riduzione di metri quadri dovuti allo spessore del cappotto termico.
Coloro che si oppongono, minacciano che per deliberare i lavori (sopratutto il cappotto termico) ci vorrebbe la maggioranza totale dei proprietari, e non i soli 2/3 dei condomini che servirebbero solo ad approvare un eventuale studio di fattibilità.
Chi ha ragione? sapete illuminarmi sulla questione?
Ringrazio anticipatamente per tutte le risposte.

Flavio
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Coloro che si oppongono, minacciano che per deliberare i lavori (sopratutto il cappotto termico) ci vorrebbe la maggioranza totale dei proprietari,
Si e No (o viceversa).
La maggioranza può sempre deliberare lavori sulle "parti comuni"...ma non può pensare di farlo anche su parti private o qualora da tali lavori il singolo subisce un "danno" (come la riduzione della superficie in un balcone/terrazzo).

Non è necessario che il cappotto rivesta l'intero edificio ...e se i "contrari" hanno già fatto in precedenza simile intervento non vedo perché ripeterlo.
 

Flavio1980

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Si e No (o viceversa).
La maggioranza può sempre deliberare lavori sulle "parti comuni"...ma non può pensare di farlo anche su parti private o qualora da tali lavori il singolo subisce un "danno" (come la riduzione della superficie in un balcone/terrazzo).

Non è necessario che il cappotto rivesta l'intero edificio ...e se i "contrari" hanno già fatto in precedenza simile intervento non vedo perché ripeterlo.
Ok ti ringrazio, questa è una risposta attinente alla domanda che avevo posto.

Buona serata

Flavio
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
ma andrebbero incontro a problemi
Se può esserti utile, riporto l'opinione recente (17/05/2021) della rubrica L'Esperto risponde del Sole24Ore sul tema:

In una sentenza recente è stata dichiarata la nullità della delibera di approvazione della realizzazione di un cappotto termico sulle facciate dell'edificio condominiale in grado di determinare una lesione del diritto di proprietà del singolo condòmino attraverso una sensibile riduzione del piano di calpestìo dei suoi balconi (Tribunale di Roma, n. 17997/2020).

Secondo l'Esperto occorre valutare se a fronte dei disagi arrecati alle proprietà private si giustificano gli indiscutibili vantaggi portati dagli interventi di cappottatura, ma la decisione spetta alla parte che subisce il pregiudizio e, in ultima analisi, al giudice.
 

Nautilus

Membro Attivo
Proprietario Casa
Tribunale di Roma, n. 17997/2020
Le sentenze bisognerebbe leggerle per intero. Il giudice ha dato ragione al dissenziente non perché il cappotto invadeva un'area privata, ma perché i lavori non erano stati deliberati dall'assemblea condominiale ma da una commissione tecnica.
 

BeppeX88

Membro Assiduo
Proprietario Casa
I lavori deliberati con le dovute maggioranze non si bloccano, poi ci sono le eccezioni che sono mosche bianche
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Pertanto si potrebbe fare un cappotto che arrivi fino ai balconi? senza intralciare gli stessi ma si dovrebbero cambiare gli infissi? e le caldaie del riscaldamento, per chi c'è le ha?
 

BeppeX88

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Pertanto si potrebbe fare un cappotto che arrivi fino ai balconi? senza intralciare gli stessi ma si dovrebbero cambiare gli infissi? e le caldaie del riscaldamento, per chi c'è le ha?
Si fa quanto deliberato e quanto previsto dai tecnici che seguiranno i lavori , se poi ci sono discordie, si contatta un legale e si va in tribunale. Tutto ciò premesso che servono soldi e tempo con l'incertezza della sentenza
 

Flavio1980

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Pertanto si potrebbe fare un cappotto che arrivi fino ai balconi? senza intralciare gli stessi ma si dovrebbero cambiare gli infissi? e le caldaie del riscaldamento, per chi c'è le ha?
I proprietari contrari al cappotto termico sono coloro che hanno ristrutturato da poco tempo, e quindi tutto ciò che viene "trainato" non interessa. Ovviamente si guadagnerebbe in efficenza energetica, però i disagi non sarebbero pochi.
Armadietto su misura che và da muro a ringhiera, con il cappotto termico andrebbe tolto, forse tagliato, e ripristinato....tutto a spese del proprietario.
Grate di sicurezza, le aggiunte per ripristinarle dopo il cappotto termico dovrebbero essere riverniciate a fuoco....chi le paga?
I motori dei condizionatori, presumo che vanno disinstallati. Quando si disinstallano bisogna svuotarli.......questa operazione fà decadere la garanzia.
Lavabo in muratura con relativi sportelli annessi.......và debellato per fare il cappotto a spese del proprietario??
Calcolando per queste cose una spesa fatta dal proprietario di circa 9000 euro, e supponendo di continuare a volere il tutto una volta ultimati i lavori, pensate che ne valga la pena?
 

BeppeX88

Membro Assiduo
Proprietario Casa
I proprietari contrari al cappotto termico sono coloro che hanno ristrutturato da poco tempo, e quindi tutto ciò che viene "trainato" non interessa. Ovviamente si guadagnerebbe in efficenza energetica, però i disagi non sarebbero pochi.
Armadietto su misura che và da muro a ringhiera, con il cappotto termico andrebbe tolto, forse tagliato, e ripristinato....tutto a spese del proprietario.
Grate di sicurezza, le aggiunte per ripristinarle dopo il cappotto termico dovrebbero essere riverniciate a fuoco....chi le paga?
I motori dei condizionatori, presumo che vanno disinstallati. Quando si disinstallano bisogna svuotarli.......questa operazione fà decadere la garanzia.
Lavabo in muratura con relativi sportelli annessi.......và debellato per fare il cappotto a spese del proprietario??
Calcolando per queste cose una spesa fatta dal proprietario di circa 9000 euro, e supponendo di continuare a volere il tutto una volta ultimati i lavori, pensate che ne valga la pena?
Cosa significa che ne valga la pena? Decide la maggioranza prevista, i problemi dei singoli condomini se li risolveranno da soli a proprie spese
 

Flavio1980

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Cosa significa che ne valga la pena? Decide la maggioranza prevista, i problemi dei singoli condomini se li risolveranno da soli a proprie spese
La maggioranza non decide sulla parte di proprietà privata,ci vuole l'unanimità, almeno che, i lavori, non siano deliberati con carattere di urgenza per lo stabile.
 

BeppeX88

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Per il 110% basta la maggioranza di 1/3 dei millesimi. I problemi che hanno i singoli a togliere condizionatori o altro dalle aree soggette a lavori condominiali, sono problemi e spese che riguardano i singoli condomini e non sono soggette a rimborsi o detrazioni
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Tribunale di Roma, n. 17997/2020
Le sentenze bisognerebbe leggerle per intero. Il giudice ha dato ragione al dissenziente non perché il cappotto invadeva un'area privata, ma perché i lavori non erano stati deliberati dall'assemblea condominiale ma da una commissione tecnica.
Le sentenze bisogna leggerle ...ma anche capire che da quella in oggetto non si può estrapolare nulla di diverso da quello che precisa.

Per il 110% basta la maggioranza di 1/3 dei millesimi.
Balle.
Serve la maggioranza dei votanti che rappresenti almeno 1/3 dei millesimi...ma sempre e solo per lavori su parti comuni e che non creino danno al singolo.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
I problemi che hanno i singoli a togliere condizionatori o altro dalle aree soggette a lavori condominiali, sono problemi e spese che riguardano i singoli condomini e non sono soggette a rimborsi o detrazioni
Anche questo è sbagliato.
Qualsiasi opera che si rende necessaria per realizzare un intervento di "cappotto" con accesso ai vari bonus è detraibile...nei limiti del tetto di spesa.
 

Flavio1980

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Avete considerato il bonus facciate? è al 90% e non è da buttare.
In assemblea si è parlato anche del 90%, ma per il momento la maggioranza vede il 110% come unico obiettivo, pensando che sia tutto gratis, Lavori Trainanti e trainati.
I contrari hanno provato a convincere gli altri per il 90% che di fatto ha meno vincoli, meno rischi in futuro ed accontenterebbe la totalità dei condomini
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve, ho un problema per la seconda casa
Nel 1980 ho costriuito nel yerteno di mia proprieta' un annesso agricolo e nel 1985, con il condono ho chiesto la trasformazione come abitazione, ho pagato tutte le oblazioni al comune ora a distanza di anni volendo vendere la proprieta' non possi perche' la cucina nonostante la luminosita' 2 finestre, e' alta 225 ,ma nel condono era cosi'
dolcenera52 ha scritto sul profilo di mapeit.
BASTA!
Alto