• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

silvitt

Nuovo Iscritto
Buonasera a tutti! Ho già letto i commenti per il rinvio di un rogito, tuttavia mi trovo in un caso anomalo.
L'acquirente ha deciso di fare direttamente il rogito e mi ha fatto fretta per consegnare l'intera al suo notaio, fissando anche una data. Pochi giorni prima dell'atto ha dichiarato di voler "sospendere" il rogito.
Esiste un obbligo dell'acquirente ad onorare l'impegno entro un termine dalla data stabilita presso il notaio?
E' tenuto a rinfondere danni se volesse ritirarsi? (avevo un'altra proposta).
Ringrazio chi vorrà darmi una risposta
 

carlo.b

Membro Attivo
Buongiorno silvitt,
per rispondere compiutamente alla tua domanda credo sia necessario sapere se:
- è stato sottoscritto un contratto preliminare nel quale è stata indicata una data entro la quale deve essere perfezionata la compravendita con l'atto notarile?
- è stata versata la caparra?
Dalla tua domanda pare non ci sia tutto questo.
Saluti.
Carlo
 

silvitt

Nuovo Iscritto
Grazie per il tuo interessamento.
Sì, infatti è l'anomalia di cui parlavo: non ci sono nè preliminare nè caparra perchè saremmo andati subito all'atto.
L'acquirente ha chiesto il rinvio dopo l' "impegno" preso col Notaio, dopo la consegna presso il Notaio stesso di relazioni tecniche e di un frazionamento operato secondo le sue stesse indicazioni al mio tecnico. Forse l'unica via è denuncia per danno. ..
grazie. silvie
 

carlo.b

Membro Attivo
Nel tuo primo intervento parlavi di "sospensione" dell'atto. Se il tuo potenziale acquirente intende sospendere temporaneamente, ma è sua intenzione acquistare, ti consiglio di mettere nero su bianco con versamento di caparra (che sia almeno pari al 10% del valore dell'immobile o quanto meno pari al costo delle spese per relazioni tecniche e frazionamento).
Se invece la sospensione che chiede è definitiva, rivolgiti subiti all'avvocato per chiedergli il pagamento delle spese da te sostenute ed il risarcimento del danno patito.
Saluti.
Carlo
 

ralf

Nuovo Iscritto
Ciao silvitt, concordo con carlo.b sull'ipotesi di mettere in forma scritta gli accordi già presi, compreso l'attuale rinvio. Sulla richiesta di rimborso spese e risarcimento danni però ho qualche dubbio si possano chiedere, perchè per le compravendite immobiliari è prevista la forma scritta. Essendo questo ultimo argomento probabilmente interessante per molti utenti di propit
sarebbero molto graditi altri pareri. :D
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho comprato una casa e nel giardino si trova un palo del Enel "morto", nel senso che nessun cavo elettrico è attaccato e secondo me nessun cavo era mai stato attaccato, il precedente proprietario non lo dava fastidio, ed io vorrei togliero ,
vorrei un consiglio a chi devo contattare per rimuoverlo,
al comune o al enel
grazie
Salve ho in comproprietà una strada privata i miei dirimpettai hanno l'accesso pedonale di servizio possono entrarci anche in macchina tengo a precisare che hanno il passo carrabile è l'ingresso principale con numero civico su altra strada
Alto