1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Gatta

    Gatta Membro Attivo

    Secondo la Repubblica di cui riporto lo stralcio,questa è la situazione.
    Dobbiamo crederci? Ai posteri l'ardua sentenza.
    "ROMA - La metà degli italiani dichiara al fisco un reddito annuo non superiore a 15mila euro. Secondo il dipartimento delle finanze del ministero dell'Economia (che ha reso pubbliche le prime statistiche sulle dichiarazioni IRPEF presentate nel 2009, relative al periodo d'imposta 2008), "circa la metà dei contribuenti dichiara non oltre 15mila euro annui e circa due terzi non più di 20mila euro". Meno dell'1% dei dichiaranti, 418 mila su 41,8 milioni, supera i 100mila euro, pagando il 18% del totale dell'imposta. Il 52% è pagato invece dal 13% dei contribuenti con redditi oltre i 35mila euro.

    Lombardia al top. Il reddito medio degli italiani è di 18.873 euro, per un'imposta netta media di 4.700 euro. Su base regionale, la Lombardia conferma il primato per il reddito complessivo medio più alto (pari a 22.540 euro). All'estremo opposto troviamo la Calabria con 13.470 euro. In relazione all'imposta netta, invece, il valore medio maggiore è quello del Lazio (5.740 euro), il minore quello della Basilicata (3.370 euro).

    Meno partite IVA. Cala il popolo delle partite IVA. L' introduzione del regime dei contribuenti minimi ha comportato un calo del numero delle dichiarazioni IVA in raffronto al 2007 (-7,7%, pari a 5,259 milioni): di queste, il 60,7% proviene da persone fisiche, il resto da società ed enti. Tuttavia il volume d'affari totale mostra un leggero aumento +0,6% (3.390 miliardi euro), mentre l'IVA di competenza cala dell'1,5% (78,675 miliardi euro). La distribuzione per natura giuridica, conferma che le società di capitali, pur rappresentando solo un quinto dei contribuenti, dichiarano l'83% del volume d'affari e il 74% dell'imposta. L'analisi settoriale denota il primato del settore del commercio per numero di contribuenti (25%) e imposta dichiarata (34,8%), mentre il settore manifatturiero primeggia per volume d'affari (30,4%)."
    Tanta evasione.....Cosa ne pensate?
    Gatta
     
  2. leontino

    leontino Nuovo Iscritto

    Professionista
    E indubbio che ci sia ancora tanta evasione fiscale e non solo nel popolo delle partite IVA, anche chi guadagna più di ventimila euro all'anno e non se li suda (vedi dipendenti comunali, statali, ed altri pubblici, ecc...) è un evasore fiscale.
     
  3. Massimiliano Lusetti

    Massimiliano Lusetti Membro dello Staff

    Molte partite IVA e i contribuenti minimi svolgono in genere lavori sottopagati da dipendenti. Bisogna sfatare che i dipendenti siano quelli che se la passano peggio. Anzi direi che proprio chi ha il posto fisso e ha un trattamento da dipendente è la categoria che può vantare i migliori introiti e benefici.
    Un'altra cosa che è demagogicamente travisata dai mass media è il fatto che i dipendenti siano dei non evasori ante litteram semplicemente perchè obbligati a pagare con la trattenuta alla fonte.
    Le persone a reddito fisso sono le prime che chiedono escamotage e garbugli sulle fatture e quando gli si dice che non è il caso gliene viene ancora a loro... insomma fanno due pesi e due misure... e non solo gli italiani!
     
  4. leontino

    leontino Nuovo Iscritto

    Professionista
    aggiungo che il 27 di ogni mese ricevono (i dipendenti pubblici) puntualmente il loro stipendio anche se non guadagnato, intralciano il lavoro al popolo delle partite IVA con le varie interpretazione ai regolamenti e leggi varie (magari si aspettano anche qualche bustarella per velocizzare la pratica), svolgono spesso un doppio lavoro ed in nero in concorrenza alle partite IVA, mentre la partita IVA, una volta svolto il proprio lavoro e magari anticipapando qualche spesa, devono rincocrrere i debitori e sperare di essere pagati. Non valutiamo quando poi non ti pagano e se malauguratanente decidi di agire per vie legali (cosa che non consiglio a nessuno) ed alla fine ai speso altri soldi per il tuo avvocato. Basta con le false voci che il popolo delle partite IVA sono i primi evasori fiscali.
     
  5. Gatta

    Gatta Membro Attivo

    Bene,bene:quanti interventi!
    Mah,io non sono proprio d'accordo col grande Guru,ing.Lusetti,circa la sua tesi contra dipendenti che si trovano ad essere comunque tassati al 100%...
    Gatta
     
  6. Massimiliano Lusetti

    Massimiliano Lusetti Membro dello Staff

    E perché? Noi con partita IVA siamo invece tartassati sulla presunzione di incassi che in questo periodo si sono molto ridotti!... quindi siamo anche più tartassati del 100%...
    Con gli studi di settore è ormai impossibile evadere nonostante la pressione di certi clienti che non vogliono pagare l'IVA e ti assicuro che con le spese che ci sono è difficile arrivare al pareggio di quanto chiede lo stato per essere congrui e coerenti ( due termini realmente assurdi e avulsi dalla realtà).
     
  7. ivaring

    ivaring Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve, non dovremmo dare la responsabilità solo ai clienti che "non vogliono" pagare l'IVA ;).
     
  8. ivaring

    ivaring Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Infatti, qualche tempo fa, sentivo in un TG (solito) che si parlava riguardo quanto ricchi fossero i dipendenti rispetto agli artigiani ed imprenditori, mi veniva da ridere :occhi_al_cielo:.
     
  9. Gatta

    Gatta Membro Attivo

    Tot capita,tot sententiae!
    Gatta
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina