• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

giovanni59

Nuovo Iscritto
Buonasera, le propongo il quesito:abito in un appartamento che i miei genitori hanno acquistato 24 anni fa, mio padre è deceduto 5 anni fa mentre mia madre è scomparsa all'inizio di quest'anno, non esiste testamento, io ho sempre abitato con i miei genitori in questo appartamento e ho contribuito all'acquisto e al mantenimento dello stesso.Ho altri 2 fratelli che sono usciti di casa prima dell'acquisto dell'abitazione.Adesso in fase di successione essi pretendono che io acquisti la casa liquidando la loro quota oppure vendere l'appartamento dividendo per tre il ricavato, la domanda è questa, è mio diritto poter rimanere in questa casa senza liquidare nessuno, magari in usufrutto lasciando tutto in eredita' ai miei nipoti, figli dei miei fratelli non avendo io figli? Oppure ho io almeno il diritto di avere una quota più grande dell'eventuale ricavato dalla vendita? Grazie in anticipo per la risposta
 

maidealista

Fondatore
Membro dello Staff
Proprietario Casa
Purtroppo se non esistono documenti che attestino il tuo apporto di capitali per l' acquisto e la manutenzione dello stabile non hai maggiori diritti degli altri due fratelli nella divisione.
Forse di prosecuzione del diritto di abitazione.
 

Gian Luigi Cristina

Nuovo Iscritto
Se non sei in grado di dimostrare il tuo apprto di capitale con documentazione contabile valida non hai diritto a quote maggiori, attenzione che la tua rinuncia è irrevocabile e convolge tutta la massa ereditaria ( altri beni, eventuali capitali ecc.) , per quanto riguarda l'eventuale usufrutto , a mio giudizio, deve essere frutto di un atto notarile dal quale si rilevi la tua cessione o donazione di quota ai tuoi fratelli in cambio dell'usufrutto totale dell'immobile per tutta la durata della tua vita ( che spero sia lunga)
 

giomar

Membro Attivo
Concordo con le altre risposte ed aggiungo, che, tutto sommato, il fatto di aver abitato per tanti anni nell'appartamento dei genitori non puo' essere considerato come un diritto per ottenere di piu' bensi' un previlegio rispetto agli altri fratelli.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Se hai una buona scusa, non usarla mai.
Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Alto