1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. cicciettamia

    cicciettamia Nuovo Iscritto

    salve a tutti, vorrei sottoporvi un mio problema.Poco tempo fa(circa 6 mesi) è morto mio padre ed ha lasciato dei terreni agricoli e fabbricabili.In successione siamo entrate io, mia sorella e mia madre. I terreni e anche la casa dove abito io e mia madre però sono in comproprietà con mio zio (fratello di mio padre). Tutti noi sappiamo qualè la nostra parte di proprietà perchè stabilita con il geometra ma mio zio non vuole fare la divisione dal notaio.Vorrei sapere se c'è un modo per obbligarlo a fare questo atto perchè oltr tutto abbiamo tante spese in più proprio perchè comproprietari! Vi ringrazio anticipatamente per le vostre risposte.
     
  2. sarastro

    sarastro Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ogni comunista (si chiama così il comproprietario di una comunione pro indiviso) ha il diritto di chiedere la divisione del bene. Tenete però presente che una causa di divisione giudiziale è lunga e costosa.
    Se possibile, conviene scegliere una di queste due vie:
    1) regolamentare pesi e vantaggi della comunione con un contratto
    2) dividere extragiudizialmente, sempre per via contrattuale.
    Bisogna dunque che a) informiate lo zio che, giuridicamente, non può impedirvi di dividere il bene b) quando lo zio ha digerito l'informazione, cerchiate, se possibile di comune accordo, di dividerlo nel modo più semplivce e meno costoso (evitando, ad esempio, conguagli in denaro). Per stendere il progetto divisionale potete avvalervi del consiglio di un legale, o di un notaio, o di un commercialista, o anche di un esperto nel ramo di atttività che vi interessa. Se riuscite a trovare un accordo, stendete un preliminare, sottoscrivetelo, e andate dal notajo a formalizzare l'atto.
    Se non c'è verso di convincere lo zio, dovrete procedere giudizialmente. Vi segnalo che dal marzo 2011, tutte le cause di divisione dovranno essere precedute da un tentativo di conciliazione presso uno dei vari enti autorizzati . In bocca al lupo.
     
    A maidealista e bolognaprogramme piace questo messaggio.
  3. cicciettamia

    cicciettamia Nuovo Iscritto

    grazie,nel frattempo sembra che le cose stanno cambiando e mio zio sembra essere più ragionevole. Speriamo bene!!!!!!!!
     
  4. sarastro

    sarastro Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    In bocca al lupo!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina