• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

orlandoagatino

Nuovo Iscritto
In caso di vendita di una casa, dopo quattro anni dall'acquisto con IVA agevolata del 4%, come si può regolarizzare la posizione con il fisco tenuto conto che la stessa casa in detto periodo è stata utilizzata come abitazione principale? La perdita dei benefici fiscali obbliga il venditore a fare una denuncia all'agenzia delle entrate? Esiste una particolare procedura con una apposita modulistica e una precisa scadenza ? Vi ringrazio anticipatamente.
Questo forum è veramente eccezionale nonchè utilissimo. un saluto a tutti.
 

maidealista

Fondatore
Membro dello Staff
Proprietario Casa
Quando il venditore paga le imposte.
Il guadagno che si realizza con la vendita della casa rientra nella categoria
dei “redditi diversi” ed è quindi soggetto a tassazione.
Infatti, quando dalla cessione della casa deriva una plusvalenza, che
equivale ad una differenza positiva tra il corrispettivo percepito nel
periodo d’imposta e il prezzo di acquisto o il costo di costruzione del
bene ceduto, aumentato dei costi inerenti il bene stesso, si realizza un valore.
Questo valore, se derivante da una cessione a titolo oneroso di una casa acquistata o costruita da non
più di 5 anni, è considerato come uno dei redditi appartenenti alla categoria “redditi diversi” e, come
tale, assoggettato a tassazione con le normali aliquote IRPEF.
Fanno eccezione a tale regola:
- gli immobili pervenuti per successione;
- quelli ricevuti in donazione, se, con riferimento alla persona che ha donato l’immobile, sono trascorsi
5 anni dall’acquisto o costruzione dello stesso;
- le unità immobiliari urbane che per la maggior parte del periodo intercorso tra l’acquisto (o la
costruzione) e la cessione sono state adibite ad abitazione principale del cedente o dei suoi familiari.
Vedi pagina 21 di :

http://www.agenziaentrate.it/wps/wcm/connect/b4d05500426dcec8adebbfc065cef0e8/compravendita_casa_2007.pdf?MOD=AJPERES&CACHEID=b4d05500426dcec8adebbfc065cef0e8
:daccordo:
 
L

Loretta Grazia

Ospite
La vendita dopo 4 anni nel tuo caso non configura plusvalenza ai fini IRPEF, dato che hai utilizzato l'immobile come abitazione principale. Decadi tuttavia dalle agevolazioni "prima casa" a meno che tu non ne acquisti un'altra entro un anno dalla vendita (in tal caso avresti diritto anche a un credito d'imposta pari all'IVA pagata sul primo acquisto).. Per regolarizzare la tua posizione puoi rivolgerti all'Agenzia delle Entrate presso cui fu registrato il rogito d'acquisto e spiegare la situazione, dicendo che per gravi motivi sei costretto a vendere prima dei 5 anni. Chiedi se accettano il pagamento della differenza di IVA con "ravvedimento operoso": in tal caso le sanzioni sarebbero ridotte al 6%, anzichè il 30% previsto dalla legge nell'ipotesi in cui sia l'Ufficio a richiederti la differenza. Ciao, buona serata.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto