1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. norma

    norma Nuovo Iscritto

    Buonasera,
    ho ricevuto nel 1992 in comodato d'uso gratuito l' appartamento al primo piano di una villetta unifamiliare di due piani.
    Avendo l' immobile oltre 30 anni, necessitava del rifacimento dell' impianto elettrico, idraulico, serramenti, pavimenti, ecc... ho dovuto provvedere anche agli allacciamenti nuovi delle utenze e alla realizzazione di una scala esterna per potervi accedere in quanto esisteva solo la scala interna che collegava i due piani.
    Avrei necessità di sapere quali sono le spese straordinarie per cui il comodatario può chiedere un rimborso al comodante al termine del contratto...
    Grazie!
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Il comodatario ha diritto ad essere rimborsato delle spese straordinarie sostenute per la conservazione della cosa, se queste erano necessarie e urgenti.
    Il comodatario che, al fine di utilizzare la cosa, debba affrontare spese di manutenzione (nella specie, straordinaria) può liberamente scegliere se provvedervi o meno, ma, se decide di affrontarle, lo fa nel suo esclusivo interesse e non può, conseguentemente, pretenderne il rimborso dal comodante (Cass. 15543/2000).
    La clausola del contratto di comodato che addossi al comodatario le spese di straordinaria manutenzione volta a consentire l'uso concessogli non osta anche il comodatario ai sensi dell'art. 1808 c.c. ottenga il rimborso delle spese sostenute per la conservazione della cosa, ove ne dimostri il carattere straordinario e urgente (Tribunale Bergamo, 20 novembre 2001).
    Il carattere di essenziale gratuità del comodato viene meno solo se il vantaggio conseguito dal comodante si pone come corrispettivo del godimento della cosa con natura di controprestazione e non quando il comodatario si limiti al pagamento della somma periodica a titolo di rimborso spese (Cass. 3021/2001).
    E' possibile prevedere nel contratto di comodato di un immobile, a carico del beneficiario, il versamento di una somma periodica a titolo di rimborso spese. L'entità deve essere tale da lasciare ragionevolmente escludere la dissimulazione di un sottostante contratto di locazione (Cass. 4976/97).
    Al comodatario non sono rimborsabili le spese straordinarie non necessarie ed urgenti, anche se comportino miglioramenti (Cass. 7923/92).
    Da : La ripartizione delle spese nel comodato
     
    A Adriano Giacomelli, e piace questo elemento.
  3. norma

    norma Nuovo Iscritto

    Grazie per la sollecita risposta!
    Non conoscendo la materia, chiedo ancora alcune precisazioni: come si distinguono le spese straordinarie da quelle che non lo sono? L'intervento si ristrutturazione è stato molto importante e quindi avrei necessità di capire se posso chiedere che qualche spesa mi venga riconosciuta. Le pratiche di ristrutturazione sono state inoltrate dai proprietari ed io ho le pezze giustificative di tutti i vari pagamenti a nome mio.
    Buona giornata
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Le spese straordinarie devono essere necessarie ed urgenti.
    O si va d' accordo o bisogna rivolgersi alla giustizia, con spese notevoli e risultati incerti.
     
    A piace questo elemento.
  5. norma

    norma Nuovo Iscritto

    Grazie per l' aiuto, purtro trovo a non saper giudicare quelle che possono essere le spese necessarie ed urgenti... ad esempio l'impianto elettrico non era più idoneo e quindi il suo rifaciemento è da considerarsi necessario ed urgente? Quindi anche le opere murarie per poterlo adeguare? Idem per l'impianto di riscaldamento che non era presente.
    Il fatto che fasse una porzione di casa unifamiliare, anche il dover creare una scala esterna per potervi accedere è da considerarsi necessario ed urgente? Sempre per lo stesso motivo il dover fare l'allacciamento alle utenze con un nuovo contatore è possibile considerarlo necessario ed urgente?
    Dal momento che questo immobile l' ho ricevuto in comodato d'uso da un parente con determinati accordi verbali che ora non vuole mantenere, ho bisogno di capire se ci sono delle valutazioni oggettive a mio favore oppure devo "pagare" per la mia ingenuità...
    Grazie e buona giornata
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina