1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. franco73

    franco73 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    buon giorno ho una domanda ho richiesto il permesso di ampliamento civile abitazione concessomi dal comune il fatto che la mia costruzione andrà ad occupare tutta la mia proprietà fino al confine ho cercato invano di accordarmi con il vicino ma niente posso costruire lo stesso o avrò qualche problema il permesso e prg è ammessa costruzione a confine ho rispettato il dm1444 non ho aperto ne luci ne vedute sulla proprietà altrui qualcuno sa darmi qualche suggerimento ha avuto gli stessi problemi grazie
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Dovrebbe chiarire meglio.
    Dato per scontato che lei abbia tutte le autorizzazioni locali e che il Prg non preveda una disciplina diversa dal Cc, lei potrà, anche senza permesso del vicino, costruire sul confine se il vicino non avesse ancora costruito ed in tal caso il vicino potrà costruire in aderenza o appoggio ( pagando, ex art. 874cc la ½ del valore del muro); qualora il vicino avesse già costruito ma ad una distanza inferiore ad 1,5 mt dal confine, lei potrà avanzare pagando il valore del terreno occupato.
     
  3. franco73

    franco73 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    il vicino ha già una casa nel suo terreno ma è a 10mt e più dal confine quindi avrei rispettato il dm 1444 si il e regolamenti comunali prevedono la costruzione a confine salvo il diritto di terzi il cc prevede per la prevenzione che potrei costruire essendo il primo il mio dubbio è se il vicino può reclamare diritto terzi e fare opposizione all'intervento chiedendo la messa in ripristino grazie anticipatamente per la risposta
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    I diritti che possono vantare i terzi son quelli loro conferiti dalla legge e/o dai regolamenti locali; se lei è certo di aver rispettato tutta la normativa locale del Prg quanto alle distanze, il Cc prevede che lei possa costruire a confine.
    Consulti il professionista locale che l'assiste per la pratica edilizia; a mio modesto parere lei può costruire sul confine senza assenso del vicino
     
  5. franco73

    franco73 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    anche secondo lui non ci dovrebbero esserci problemi un accordo scritto mi toglierebbe ogni dubbio speriamo che sia cosi grazie intanto
     
  6. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Da quello che mi risulta da mie esperienze bisogna rispettare una distanza di 10 metri
    salvo diversi regolamenti comunali , informati bene da un serio proffesinista del tuo comune per non avere brutte sorprese .
     
  7. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    L'importante è che veramente il PRG consenta la costruzione sul confine senza alcuna limitazione, Dico ciò perchè solitamente è : o a 5 metri o a confine se già c'è l'edifico del confinante, o a confine con convenzione con il confinante.
     
  8. franco73

    franco73 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    il prg recita è ammessa costruzione a 3mt o a confine senza consenso del vicino,però andrà in vigore fra qualche anno il rue che non autorizza a costruire senza accordarsi il mio permesso è passato con il prg avro problemi?
     
  9. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Ma ciò é altro rispetto a quanto scritto prima!!! Altro che in regola con tutta la normativa locale...
    Rue = reg. urb. locale?
    Se così fosse, lei dovrà attenderne la modifica a seguito nuovo Prg. Senza assenso non potrà edificare sul confine.
     
  10. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    non si capisce cosa andrà in vigore "tra qualche anno" e se il rue " è passato" con il prg.
    La generica affermazione che il rue andrà in vigore tra qualche anno non vuol dire per caso che è stato solo adottato dal consiglio Comunale? Se così fosse quanto si progetta deve rispettare sia il prg e lo strumento/regolamento urbanistico adottato.
     
  11. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Per evitare seri problemi dopo, sarebbe meglio far firmare un foglio al vicino (visto che la concessione è salvo diritti di terzi) un foglio dove permette la costruzione a confine, in modo tale che non abbia poi più da ridire.

    Dalle nostre parti i Comuni permettono la costruzione a confine SOLO in presenza di assenso del vicino (anche con distanze che eccedono i 10mt).
    Infatti da noi puoi costruire su ogni lotto o a 0 mt (a confine ) o a 5 mt per gli edifici residenziali e a 3 mt per edifici pertinenziali (in molti comuni così).
    Se l'edificio residenziale o la pertinenza la porti a 0mt devi in ogni caso chiedere l'assenso del vicino ed allegarlo al Permesso di Costruire.
    Senza di esso non viene rilasciato il Permesso a quella distanza.
     
  12. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Salvo la norma locale non ricalchi perfettamente il Cc. In tal caso nessun permesso del vicino sarà necessario. Lo scivente ciò deve accertare. Fatto ciò potrà trarne le debite conclusioni. Recarsi uff. Tecnico comunale e comprendere bene la normativa locale.
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Sappiamo tutti che le distanze previste dal CC sono m 1,50 dal confine, salvaguardando la distanza di m 3,00 fra fabbricati. Generalmente nelle zone urbanizzate tale limite è di m 5,00 e m 10,00 fra pareti finestrate (i limiti potrebbero essere 3,50-7,00, 4,00-8,00). Se non ci sono piani attuativi che prevedono la distribuzione dei volumi all'interno dei lotti essi possono essere addossati al o ai confini laterali ovvero distaccarsi da uno o entrambi di m 5,00. Ovviamente senza precludere l'edificabilità dei lotti adiacenti. Nelle zone agricole, nel mio paese, i fabbricati devono distare m 10,00 dai confini, 15,00 dalla strada. E' ammesso un accordo fra i confinanti che permette ad uno di addossarsi al confine e conseguentemente l'altro potrà costruire in aderenza ovvero a m 10,00 dal confine.
    Nel caso il fabbricato esistente non dovesse essere regolare con la distanza prevista dal piano urbanistico, lo spazio intermedio deve essere coperto ovvero può essere acquisito dal confinante il quale a questo punto potrà costruire in aderenza.
    Il muro di confine può essere costruito di comune accordo a cavallo del confine ovvero, il proprietario può cedere la comproprietà dello stesso, non la sola metà della larghezza dello stesso, perchè se così fosse essa non sarebbe in grado di assolvere alla sua funzione di muro, probabilmente, portante. Se il proprietario di detto muro non intendesse condividerlo con il vicino, questi deve realizzare il suo, compreso di fondazione, addossato, ma separato dall'altro, avendo cura di sigillare il perimetro per evitare eventuali infiltrazioni dell'acqua piovana.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  14. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Le norme locali differiscono e sono sempre più restrittive del codice civile (almeno qui) ma altre esperienze (lombarde) mi dicono che non è differente anzi...
    Aggiungo solo una piccola parte a quello che ha già espresso @Gianco .

    I PRG attuali con distanze, limiti e cubature ricalcano sia il Dm 1444 del 68 sia le norme Regionali urbanistiche (le prime che hanno cresto tutto questo scompiglio sono collocate generalmente tra la fine degli anni 70 ed inzio 80...prima c'era praticamente solo il codice civile e poco altro.

    La norma principe per la regione Piemonte che ha dato il via un pò al tutto è la L.R 56/77: "Tutela ed uso del suolo" (qui il testo coordinato con le varie modifiche) :Legge regionale 5 dicembre 1977, n. 56.

    Quando ci si trova in prossimità dei centri storici e si deve fare una manutenzione su un edicio esistent eprima di tale legge, quindi con costruzioni che hanno un minimo di 50 fino anche a 300 anni ed oltre ovviamente dobbiamo ragionare in modo differente, e sicuramente NON avremo:
    • Altezze minime di 2,70 mt (in quanto fissata da un preciso di D.M questo: Bosetti & Gatti - d.m. sanità 05 luglio 1975
    • Barriere architettoniche rispettate in quanto la legge di riferimento è del 89 : Bosetti & Gatti - d.m. n. 236 del 1989 (barriere archit.)
    • Nessun rispetto della prestazione energetica ; la prima legge italiana che prende seriamente in conto i calcoli sulle trasmittanze è la Legge 10/91
    • Edificio in aderenza dei cigli stradali
    • Diversi carichi ammissimbili sulle solette rispetto a quelli odierni
    • Impianti difficilmente a norma (la prima legge italiana è stata la L.46/90)
    più altre che non cito perchè vi riempirei una pagina come minimo.
    In caso di ristrutturazione in un centro storico è molto difficile applicare le nuove normative senza stravolgere il carattere storico delle cortine edilizie (ecco il perchè di tante deroghe) ed ecco il perchè il C.C ci viene spesso in aiuto quando di opera su edifici preesistenti a tutte le normative.

    Nel caso di edifici nuovi invece, sicuramente valgono le nuove normative.
     
  15. franco73

    franco73 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    mi sono informato è il RUE è stato approvato in delibera verso primi del 2012 il permesso rilasciato è iniziato prima con varie varianti approvate un proseguio del precedente con interventi diversi il permesso comunque è stato rilasciato con il PRG devo rispettare anche il rue? secondo voi sarebbe meglio consultare un legale data la delicatezza della questione grazie attendo
     
  16. franco73

    franco73 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    si sono sbagliati a concedermi il permesso di costruire o ho rispettato la normativa vigente alla data della richiesta confermate?
     
  17. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Cos'è il RUE?
     
  18. franco73

    franco73 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    PIANO STRUTTURALE COMUNALE
     
  19. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Tempus regit actum: ogni atto è regolato dalla legge del tempo in cui esso si verifica. Quindi se il Rue non è stato approvato e, quando lo sarà, la sua disciplina non sarà espressamente retroattiva, allora lei potrà cosrtuire a confine senza assenso del vicino se ciò rispetta la norma vigente quando le fu rilasciato il permesso.
     
    Ultima modifica: 10 Novembre 2015
  20. franco73

    franco73 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    e se mi fa causa il giudice potrebbe dargli ragione perchè le norme vigenti ad oggi specificano regole diverse ?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina