1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. franco causio

    franco causio Membro Junior

    Buongiorno
    Ho appreso ora che è uscita in dicembre 2013 una circolare dell'agenzia delle Entrate (n. 36/E del 19 dicembre 2013) che ha esentato dall'obbligo gli impianti fotovoltaici "minori" e definito nel dettaglio le circostanze in cui i pannelli vanno registrati
    Quando il fotovoltaico è al servizio di un'unità immobiliare già accatastata, la circolare delle Entrate ribadisce che la variazione catastale è obbligatoria solamente quando il valore dell'impianto supera il 15% della rendita catastale.

    Ho provato a fare il calcolo

    Ho sul tetto un impianto da 5 kw, montato nel 2012 e fatturato a 20.700 euro.

    La rendita catastale della mia casa è 1534 euro, quindi il 15% moltiplicato x 100 è 23.010 euro.

    Se i conti si fanno così, ci starei dentro senza fare accatastamenti addizionali.

    In più poi, ma non so se ho capito bene, ho letto che:
    "- Impianti fotovoltaici installati su unità abitative sono esonerati dall'obbligo di accatastamento se non superano una potenza di 3 kw per unità immobiliare (esempio se un'abitazione è composta da un abitazione più garage accatastato separatamente, la potenza non deve superare i 6 kw, 3 kw per unità abitativa)".
    Io ho anche un garage e mi pare accatastato separatamente: stesso foglio della casa, stessa particella ma sub diverso
    La rendita catastale è 62 euro...

    Qualcuno è in grado di verificare i miei calcoli?

    grazie
     
  2. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non è il 15% del valore catastale?

    Per kw intendi il kWp, chilowatt di picco?
     
  3. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Ho lo stesso identico problema, che ho "postato" sul blog 3-4 mesi or sono. Nel frattempo mi sono informato e mi hanno detto che il calcolo del famigerato 15% non è semplice da fare e che ci vuole un tecnico che lo certifichi. Io non ho fatto nulla perchè ritengo di non dover spendere altri soldi per questa burocrazia di m... e mi sono semplicemente cautelato mettendomi d'accordo col vicino e scrivendo sul contratto per la realizzazione dell'impianto che esso serve due unità abitative (non credo che il garage sia un'unità "abitativa") vicine: che qualcuno dell'AdE venga a controllare.
     
  4. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io alla azienda elettrica ho proposto di darle in affitto il mio lastrico solare, l'impianto è e rimane loro e io non voglio energia se non dalla rete, come è già ora. Sul canone non è difficile mettersi d'accordo (30 €/mq, ad esempio), l'azienda sa benissimo se le conviene o meno.
     
  5. franco causio

    franco causio Membro Junior

    Mi sa che hai ragione, devo considerare il valore catastale , partendo dalla rendita.
    Ecco il nuovo calcolo:
    rendita catastale = 1534 + 5% = 1610,7 x 110 = 177.177 euro x 15% = 26.576 euro che è superiore ai 20.700 euro dell'impianto
    Sì, intendo un impianto da 5kwp (20 PANNELLI X 250wp CAD. )

    La faccenda delle unità immobiliari abitative l'ho letta sul un articolo del Sole 24 ore, ecco l'estratto:
    Gli impianti fotovoltaici non devono essere accatastati in casi come questi: 1) Una casa unifamiliare composta da unità abitativa più autorimessa, tettoia o soffitta/cantina (censite separatamente), con impianto fotovoltaico costruito sul tetto di una delle tre unità immobiliari, ma asservito a tutte e con potenza inferiore a 9 kW (n. 3 unità x 3 kW/unità). 2) Un complesso residenziale costituito anche da un rilevante numero di unità immobiliari che beneficia dall'impianto, se questo però ha una potenza complessiva inferiore a 3 kW per ogni unità (per esempio 30 kW con 10 unità). 3) Quando, anche se l'impianto è superiore ai 3 kW per unità, l'incremento di rendita determinato dall'impianto è inferiore al 15% dell'importo originario

    Nell'articolo viene anche spiegato come fare il calcolo del 15%:

    . E in tal senso l'agenzia del Territorio ha dato istruzioni con la circolare 1/2006: il rapporto tra redditività impianto e redditività abitazione va eseguito con valori riportati al 1988-89, data di riferimento delle attuali rendite iscritte in catasto. La rendita è calcolata in proporzione al valore capitale con riferimento al biennio economico 1988-89, applicando un saggio di fruttuosità (tariffe d'estimo vigenti). La metodologia di stima generalmente da utilizzarsi in queste casistiche (costo di ricostruzione decurtato per vetustà) è stata riassunta dall'agenzia del Territorio nella circolare n. 6/2012. Per esempio, considerato un costo attuale di 5000 €/Kw per un impianto di 4Kw, la rendita catastale che gli competerebbe, con riferimento al biennio economico 1988-89, è pari a circa € 114,00 (ipotesi di immobile in categoria del gruppo A o C per il quale è previsto un saggio di redditività dell'1%). Se quindi l'unità immobiliare dove è installato ha una rendita di 760 euro, non c'è obbligo di accastamento (114 euro è meno del 15% di 760)

    Io non ci ho capito molto...
     
  6. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Avevo già letto la circolare 6/12 e confermo quanto mi hanno detto: per il calcolo bisognerebbe affidarsi ad un tecnico (pagandolo). Per esempio, nel tuo calcolo, come ci arrivi a 114,00 euro partendo da 20.000 (5000 x 4)? Dove hai visto il saggio di redditività all'1%?
     
  7. Fagiani Sarah

    Fagiani Sarah Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti, questa mattina parlando con il ns. tecnico esperto, abbiamo risolto il dilemma considerando il fatto che tutti gli impianti superiori a 3 kw sono soggetti ad accatastamento.
    saluti
     
  8. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    No, non è vero che TUTTI gli impianti superiori a 3KW sono soggetti ad accatastamento: detto questo, come avreste risolto?
     
  9. Fagiani Sarah

    Fagiani Sarah Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ancora non abbiamo affrontato la problematica, ci penseremo al momento, il tecnico c'è a posta...ora mi studierò anch'io la delibera poi vi farò sapere se c'avrò capito qualcosa in più!:)
     
  10. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Ah, ecco, appunto...!
     
  11. franco causio

    franco causio Membro Junior

    Il calcolo viene dall'articolo del Sole, che ho copiato pari pari...

    ciao
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina