• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tamen

Nuovo Iscritto
Il fatto:
Quattro fratelli, per successione del padre, ereditano il pianoterra ed il primo piano,
mentre, per successione dello zio, il secondo piano della stessa casa
che nel 1954 era stata acquistata con carta privata, mai registrata.
Il venditore è deceduto nel 1960.

La domanda:
Come regolarizzare, oggi, l'ingarbugliata eredità con il minor costo?

Ringrazio anticipatamente il qualificato consigliere.
T
 
L

leontino

Ospite
se nella successione dello zio è stato indicato anche l'appartamento che lui aveva acquistato con una scrittura privata, il titolo di proprietà per gli eredi è già bello e pronto, ovviamente con riserva.
 

Tamen

Nuovo Iscritto
Grazie,Leontino, della cortese risposta, ma cosa intendi "con riserva" ?

Tutta la casa anche quella di pertinenza del genitore, inserita nel 1998 nella succession di questi, risulta ancora accatastata al defunto venditore per cui i 4 fratelli non riescono ad alieare l'immobile.
Attendo di leggerTi.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto