1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. nelly70

    nelly70 Membro Ordinario

    Buongiorno, vi scrivo per chiedervi un parere prima di rivolgermi ad un avvocato. Da 18 anni viviamo in un appartamento di proprietà posto al primo piano di un palazzo di 8 piani che affaccia su una strada a scarso traffico locale, in un quartiere piuttosto centrale di Roma ad alta densità abitativa. Sotto il mio appartamento ci sono dei locali che fanno parte del nostro condominio ma appartengono ai vecchi costruttori dello stabile. Fino a qualche anno fa la situazione era tranquilla e la zona molto silenziosa, anche per noi, e i locali in questione erano sfitti, quindi vuoti. Da circa 7 anni a questa parte, i locali che insistono sotto il mio appartamento sono stati affittati a un gruppo che vi ha allestito una Chiesa Internazionale; proprio così, locali nei quali si svolgono funzioni religiose con canti stile musical, sermoni a tutto volume, assemblee canterine che plaudono e inneggiano all'Altissimo senza moderazione. La domenica mattina si svolgono le funzioni religiose dalle 10.00 alle 13.00, spesso con ripresa il pomeriggio.Inutile dirvi che per noi è assolutamente impossibile continuare a riposare in camera da letto da quel momento. ma in tutta la casa la situazione è la stessa poichè i canti si sentono ovunque, addirittura su tutta la strada sulla quale insiste il palazzo, dal momento che questi signori, per richiamare più gente alla funzione lasciano i portoni dei locali aperti. Durante la settimana allo stesso modo i "fedeli" si riuniscono un paio di volte nel pomeriggio iniziando a cantare dalle 17.00 fino alle 20.00 e almeno un venerdì al mese hanno i gruppi di preghiera notturna dalle 22.00 a notte inoltrata, e anche in questo caso con canti e lamenti. Durante le loro funzioni per noi è diventato impossibile godere del silenzio e della tranquillità che altrimenti sono caratteristiche della zona. La nostra vita in casa sta diventando un incubo. Ovviamente i locali in questione non hanno subito alcuna insonorizzazione. Io e mio marito abbiamo più volte spiegato al pastore (è una comunità afroamericana) di moderare il volume dei canti e di non amplificare le strumentazioni (batterie, organi...) ma loro ci dicono che staranno attenti ma non cambia nulla; rispondono che non hanno i soldi per insonorizzare perchè pagano tanto di affitto. I proprietari dei locali ci rispondono che non possono fare nulla e che la responsabilità è della chiesa. l'amministratore si limita a dire che comprende ma alla fine non fa nulla di concreto!
    A questo punto io e mio marito ci chiediamo se sia possibile avere un'attività del genere sotto un palazzo con 120 condomini, svolgere manifestazioni del genere senza insonorizzare. ormai siamo disperati, ci rivolgeremo ad un avvocato per capire come tutelare i nostri diritti. Agli esperti chiedo di darci dei ragguagli a tal proposito. Grazie a tutti.
     
  2. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Mi sembra si tratti di un caso di rumori molesti in condominio quindi sanzionabili penalmente, anche se causati da persone che agiscono in buona fede per professare la propria fede religiosa.
    Bisogna valutare se questi rumori (musica, canti, preghiere a voce particolarmente alta) superano il limite di normale tollerabilità e disturbano una pluralità di persone, oltre alla tua famiglia.
     
    Ultima modifica: 9 Febbraio 2015
  3. nelly70

    nelly70 Membro Ordinario

    Mi pare di aver capito dall'allegato sopra che se i rumori risultano molesti solo per noi, si può fare ben poco.
    Il fatto è che la Chiesa si trova sotto di noi e gli altri condomini sembano non esserne disturbati, avvertono i canti ma come un' eco lontano. Al contrario, nel nostro appartamento, si sentono benissimo, a volte la strumentazione usata rimbomba in tutta la casa (ce li abbiamo sotto!) a tal punto che mio figlio di 9 anni, che ha un ritardo mentale grave (è disabile al 100%) spesso si mette le mani alle orecchie e mi indica il piano di sotto dicendo "papà giu", chiedendoci cioè di far scendere il papà a chiedere ai signori di sotto di moderare il volume, come spesso abbiamo fatto ma senza alcun risultato.
    E mi chiedo per quale motivo la legge non debba obbligare questi signori ad insonorizzare i locali. In questo modo mi sento una condomina di serie B solo perchè sono al primo piano. E dire che quando abbiamo acquistato questo appartamento, lo abbiamo scelto proprio per la silenziosità del comprensorio abitativo i cui era inserito.
     
  4. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
  5. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Hai comunque la possibilità di agire in sede civile: art. 844 e 2043 Cod. Civ.
    Specialmente se nella tua famiglia c'è un minore con problemi di salute seri.
    Suppongo abbiate già fatto segnalazioni alle autorità, tipo vigili urbani, asl. Potete chiedere una perizia che attesti il livello del rumore nel vostro appartamento durante le funzioni della Chiesa, in modo da provare l'intollerabilità, il disturbo, il danno arrecato a chi vi abita.
    Se i responsabili della Chiesa e il proprietario dei locali non fanno nulla per eliminare o almeno limitare il problema è opportuno che ti rivolgi subito ad un avvocato, come hai scritto di voler fare.
     
  6. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ma questi signori (chiamiamoli così) hanno le autorizzazioni necessarie?
    Bisogna vedere al Campidoglio (il Municipio non è competente in materia) e all'autorità di P.S. (ricordiamo i recenti fatti che hanno coinvolto la Francia). Dopodiché, se nulla accade e d'altronde il fastidio supera la normale tollerabilità indicata nel Codice Civile, si può sempre inviare un'onda in controfase: in concreto, una radio accesa a palla impostata in modalità DIAVOLO. Ricordiamoci Pier Capponi: suonate pure le vostre trombe, noi suoneremo le nostre campane.
    E infine, in sede di dichiarazione dei redditi, niente otto permille. Così non avranno i soldi per l'affitto del locale.
     
  7. nelly70

    nelly70 Membro Ordinario

    Purtroppo la radio a palla creerebbe disagio agli altri condomini ma non a loro che nemmeno la sentirebbero, dal momento che i locali sotto di noi e nei quali si trova la chiesa, sono talmente estesi che solo una parte insiste sotto il nostro appartamento. Il resto dei locali (la parte più estesa, si sviluppa sotto quello che è il cortile interno del nostro palazzo. In pratica, per farvi capire, il tetto di questa chiesa (piatto), fa da solaio al cortile interno del nostro palazzo, quindi io ho i soggiorno e la camera da letto principale sull'ingresso della Chiesa, la seconda camera, il bagno e la cucina che affacciano invece dal lato opposto, su questa tettoia della chiesa. Quindi io mi sorbisco sia il rumore che proviene da sotto perchè ci sono sopra come appartamento e sia il rumore (sempre il loro) che si diffonde dalla tettoia e rimbomba nel cortile interno. Oltretutto loro preparano anche i pasti ai poveri del quartiere una volta a settimana e non credo abbiano nemmeno il gas per uso domestico ma le bombole a gas. Ma per avere certezza di questo, non ho idea di come fare, visto che l'amministratore a tal proposito fa finta di non sapere (e oltretutto, se usassero le bombole a gas sarebbe estremamente pericoloso per tutto il palazzo ( e loro non ci permettono certo di entrare a controllare. Per i permessi di cui parli, stessa storia, nessuno mi dice nulla. E comincio a sospettare che l'amministratore su questa storia ci prenda la sua bella mazzetta.
    per quanto riguarda l'otto per mille, da me non hanno mai preso una lira e cmq non credo gli sposti qualcosa; è una grossa comunità afro-americana e non credo sinceramente che abbia bisogno dei nostri soldi per finanziarsi. Insomma sento di avere le mani legate. Abbiamo anche fatto una denuncia ai vigili del mio municipio per disturbo della quiete, ventilando sulla denuncia, anche l'ipotesi che usino bombole del gas, ma non si è mai visto nessuno a perlustrare i loro locali o a presidiare la zona durante le loro "funzioni"
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Purtroppo predicare bene razzolare male, certo una religione non condivisa potrebbe dare fastidio, se i locali sono idonei al culto c'è solo l'intervente dell'ASL per un controllo dei decibel, se rientrano nella norma l'intervento del legale è inutile, altrimenti dovremmo chiudere tutti i campanili delle nostre parrocchie, bisogna applicare il buon senso sia per i rumori cosiddetti molesti e gli orari delle funzioni
     
  9. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    L'impianto per il gas è a norma? Hanno il CPI (Certificato Prevenzione Incendi)? Sono a posto con i pagamenti del condominio? Conosci il nome del proprietario/dei proprietari e del conduttore/dei conduttori?
     
  10. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    I campanili non stanno nel condominio.
     
    A nelly70 piace questo elemento.
  11. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ti consiglio di scrivere a questa mail del Comune (Ufficio dei Rapporti con i Cittadini, Campidoglio): urc@comune.roma.it. In questo momento (Mafia Capitale, assenteismo dei vigili romani a Capodanno, attentati recenti in Francia) sono molto recettivi.
     
  12. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    esistono delle norme che limitano le rumorosità da un locale all'altro, da quanto scrivi sembra che questi suoni siano molto forti, esistono delle apparecchiature in grado di rilevare il rumore, se superasse le soglie minime stabilite, che per il residenziale sono abbastanza basse, potresti agire contro il vicino rumoroso ed obbligarlo a dimensionare i suoni che produce o ad isolare in qualche modo
    Ci sono professionisti in grado di aiutarti, l'eventuale avvocato non potrà fare altro che chiederti di acquisire dei dati tecnici sui quali basare le vostra ragioni.
    Il rispetto degli orari invece dovrebbe essere nel regolamento condominiale
     
  13. nelly70

    nelly70 Membro Ordinario

    Grazie a tutti, mi avete dato moltissimi spunti. Intanto ho contattato un avvocato esperto in problematiche condominiali e scriveremo un paio di letterine, una all'amministratore e una ai proprietari dei locali e ai tizi della Chiesa. Forse potrebbe bastare a quietarli. e poi, sicuramente utilizzerò a mio vantaggio tutti i consigli che mi avete dato. Buona giornata a tutti
     
  14. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    io avrei scritto anche al vaticano, solo lui ti poteva meglio indirizzare?
     
  15. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Potresti innescare una guerra di religione. Già, perché il politeismo non è mai morto, solo che ognuno s'è scelto il proprio dio. Uno qua, un altro là.
     
  16. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    uno quà, l'altro la, uno su, l'altro giù, qualè il migliore?
     
  17. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Sarebbe utile accertare, tramite il tuo avvocato, che rapporto intercorre tra i proprietari del locale e gli inquilini-Chiesa.
    Esiste un contratto di locazione regolarmente registrato? Forse è un comodato per uso gratuito? L'uso per il quale sono stati concessi i locali non deve violare il regolamento del condominio. Ad esempio: è regolare porvi la sede di un'associazione/congregazione; probabilmente non lo è l'uso dei locali assimilabile a discoteca, sala da ballo, preparazione e distribuzione pasti al pubblico. Anche se queste attività sono svolte a fini religiosi e caritatevoli.
    Io coinvolgerei i proprietari: se danno in uso dei locali (magari non a norma dal punto di vista della sicurezza) per usi vietati dal regolamento condominiale, ed eventualmente non in regola dal punto di vista contrattuale e fiscale, forse si attivano per richiamare all'ordine gli inquilini. O capiscono che è meglio mandarli via e cercarne degli altri.
     
    A nelly70 piace questo elemento.
  18. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ...e neanche il regolamento di polizia urbana.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina