• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

annaluisa66

Membro Attivo
Buongiorno.
Con i miei inquilini ( dal 2019) Sto per stipulare un terzo contratto di locazione transitorio della durata di un anno.
Mi è venuto un dubbio.
È previsto un numero massimo di contratti di questo tipo con gli stessi affittuari?
Grazie in anticipo
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
I contratti di locazione di natura transitoria devono contenere una specifica dichiarazione che individui l'esigenza di transitorietà del locatore o del conduttore, tra quelle indicate
nell’Accordo definito in sede locale, da provare, per i contratti di durata superiore a trenta giorni, con apposita documentazione da allegare al contratto.
 

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
È previsto un numero massimo di contratti di questo tipo con gli stessi affittuari?
Non è previsto un numero massimo di contratti ma un numero massimo di mesi: 18 mesi (complessivi, ad esempio va bene 12+6), di cui dovrai sempre documentare il motivo. Se con il tuo terzo contratto superi i 18 mesi allora non va bene (1 anno+1+1 non puoi farlo).
 

Aidualc

Membro Attivo
Professionista
Laddove ci sia una nuova motivazione transitoria documentabile (che va documentata in contratto), i 18 mesi max si possono superare.
Es contratto di lavoro di un anno, poi altro contratto di lavoro di un altro anno...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto