• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Nico0080

Membro Junior
Proprietario Casa
Ciao a tutti,
scrivo per chiedervi consiglio riguardo la seguente situazione.
Al piano terra del condominio dove abito è presente un attività commerciale.
Gli esercenti hanno adibito una delle stanze a magazzino ed è lì che i corrieri caricano e scaricano la merce.
L'attività di rifornimenti molto spesso inizia alle 4.30 di mattino. Poi le consegne durante la giornata possono ripetersi. Esempio la prima alle 4.30 la seconda alle 5.30 la terza sulle 15 (indicativamente).
Il problema riguarda le consegne che avvengono tra le 5.30 e le 7
Molto spesso capita di svegliarsi improvvisamente a causa dei rumori provocati dalle operazioni di carico scarico.
Capita anche di sentire questi corrieri sbattere le portiere dei furgoni utilizzati oppure la porta di ingresso del magazzino (che sbatte su muro portante).
ll tutto come se fossimo in pieno giorno senza minimamente curarsi dell orario.
Sfortuna vuole che la sosta dei furgoni avvenga all altezza della camera da letto (su strada principale ed in sosta vietata).
Io vivo al secondo piano di questa palazzina. In linea d'aria potrebbe trattarsi di 20 metri circa. Questa la distanza che separa la camera da letto dalla zona di sosta dei mezzi.
Il controllo non è possible perché a quell ora non ci sono né vigili né altro che possano verificare. Ci sarebbe una telecamera di sicurezza del comune installata a pochi metri da dove vengono sostati i furgoni ma dovrei chiamare la polizia locale per chiedere e non so se una telecamera basta per dimostrare l infrazione.
Qiello che chiediamo da mesi all esercente è sensibilizzare le ditte di trasporto alle quali si rivolgono affinché diano disposizioni chiare agli autisti.
Abbiamo fatto inviare una pec dall amministratore di condominio all esercente segnalando il tutto e chiedendo di :
- Invitare i corrieri a prestare massima attenzione e non fare rumore a quell ora ;
- Sistemare la porta affinché non possa essere sbattuta ;
- Insonorizzare il magazzino ;
- Fare in modo che i corrieri non parcheggino in sosta vietata

L esercente è intervento di recente installando un chiudi porta e togliendo la maniglia dalla stessa così che non sia possibile per il corriere sbattere la porta uscendo.
Nonostante questo ogni tanto c'è chi riesce nell intento chiudendo a chiave in modo fragoroso.
Le operazioni di smistamento di queste cassette di merce all interno del locale causano forte rumore. Anche se un piano mi separa da questo magazzino sento tutto come se le operazioni avvenissero nella mia stanza.
Il vicino che abita sotto è anziano, sente poco e ormai non ci fa più caso (sono anni che convive con il problema mentre io sono qui da un anno circa).
Non è stato effettuato alcun intervento di insonorizzazione del locale.
In sostanza l esercente, tramite suoi legali, ha fatto sapere che può intervenire fino ad un certo punto, che chi causa il problema non è lui ma le ditte di spedizione (che tra l'altro vengono cambiate periodicamente).
Abbiamo tra l'altro chiesto di fare in modo che gli orari di rifornimento vengano variati spostandoli qualche ora più in là. Ci è stato però risposto che questo potrebbe causare ritardi nelle consegne e che quindi potrebbe causare un danno all economia dell attività.
Io davvero non so più cosa fare.
Da molto tempo minaccio di sentire un legale ma molti mi hanno sconsigliato di farlo perché il rumore poi va "dimostrato" con soglia decibel e perché poi tutto questo potrebbe portare ad un nulla di fatto.
Questi corrieri cambiano spesso e non è possible controllarli.
Nonostante le lamentele ed i richiami non cambia nulla. O meglio, per qualche giorno si notano miglioramenti poi però la situazione si ripristina.
Lo stesso gestore della filiale (è una holding e la filiale è gestita da sede che sta in altra città) mi ha consigliato di rivolgermi ad un avvocato, ed è paradossale!
Vorrei sapere, qualcuno di voi ha avuto / ha il mio stesso problema?
C'è soluzione secondo voi? Senza dover spendere denaro con un legale?
Posso obbligare l esercente a modificare gli orari di rifornimento?
Grazie
 

BeppeX88

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Secondo me non c'è soluzione e non puoi fare niente. Prima di abbandonare ogni speranza sentirei un legale giusto per non lasciare ogni possibilità di soluzione. Con pec, raccomandate o amministratore risolverai ben poco
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
L'amministratore, al quale tutti sempre si rivolgono, ha solo il potere di chiedere di rispettare il regolamento di condominio. Se questo ammette tale tipo di attività in quei locali (o non la esclude) l'amministratore può fare ben poco. Senza spendere non risolvi. Dovresti far fare una perizia fonometrica da una ditta privata e poi darla in mano all'avvocato che con questa intenta una causa alla ditta. Costi esorbitanti, naturalmente.
 

Nico0080

Membro Junior
Proprietario Casa
Non è mica il proprietario dell'immobile a recare disturbo, ma i corrieri. Se la sua attività è regolare, come la destinazione dell'immobile che occupa, non vedo cosa tu possa fare
[/QUOTE
Ma a me mica interessa avercela con l esercente. Io voglio solo risolvere il problema. Non è possibile che ogni mattino alle 5 si senta un baccano pazzesco perché qualcuno pensa di essere al mercato e se ne fotte di poter svegliare i condomini.
Io ho chiesto riguardo l'ora, non se è colpa del proprietario.
Ad ogni modo mi hai già risposto in modo eloquente con il primo messaggio. Non serve andare oltre. Grazie per la disponibilità.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Ma scusate, la questione orario non è rilevante?
Dev'essere un combinato di fattori per poterne uscire...in primis non devi essere l'unico a lamentarti dalle "immissioni oltre la normale soglia di tollerabilità".

Poi devi far rilevare che tali rumori superano la soglia fissata dal Comune in quell'orario di almeno 3-5 decibel.

Calcola che alle 5,30 non è infrequente che comincino a passare automezzi per nettezza urbana/asporto rifiuti (capita pure nel nostro quartiere ...e siamo in aperta campagna).

Puoi lamentarti con il Sindaco (e/o l'Ufficio delegato) come minacciare causa al gestore del negozio (comunque responsabile per i "danni" causati dai corrieri)...devi essere cosciente delle spese che dovrai anticipare senza garanzia di ottenere ragione se sei il solo.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Questo potrebbe esserti d'aiuto:
.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
L'orario per il disturbo della quiete pubblica è rilevante, eccome! Devono esserci dei regolamenti di polizia urbana che lo definiscono (orari e consistenza dei rumori) e chi è deputato ad accertare eventuali violazioni sono le forze dell'ordine, non l'amministratore del condominio.
 

Nico0080

Membro Junior
Proprietario Casa
L'orario per il disturbo della quiete pubblica è rilevante, eccome! Devono esserci dei regolamenti di polizia urbana che lo definiscono (orari e consistenza dei rumori) e chi è deputato ad accertare eventuali violazioni sono le forze dell'ordine, non l'amministratore del condominio.
Ma su chi ricade la responsabilità? Sul gestore dell attività che impone questi orari ai corrieri? Oppure direttamente a questi per le mancate cautele nello svolgimento delle loro attività in quella fascia oraria?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

davideboschi ha scritto sul profilo di Laura Casales.
SE vuoi che ti rispondano, crea una nuova discussione. Clicca in alto nella banda nera su "Nuova discussione", scegli l'area tematica (potrebbe essere "Area legale - Locazione affitto e sfratto) e poni lì la domanda.
Buongiorno. Mio figlio è stato sfrattato. Il proprietario dice che non pagava da diversi mesi. Ma è stato dimostrato tramite bonifici davanti al giudice che non era vero! Lui per ripicca ci ha abbassato la potenza del contatore. È da tre mesi che mio figlio non paga più l'affitto. Purtroppo per mancanza di lavoro per la pandemia. La corrente mio figlio l'ha sempre pagata in nero. Ho bisogno di un consiglio!
Alto