1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    Ciao,sarebbe mia intenzione aprire un conto bancario on line.Le notizie che però ogni tanto arrivano mi fanno riflettere.Sono sicuri questi conti o conviene continuare con il tradizionale allo sportello?grazie
     
  2. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Personalmente è più di dieci anni che ho il conto corrente on-line e mi trovo molto bene, è molto pratico e fa risparmiare tantissimo tempo, evitando code, ricerca di parcheggio ecc.
    Occorre cambiare molto frequentemente i codici di accesso, e conservarli con cura e quando sono più di uno, tenerli separati l'uno dall'altro.
    Non comunicare mai i codici di accesso su richieste e mail. Nessuna banca invia e-mail con richiesta dei codici. Tuttavia esiste il fenomeno del "pishing", ovvero (se ho capito bene), qualche truffatore ti invia una e-mail con il logo della banca e per esempio ti dice che per ricevere un certo accredito necessita dei tuoi dati.... NON DARLI MAI (guardiano, scusa il maiuscolo).
    Jrogin
     
  3. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    grazie jrogin :daccordo:
     
  4. Gatta

    Gatta Membro Attivo

    Sono andato ad approfondire l'argomento che Jrogin ha già perfettamente inquadrato.
    Infatti anch'io sarei personalmente interessato.
    L'accrreditata rivista Altro Consumo nell'inserto "i nostri soldi" affronta l'argomento con la solita competenza.Mi permetto,quindi,riportare per esteso le "istruzioni" di cui converrà farsi una fotocopia per eventuali evenienze.

    "I conti on line.
    Tassi di interesse competitivi: ma c'è chi ancora ha dubbi sulla sicurezza.

    È soprattutto la percezione di scarsa sicurezza da parte degli utenti che frena in Italia lo sviluppo e l'utilizzo dell'e-banking.
    Quello della sicurezza è un problema che riguarda tutti i paesi europei, ma che in Italia è maggiormente sentito. Il sistema bancario italiano dovrebbe dunque lavorare su strumenti che diano sufficiente sicurezza ai clienti e soprattutto sulla comunicazione dei canali attivati. Non dimentichiamo poi che nella maggior parte dei casi usare internet piuttosto che lo sportello per fare le operazioni bancarie comporta dei seri vantaggi economici.
    Inoltre, come dimostrano le rilevazioni periodiche del nostro periodico specializzato Soldi&Diritti sull'argomento, i conti online offrono tassi d'interesse più alti dei conti tradizionali e hanno generalmente spese più contenute.
    Risultano quindi spesso i conti migliori per i diversi profili di utilizzo.

    L'operatività online.
    Le funzioni messe a disposizione degli utenti da parte dei siti di home banking sono di due tipi.
    Operazioni dispositive. Si tratta di operazioni che comportano l'utilizzo del denaro depositato sul conto da parte del cliente e che quindi devono essere, nella maggior parte dei casi, confermati digitando un ulteriore codice di accesso.

    Le operazioni dispositive che si possono fare online si possono dividere in tre grandi gruppi:
    • pagamenti e bonifici; [/*:m:2i6w57xt]
    • ricariche dei telefoni cellulari e delle carte prepagate; [/*:m:2i6w57xt]
    • trading online. [/*:m:2i6w57xt]

    Ovviamente se il conto è solo online tutti i servizi bancari di un normale conto corrente transitano online.

    1. Operazioni interrogative.
    Con questa funzionalità si ha la possibilità di avere l'estratto conto online, visualizzare i movimenti e in molti casi anche la
    situazione del deposito titoli e il saldo della carta prepagata.

    2. Questione sicurezza
    I conti correnti online sono indubbiamente molto pratici, permettono di fare molte operazioni da casa sono più economici di quelli tradizionali, ma sono ancora relativamente poco diffusi in Italia. Molti si chiedono: sono sicuri? Una nostra inchiesta ha analizzato i 19 siti di home banking presenti in Italia verificando quali sono le chiavi di accesso ai conti on line; non esiste un unico sistema, ma
    molti diversi da banca a banca.
    Sono da apprezzare le banche che hanno predisposto dei meccanismi di password dinamiche, quindi modificate di continuo per mezzo di una chiavetta: premendo un pulsante compare sul display una combinazione di numeri che resta valida solo per alcuni secondi.
    Così facendo gli hacker hanno meno possibilità di entrare nel conto del cliente.
    Ne abbiamo individuate sette: Banca Sella, BNL, Credem, Intesa San Paolo, Iwbank, Mps, Unicredit . "

    L'ultimo capoverso è il più interessante.

    Questo è quanto.
    Saluti da Gatta.
     
    A alder piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina