• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Gagarin

Membro Attivo
Professionista
Dati Ocse 2019/4. Diminuisce, anche se di poco, l’aspettativa di vita degli italiani. Ora siamo quarti con una media di 83 anni. Record in Giappone con 84,2 anni. E le italiane sono più longeve di 4,4 anni rispetto agli uomini
Gli Italiani mantengono sempre l’alta classifica per l’aspettativa di vita rispetto ai 36 paesi Ocse, ma se fino al 2008-2009 erano terzi dopo Giappone e Svizzera, negli ultimi anni sono stabili al quarto posto, con una leggera diminuzione del risultato che passa, mediamente, dagli 83,3 anni alla nascita del 2016 agli 83 negli anni successivi. Migliorabile ancora il tasso di mortalità infantile che ci vede in settima posizione. Sopra la media la quota di fumatori mentre siamo sotto media per alcol e obesità.
11.07.19
L’Ocse nella sua banca dati 2019 (dati 2018), oltre ai dati sui servizi offre anche uno spaccato di alcuni indicatori relativi all'aspettativa di vita e ai tre grandi "nemici" di uno stile di vita in salute: fumo, alcol e obesità.
Gli Italiani mantengono sempre l’alta classifica per l’aspettativa di vita rispetto ai 36 paesi Ocse, ma se fino al 2008-2009 erano terzi dopo Giappone e Svizzera, negli ultimi anni sono stabili al quarto posto, con una leggera diminuzione del risultato che passa, mediamente, dagli 83,3 anni alla nascita del 2016 agli 83 negli anni successivi e in classifica è sempre primo il Giappone con 84,2 anni, seguito dalla Svizzera (83,6) e dalla Spagna (83,4).
Si tratta comunque di risultati eccellenti se si guarda in fondo alla classifica, chiusa dai 74,8 anni della Lettonia (quasi 10 anni di meno) e comunque con una media Ocse di 80,7 anni di speranza di vita alla nascita.

Il genere in questo caso fa la differenza: le donne hanno infatti una speranza di vita di 85,2 anni, mentre gli uomini si fermano a 80,8. Ma questi risultati hanno un effetto inverso sulla classifica. Le donne infatti diventano seste rispetto alle altre dell’Ocse, dopo Giappone, Spagna, Francia, Corea e Svizzera, mentre gli uomini sono quinti dopo Svizzera, Islanda, Giappone e Norvegia.

Non è la prima volta in questi ultimi anni, che l'aspettativa di vita si riduce. Naturalmente sia l'INPS, sia le Compagnie di Assicurazioni, sia l'ANIA non se ne accorgono o, meglio, fanno finta di non accorgersene, mentre sono tutti prontissimi a "rivedere" al rialzo le loro tabelle non appena l'aspettativa di vita aumenta anche di poco: l'ennesima truffa a danno del cittadino, che continuerà ad andare in pensione sempre più tardi e a pagare premi sempre più salati sulle assicurazioni-vita.
 

vitt1

Membro Supporter
Proprietario Casa
dagli 83,3 anni alla nascita del 2016 agli 83 negli anni successivi.
Il concetto di aspettativa di vita, come scritto nel testo, si applica alla “nascita”. Il calo riguarda i nati nel 2016 che andranno in pensione , se potranno permetterselo, quando io starò guardando l’erba crescere dalla parte sbagliata . Cosa c’entra con l’INPS e le pensioni attuali?
 

Franz

Membro Attivo
Impresa
Negli ultimi 4 anni
Dati Ocse 2019/4. Diminuisce, anche se di poco, l’aspettativa di vita degli italiani. Ora siamo quarti con una media di 83 anni. Record in Giappone con 84,2 anni. E le italiane sono più longeve di 4,4 anni rispetto agli uomini
Gli Italiani mantengono sempre l’alta classifica per l’aspettativa di vita rispetto ai 36 paesi Ocse, ma se fino al 2008-2009 erano terzi dopo Giappone e Svizzera, negli ultimi anni sono stabili al quarto posto, con una leggera diminuzione del risultato che passa, mediamente, dagli 83,3 anni alla nascita del 2016 agli 83 negli anni successivi. Migliorabile ancora il tasso di mortalità infantile che ci vede in settima posizione. Sopra la media la quota di fumatori mentre siamo sotto media per alcol e obesità.
11.07.19
L’Ocse nella sua banca dati 2019 (dati 2018), oltre ai dati sui servizi offre anche uno spaccato di alcuni indicatori relativi all'aspettativa di vita e ai tre grandi "nemici" di uno stile di vita in salute: fumo, alcol e obesità.
Gli Italiani mantengono sempre l’alta classifica per l’aspettativa di vita rispetto ai 36 paesi Ocse, ma se fino al 2008-2009 erano terzi dopo Giappone e Svizzera, negli ultimi anni sono stabili al quarto posto, con una leggera diminuzione del risultato che passa, mediamente, dagli 83,3 anni alla nascita del 2016 agli 83 negli anni successivi e in classifica è sempre primo il Giappone con 84,2 anni, seguito dalla Svizzera (83,6) e dalla Spagna (83,4).
Si tratta comunque di risultati eccellenti se si guarda in fondo alla classifica, chiusa dai 74,8 anni della Lettonia (quasi 10 anni di meno) e comunque con una media Ocse di 80,7 anni di speranza di vita alla nascita.

Il genere in questo caso fa la differenza: le donne hanno infatti una speranza di vita di 85,2 anni, mentre gli uomini si fermano a 80,8. Ma questi risultati hanno un effetto inverso sulla classifica. Le donne infatti diventano seste rispetto alle altre dell’Ocse, dopo Giappone, Spagna, Francia, Corea e Svizzera, mentre gli uomini sono quinti dopo Svizzera, Islanda, Giappone e Norvegia.

Non è la prima volta in questi ultimi anni, che l'aspettativa di vita si riduce. Naturalmente sia l'INPS, sia le Compagnie di Assicurazioni, sia l'ANIA non se ne accorgono o, meglio, fanno finta di non accorgersene, mentre sono tutti prontissimi a "rivedere" al rialzo le loro tabelle non appena l'aspettativa di vita aumenta anche di poco: l'ennesima truffa a danno del cittadino, che continuerà ad andare in pensione sempre più tardi e a pagare premi sempre più salati sulle assicurazioni-vita.
Non capisco perchè questo articolo di fine 2017 dice cosa ben diversa, ossia che in Europa noi siamo Primi per longevità, e non al 4° posto
 

Franz

Membro Attivo
Impresa

Franz

Membro Attivo
Impresa
Per far capire cosa significa concretamente un calo dell'aspettativa di vita in italia, riporto quelle pubblicate dall'istat(media uomo+donna), dal 2010 all'ultimo pubblicato, il 2017

Si nota subito che c'è stato un calo nel 2015, e quello fu dovuto ad un luglio estremamente caldo che fece morire molti più anziani del solito, e poi un leggero calo nel 2017

Si nota anche un altra cosa fondamentale: nonostante saltuari cali dell'aspettativa di vita alla nascita, questa negli ultimi anni, dal 2010 al 2017, è aumentata in totale di circa un anno....nessun calo quindi c'è stato alla fine, ma invece un aumento

2010 = 81,719 anni
2011 = 81, 866 anni
2012 = 81,931 anni
2013 = 82,162 anni
2014 = 82,579 anni
2015 = 82,308 anni
2016 = 82,751 anni
2017 = 82,703 anni
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

A quando ****o attivano l'account
che le domande non devono essere pubblicate in questo box ma in discussioni che possono essere viste dagli utenti attivi. Grazie.
Alto