• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Mjross

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buon giorno, ho dato disdetta poche settimane fa al padrone di casa tramite raccomandata AR con preavviso di 7 mesi e specificando i gravi motivi. Il contratto all'art 6 prevede che "l'inquilino può dare disdetta in qualsiasi momento con preavviso di 6 mesi" e Non specificando nulla di recesso per gravi motivi. Ora dato che io ho dato disdetta facendo riferimento ai gravi motivi, il proprietario non li accetta quindi mi chiedo: la disdetta è comunque valida? Oppure tra 6 mesi quando me ne andrò può pretendere qualcosa? I gravi motivi sono riconducibili alla muffa in casa (rilevata lo scorso gennaio e prontamente informato il proprietario). Ad oggi comunque non più presente in quanto ho santificato tutto a mie spese cambiando pure l'armadio rovinato ma comunque ritornerà il prossimo inverno. Ho purtroppo dato la disdetta adesso perché per il lock down era impossibile muoversi e trovare casa...
Grazie a tutti
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Il contratto all'art 6 prevede che "l'inquilino può dare disdetta in qualsiasi momento con preavviso di 6 mesi" e Non specificando nulla di recesso per gravi motivi.
Sembra di capire che il locatore abbia derogato a tuo favore quanto previsto dalla legge; ossia permette la disdetta del conduttore (con preavviso di almeno 6 mesi) senza necessità di sua motivazione.
Sarebbe stato meglio scrivere che "il conduttore può recedere in qualsiasi momento dal contratto di locazione, senza necessità di alcuna motivazione, con preavviso di 6 mesi".

A mio parere il locatore non ha motivo di non accettare la tua disdetta. Se intende contestare i motivi a cui tu hai comunque fatto riferimento, dovrà portare la questione in tribunale. La valutazione della "gravità" dei motivi addotti dal conduttore spetta al giudice.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Se il contratto prevede la risoluzione anticipata Senza condizioni, i gravi motivi sono ininfluenti. Intentare una causa contestando le motivazioni la riterrei temeraria.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, ho una questione da porvi per chi mi può aiutare : nel condominio, l'impianto citofonico è stato sostituito da un cellulare. Tutte le comunicazioni dei portieri arrivano o tramite WhatsApp o per chiamata vocale. A questo punto, bisogna comunque versare indennità per conduzione di citofono o no? Grazie anticipatamente
perchè non ricevo più propit.it la mattina da almeno 10 giorni? , cosa è successo al mio collegamento? non so a chi rivolgermi , ho provato a reiscrivermi ma , poichè già lo sono , mi hanno risposto che non è possibile, chiedo al gestore del gruppo di ripristinarmi nei collegamenti che avevo prima con propit.it.
Alto