1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. aligaspa

    aligaspa Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti.
    Sono proprietaria di una prima casa a Roma dove vive mia figlia: Io però vivo in provincia di Roma a casa di un'altra figlia dove ho dovuto prendere la residenza.
    Dunque sono proprietaria di una prima casa sulla quale grazie alla rivalutazione delle rendita catastale pago una IMU da capogiro e per me che, sono pensionata, è veramente difficile onorare il mio debito. Che mi dite?
     
  2. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Chiedi a tua figlia, visto che vive nell'abitazione di tua proprietà e presumo a titolo gratuito (quindi non paga nè affitto nè mutuo), di venirti incontro con l'IMU.....Saluti.
     
  3. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Si può cedere il diritti d'uso:

    Dispositivo dell'art. 1021 Codice Civile
    Fonti → Codice Civile → LIBRO TERZO - DELLA PROPRIETÀ → Titolo V - Dell'usufrutto, dell'uso e dell'abitazione (Artt. 978-1026) → Capo II - Dell'uso e dell'abitazione

    Chi ha il diritto d'uso di una cosa [540] può servirsi di essa e, se è fruttifera, può raccogliere i frutti (1) per quanto occorre ai bisogni suoi e della sua famiglia [1023] (2). I bisogni si devono valutare secondo la condizione sociale del titolare del diritto (3).
    Note

    (1) È importante specificare che i frutti spettanti all'usuario sono (a differenza di quanto avviene per l'usufruttuario) soltanto quelli destinati al consumo materiale e diretto: tali non possono perciò considerarsi i frutti civili e quelli che consistono comunque in denaro, poiché quest'ultimo non è idoneo alla soddisfazione diretta di un bisogno, essendo a tal fine necessario che esso venga scambiato con altri beni.

    (2) Si noti che del diritto d'uso può anche essere intestataria una persona giuridica [v. Libro I, Titolo II], in quanto la facoltà di servirsi della cosa non implica necessariamente la soddisfazione di bisogni di carattere individuale (es.: alimentari). Tuttavia, l'ente che ha in uso una cosa fruttifera non può raccogliere i frutti naturali, non avendo bisogni personali che possono venire soddisfatti con essi.

    (3) L'uso può nascere per testamento [v. 587], per contratto (il caso più frequente è quello di una donazione dell'uso o di una riserva dell'uso nella donazione di proprietà) o per usucapione [v. Libro III, Titolo VIII, Capo II, Sez. III], ma si deve escludere un possesso valido ai fini dell'usucapione, se l'attività svolta non corrisponda all'esercizio della proprietà o altro diritto reale, come nel caso (studiato dalla giurisprudenza) di uso di mezzi pubblicitari su di un muro altrui volto esclusivamente ad incrementare la vendita dei prodotti o la diffusione dei servizi di un complesso aziendale.

    Il diritto di abitazione, così come quello d’uso, ha le sue origini nell'usus domus del diritto romano classico ed ha natura reale e quindi può essere costituito mediante testamento, usucapione o contratto, per il quale è richiesta ad substantiam la forma dell'atto pubblico o della scrittura privata di cui all’art. 1350 n. 4 c.c. (in termini Cassazione civile , sez. II, 21 maggio 1990 , n. 4562).

    saluti
    jerry48
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina