• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

giogiolu

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno
mi rivolgo al Forum perchè pur essendomi documantato ho qualche dubbio.
Rifacimento parziale della balza inferiore di fabbricato
Il Condominio, autogestito, vorrebbe provvedere al rifacimento della balza inferiore perimetrale il cui intonaco è cadente per una superficie di circa 60 mq. I lavori consistono:
-nella demolizione e successivo smaltimento dell' intonaco
-pulizia e stuccatura delle pietre della muratura se queste si presentano belle dal punto di vista estetico
-se così non fosse, in alternativa, è prevista altra ipotesi consistente nella posa di intonaco anti umido e successiva tinteggiatura.
I lavori di cui sopra non portano ad un incremento di classe dal punto di vista energetico e non interessano la totalià della facciata. Domanda: le condizioni di cui sopra consentono ai singoli condomini di poter usufruire de detraibilità della spesa? Se si, in quale misura e spalmata in quale arco di tempo?
Sostituzione termo singolo per produzione acqua calda e riscaldamento
Un Condomino valuta la possibilità di sostituire la caldaia, già di classe A, ma ormai datata, con altra sempre di classe A con l'eventuale aggiunta di valvole termoregolatrici sui cinque radiatori.
Mi sembra di aver capito che nel primo caso possa usufruire della detraibilità della spesa nella misura del 50% e nella seconda ipotesi del 65%. Ma in quale arco di tempo vengono spalmate?
Grazie a chi vorrà intervenire
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
D1- Lavoro condominiale di manutenzione: detrazione decennale 50%
D2- Dubito che si possa optare per il bonus 65%, temo debba essere dimostrata una certa % di miglioramento energetico. Anche nel 2’ caso Comunque non mi imbarcherei nella procedura più complessa che necessità di asseverazionedi un termotecnico ecc, e richiederei la detrazione 50% sempre in 10 rate

Ps: anche quella al 65%, se non è cambiata recentemente la regola, prevede rateazione 10 anni
 

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
Un Condomino valuta la possibilità di sostituire la caldaia, già di classe A, ma ormai datata, con altra sempre di classe A con l'eventuale aggiunta di valvole termoregolatrici sui cinque radiatori.
Mi sembra di aver capito che nel primo caso possa usufruire della detraibilità della spesa nella misura del 50% e nella seconda ipotesi del 65%. Ma in quale arco di tempo vengono spalmate?
Sostituendo la caldaia con una a condensazione e installando le termovalvole su tutti i radiatori (ove tecnicamente possibile), si può accedere all'Ecobonus, con aliquota al 50% o al 65%, a seconda dei casi.
Infatti l'aliquota 65% è richiedibile solo se si montano termovalvole "evolute" che, in sintesi:
  1. sono a controllo elettronico e non meccanico
  2. permettono un risparmio maggiore poiché gestiscono in modo più efficiente la regolazione del calore
  3. costano decisamente di più di quelle meccaniche tradizionali
Ecco perché le termovalvole evolute sono agevolate con aliquota più alta rispetto alle meccaniche (agevolabili, invece, al 50%).

Sfruttando l'Ecobonus, la comunicazione Enea non prevede l'intervento di un tecnico, ma può essere compilata in autonomia (fa fede la documentazione tecnica rilasciata dai fornitori/produttori di caldaia e termovalvole).

Viceversa, volendo usare il Bonus Ristrutturazioni (aliquota 50% in tutti i casi), non sarà obbligatorio (ma consigliato) l'invio della comunicazione Enea ma, in compenso, si dovrà ottenere una dichiarazione tecnica che dimostri il miglioramento energetico ottenuto a seguito dell'intervento.
Tale dichiarazione difficilmente viene rilasciata dagli installatori dato che, di solito, non hanno le competenze per redigerla.

Ti consiglio di leggere questa discussione per approfondire la questione.
 

navol

Membro Ordinario
Proprietario Casa
non ho capito nulla dell'ecobonus sto cambiando due finestre per mettere infissi nuovi e doppi vetri chi mi metterà gli infissi ha affermato"per accedere debbo fare più lavori altrimenti posso applicare solo il 50% per sgravi fiscali
il mio reddito è piuttosto basso quindi che faccio nadia
 

Fift@

Membro Assiduo
Professionista
Niente.
Cambi le finestre e le paghi per intero, no bonus, no detrazioni.
Niente
 

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
non ho capito nulla dell'ecobonus sto cambiando due finestre per mettere infissi nuovi e doppi vetri chi mi metterà gli infissi ha affermato"per accedere debbo fare più lavori altrimenti posso applicare solo il 50% per sgravi fiscali
il mio reddito è piuttosto basso quindi che faccio nadia
Vale più o meno lo stesso discorso che ho fatto per la caldaia: non puoi accedere al superbonus 110%, ma puoi accedere al Bonus Ristrutturazioni o all'Ecobonus "standard", entrambi con aliquota 50%.

Nel primo caso devi dimostrare di aver ottenuto un miglioramento energetico rispetto alla situazione di partenza attraverso una dichiarazione tecnica e non è necessario (ma consigliato) inviare la comunicazione Enea.
Nel secondo caso, invece, non serve un tecnico, ma è obbligatorio l'invio della comunicazione Enea.
Inoltre, per essere detraibili, i serramenti devono rispettare le trasmittanze previste per la zona climatica in cui ha sede l'immobile oggetto degli interventi, secondo i valori contenuti nel DM 26/01/10 (l'installatore deve rilasciare una dichiarazione che riporti i valori di trasmittanza dei serramenti che monta).

In entrambi i casi puoi scegliere se:
  1. detrarre in 10 anni la metà di quello che paghi: anche se hai un reddito basso, non è detto che tu non abbia sufficiente IRPEF per farlo, visto che i serramenti sono solo due e non si tratterà, quindi, di una spesa altissima. Ti basta far verificare la tua situazione fiscale da un CAF/commercialista
  2. cedere il credito al fornitore o ad una banca: è indispensabile il loro assenso perché non è prevista l'accettazione obbligatoria del tuo credito
  3. chiedere al fornitore se può applicarti lo sconto in fattura pari alla spesa che dovrai sostenere: anche in questa evenienza non è obbligatorio che il fornitore te lo conceda se non ha capienza per recuperarlo
Non è indispensabile che tu esegua altri interventi per ottenere uno di questi due Bonus Casa se i requisiti che ho scritto sopra sono rispettati.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho comprato una casa e nel giardino si trova un palo del Enel "morto", nel senso che nessun cavo elettrico è attaccato e secondo me nessun cavo era mai stato attaccato, il precedente proprietario non lo dava fastidio, ed io vorrei togliero ,
vorrei un consiglio a chi devo contattare per rimuoverlo,
al comune o al enel
grazie
Salve ho in comproprietà una strada privata i miei dirimpettai hanno l'accesso pedonale di servizio possono entrarci anche in macchina tengo a precisare che hanno il passo carrabile è l'ingresso principale con numero civico su altra strada
Alto