• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ASTISSIMA

Nuovo Iscritto
Professionista
Ok, grazie.
Non capisco però, come chiesto precedentemente, se il canone sia vile se inferiore a 1/3 del giusto prezzo o di 1/3 del giusto prezzo.
Esempio:
Canone giusto 600
Vile se inferiore a 400 o se inferiore a 200?
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
La legge 431/1998 prevede, ad esempio, che il conduttore possa recedere dal contratto di locazione in qualsiasi momento qualora ricorrano gravi motivi e con un preavviso di 6 mesi.
Sovente si deroga a ciò, stabilendo per il conduttore un preavviso più breve e che non sia necessario motivare il recesso.

Io ne deduco che le norme della legge 431/1998 sono derogabili a favore del conduttore, che è ritenuto parte debole del contratto.
Sbaglio?
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Art. 13, comma 3 della legge n. 431/1998.
che infatti recita:
3. E' nulla ogni pattuizione volta a derogare ai limiti di durata del contratto stabiliti dalla presente legge.

Io ritenevo si riferisse alla durata del primo periodo contrattuale (non inferiore a 4 anni), non ai successivi rinnovi.
 

Aidualc

Membro Attivo
Professionista
che infatti recita:
3. E' nulla ogni pattuizione volta a derogare ai limiti di durata del contratto stabiliti dalla presente legge.

Io ritenevo si riferisse alla durata del primo periodo contrattuale (non inferiore a 4 anni), non ai successivi rinnovi.
L'art. riporta:
"Le parti possono stipulare contratti di locazione di durata non inferiore a quattro anni, decorsi i quali i contratti sono rinnovati per un periodo di quattro anni".
Quindi è molto esplicito sulle durate.
Iniziale durata: non inferiore a 4 anni.
Successivi rinnovi: 4 anni.
 

ASTISSIMA

Nuovo Iscritto
Professionista
L'art. riporta:
"Le parti possono stipulare contratti di locazione di durata non inferiore a quattro anni, decorsi i quali i contratti sono rinnovati per un periodo di quattro anni".
Quindi è molto esplicito sulle durate.
Iniziale durata: non inferiore a 4 anni.
Successivi rinnovi: 4 anni.
Buona sera.
Riaprendo la questione.
Prima durata minimo 4, rinnovabile di ulteriori 4. Nel caso riportato di 8+8 quindi il rinnovo di contratto è da ritenersi nullo in quanto non conforme alla normativa o per assurdo il conduttore potrebbe occupare l'immobile per 12 anni (8+4)? Ringrazio
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

davideboschi ha scritto sul profilo di Laura Casales.
SE vuoi che ti rispondano, crea una nuova discussione. Clicca in alto nella banda nera su "Nuova discussione", scegli l'area tematica (potrebbe essere "Area legale - Locazione affitto e sfratto) e poni lì la domanda.
Buongiorno. Mio figlio è stato sfrattato. Il proprietario dice che non pagava da diversi mesi. Ma è stato dimostrato tramite bonifici davanti al giudice che non era vero! Lui per ripicca ci ha abbassato la potenza del contatore. È da tre mesi che mio figlio non paga più l'affitto. Purtroppo per mancanza di lavoro per la pandemia. La corrente mio figlio l'ha sempre pagata in nero. Ho bisogno di un consiglio!
Alto