• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

seamus

Nuovo Iscritto
buongiorno a tutti,
il mio condominio si appresterà, in primavera, a dotarsi delle valvole termostatiche e sistemi di contabilizzazione del calore.
Si utilizzerà una ripartizione delle spese circa del 30% fisse (in base ai millesimi) e 70% in base ai consumi.
L'amministratore già ha avvertito che gli alloggi al piano terra e quelli all'ultimo piano saranno penalizzati ("gli alloggi intermedi godranno del calore intorno e terranno più basso il radiatore, quelli all'ultimo piano, alla cui altezza il calore arriva già smorzato dovranno tenere più acceso").
Io abito all'ultimo piano di un condominio di 4 piani e 10 unità immobiliari, ho al di sopra un sottotetto vuoto che mi isolerò con lana di vetro a spese mie per non gravare sul resto del condominio, ma la questione del riscaldamento rischia di generare delle ingiustizie nella contabilizzazione del calore.

Qualcuno di voi potrebbe riportarmi delle esperienze pratiche sull'argomento?
(Ripartizione equa dei costi di contabilizzazione, eventuali criteri di proporzionalità collaudati che possono essere adottati, accorgimenti tecnici al momento dell'installazione, eventuale incontro con la ditta che si occuperà dei lavori per definire le criticità).

Ringrazio e saluto
 

cristianorossi

Membro Attivo
Professionista
di solito solo le spese fisse vengono ripartite in millesimi poichè, che il riscaldamento venga utilizzato o meno, quelle (purtroppo) ci sono. I consumi vengono pagati totalmente sull'effettivo conteggiato dal contacalorie. Ottima la scelta di utilizzare le valvole termostatiche, costano poco e danno molto. Comunque se il tuo intento è di coibentare il sottotetto, il godimento è di tutti gli appartamenti ed il costo, Normalmente,è ripartito in millesimi, chi abita all'ultimo piano ne gode i benefici maggiori. Se l'amministartore ha scelto una diversa ripartizione delle spese avrà dei motivi.
 

Marco Costa

Membro dello Staff
OTTIMO articolo,
scusate se mi intrometto, ma ho un quesito collegato a questo argomento.
Vivo in condominio all'ultimo piano e premetto che sono favorevole a tale innovazione, ma ...
tutte le colonne montanti verticali per ogni termisifone non continuano nel sottotetto ma si fermano ai termosifoni dell'ultimo piano che COSTANTEMENTE durante TUTTO il periodo di accensione devono essere sfiatati, ed il ripetersi di tale operazione porta l'abbassamento della pressione e a cadenza mensile occorre rimettere in pressione l'impianto (non ci fidiamo a lasciare la saracinesca di adduzzione da acquedotto aperta, perche' essendoci alloggi vuoti, se si verifica una perdita...li allagiamo)
La contabilizzazione sara' esatta anche in presenza di termosifoni all'ultimo piano mezzi vuoti e quindi mezzi freddi ? ?
grazie Marco :disappunto:
 

picodepaperis

Nuovo Iscritto
Grazie per le informazioni.
Ma da incompetente pongo le seguenti domande:
1) Le valvolee termostatiche (diverse dai contacalorie) devono essere istallate nel locale Caldaia?
2) I ccontacalorie devono essere istallati nei singoli termosifoni degli alloggi dei condomini?
Se la risposta al punto 1) è SI, allora è necessaria la decisione dell'assemblea dei condomini,
invece per i contacolarie (che sono imposti per legge) l'assemblea può decidere sulle varie
offerte degli istallatori, giusto?
Grazie a chi contribuirà alla discussione
Picodepaperis
 

GianfrancoElly

Membro Attivo
Proprietario Casa
Poichè si paga per il tempo in cui le valvole rimangono aperte è chiaro che nel caso l'acqua non è molto calda le valvole rimangono aperte più a lungo per avere negli ambienti la temperatura impostata. Se l'acqua arriverà da te più fredda rispetto ad altri condomini pagherai di più rispetto a questi per avere la stessa temperatura ambiente. Il condominio dovrebbe sistemare l'impianto per evitare questo inconveniente ovvero, tramite un tecnico, stabilire un coefficiente di riduzione dei tuoi consumi che tenga conto di questo mal funzionamento.
 

cristianorossi

Membro Attivo
Professionista
attenzione che i contacalorie installati all'inizio dell'impianto di ogni singolo appartamento calcolano solo le effettive calorie consumate (calorie in entrata - calorie in uscita) e non suul'apertura delle valvole, quindi se i termosifoni non raggiunono la temperatura idonea per un problema all'impianto centrallizzato comunque si pagherà in rapporto al calore ricevuto, anche se è insoddisfacente. Le valovle servono esclusivamente per ottimizzare la temperatura dei locali senza sprechi. Se la temperatura ideale non viene mai raggiunta non dipende dal riscaldamento ma dall'isolamento dell'immobile, e quì è un altro paio di maniche.
 

Ennio Alessandro Rossi

Membro dello Staff
Professionista
Bene isolare il tetto, ma se possibile fare un cappotto interno e anche sostuire gli infissi installando quelli previsti dalla norma sul risparmio energetico; gli interventi cpsi' fatti potrebbero fruire del credito di imposta del 55% ; per cui piu' la spesa si potrebbe ridurre a metà e l'appartamento rivalutarsi notevolmente di piu'
 

Angelosky

Membro Attivo
Proprietario Casa
Io ho fatto così: innanzitutto isolare il tetto, la spesa, detratto il 55%, va ripartita su tutti i condomini per mill/proprietà, visto che porterà un risparmio per tutti. Quindi installare le valvole termostatiche su ogni termosifone e l'annesso contacalorie, opportunamente tarato a seconda della posizione della stanza (nord, ultimo piano ecc. secondo una normativa vigente in Svizzera), così se si vuole essere giusti, ovviamente ciascun condòmino si pagherà i propri consumi fermo restando la quota del 30% da ripart. per millesimi riscaldamento,
Questo è il mio contributo se può servire,
ciao Angelosky
 

crossif

Nuovo Iscritto
Seamus, noi abbia già le termostatiche con contatori sul calorifero che determinano ina base al delta temperatura fra piastra radiante ed ambiente il consumo. E sto all'ultimo piano. Noi abbiamo adottato la ripartizione 50% millesimi e 50% consumo, più conveniente per te che stai all'ultimo piano. Io così che sto all'ultimo anch'io alla fine pago uguale a prima.
 

Ennio Alessandro Rossi

Membro dello Staff
Professionista
Dipende da come gestisci l'impianto:Se lasci acceso dalla mattina alla sera ovviamente consumi come prima con la differenza che benefici forse di un impianto meglio funzionante; infatti quelli ai piani bassi preleveranno meno calore a beneficio dei piani piu' alti dove almeno si pagherà per avere caldo ( in casi di assenza di valvole si paga la medesima somma per avere freddo visto che l'acqua arriva meno calda)
 

carlas

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ma il condominio è tenuto ad isolare il sottotetto (condominiale) se il condomino dell'ultimo piano lo richiede?
O possono negarlo?
In tal caso sono tenuti a concederti un coefficiente che conguagli la dispersione?
O possono negarti anche quello?
Cosa dice la legge?
Grazie. Io abito all'ultimo piano e vorrei essere preparata ad affrontare il problema.
 

Angelosky

Membro Attivo
Proprietario Casa
No! Devi passare attraverso l'assemblea, però trattandosi di contenimento di consumi energetici, godi di maggioranze agevolate: maggioranza dei solo presenti. Prima di installare i contatori devi far isolare il tetto, altrimenti non avranno nessun interesse a farlo, in quanto sarai tu a far loro da isolante termico. Credo poco a condomini che facciano qualcosa solo perchè è giusto farlo!
I contatori e le valvole termostatiche devono essere abbinate per ottenere una certa coerenza e un certo risparmio, notevole nel mio caso, perchè notevole ere lo spreco. Sono uscite, da poco, le nuove termovalvole programmabili singolarmente, costi contenuti (sui 30.00€), ottima soluzione, dai un occhiata in internet.
Ora devo chiudere, ma quanto detto dovrebbe essere esatto, ho scritto al volo, chiedo scusa per qualche imprecisione, ciao
Angelosky :)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho comprato una casa e nel giardino si trova un palo del Enel "morto", nel senso che nessun cavo elettrico è attaccato e secondo me nessun cavo era mai stato attaccato, il precedente proprietario non lo dava fastidio, ed io vorrei togliero ,
vorrei un consiglio a chi devo contattare per rimuoverlo,
al comune o al enel
grazie
Salve ho in comproprietà una strada privata i miei dirimpettai hanno l'accesso pedonale di servizio possono entrarci anche in macchina tengo a precisare che hanno il passo carrabile è l'ingresso principale con numero civico su altra strada
Alto