• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
Salve,vorrei sapere se è possibile aumentare il capitale di un mutuo già in essere,questo al fine di avere un pò di liquido.E' poi possibile allungare la durata del mutuo stesso?Grazie.
 

ralf

Nuovo Iscritto
ciao Cesare,per quello che ne so io sul prolungamento del mutuo non ci dovrebbero essere particolari problemi,le banche ne stanno rinegoziando molti,per quanto riguarda invece l'aumento del capitale mutuato molto dipenderà dalla tua capacità di rimborso,certo che aumentando la durata la rata potrebbe anche rimanere uguale. :D
 
A

AlbertoF

Ospite
caro cesare
Bisogna lavorare sul vecchio mutuo e fare diverse considerazioni
Cosa è possibile fare ?
Ti conviene andare alla banca e fare presente la tua nuova necessità tendente a creare un pur minimo di liquidità necessaria per affrontare alcune necessarie impellenti spese.( E' sempre bene parlare di eventuali spese da fare all'immobile perchè i mutui per creare liquidità sono poco accetti dal sistema bancario)
Io non possiedo alcun dato necessario per fare una corretta diagnosi per cui mi limito solo a darti qualche consiglio,seppur valido, ma in linea generale.
La Banca dovrà fare una serie di valutazioni per decidere su ciò che è per il cliente più conveniente.
A questo punto la banca dovrà rivedere alcune cose, come :
Quando è stato concesso il mutuo? Quante rate sono state pagate? Siete in pari con i pagamenti? A quanti anni è stato concesso?
Quanto era in origine il mutuo e a quanto questo è ora ridotto in linea capitale? (questo lo puoi vedere bene anche te dal piano di ammortamento che hai allegato all'atto di mutuo)
Quanto ammonta la tua nuova necessità? Questo è importante perchè va sommata al residuo debito di cui sopra e il cui totale(debito residuo più nuova richiesta) devono essere contenuti nel 80% (di regola) del valore dell'immobile.
Esempio: debito residuo è € 50.000,00 + 30.000,00 per sopravvenute necessità = 80.000,00. Valore dell'immobile 100.000,00,calcolando l'80% si arriva a 80.000,00 che sarebbe la somma massima che la banca ti potrebbe concedere .
La rata mensile per un mutuo a 20 anni di € 80.000,00 a tasso variabile è circa € 480/490
Quale è la tua attuale redditività familiare ? E' adeguata a sopportare la nuova rata.?
La banca ,se ritiene che tutto sia favorevole per una eventuale nuova concessione ha due alternative :
1) Lascia in essere il vecchio mutuo così come è ora e ne concede un altro per la parte relativa alle nuove necessità contro una ipoteca di secondo grado ( che poi alla fine,in sostanza, essendo tutte e due le ipoteche in favore della stessa banca è come se entrambi fossero di primo grado) Però ,secondo me, questa non è la migliore soluzione per voi.
2) Rinegozia il vecchio mutuo aggiungendo al residuo debito la nuova richiesta per concederne uno nuovo ,COME MINIMO, a 20 anni
Questa è e sarebbe la migliore soluzione: Qualsiasi altra alternativa è sconsigliabile
Se la banca dovesse declinare la richiesta e la vostra necessità fosse rilevante io vi sconsiglio di rivolgervi ad altre fonti di approvvigionamento perchè ciò,secondo me, farebbe altro che peggiorare la vostra situazione.
L'unica fonte certa di aiuto è la vostra banca. Solo questa vi può e vi deve aiutare. Tra l'altro,detto tra noi, ne ha anche la convenienza!
Se hai qualche altra necessità, sono a disposizione
Alberto
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho comprato una casa e nel giardino si trova un palo del Enel "morto", nel senso che nessun cavo elettrico è attaccato e secondo me nessun cavo era mai stato attaccato, il precedente proprietario non lo dava fastidio, ed io vorrei togliero ,
vorrei un consiglio a chi devo contattare per rimuoverlo,
al comune o al enel
grazie
Salve ho in comproprietà una strada privata i miei dirimpettai hanno l'accesso pedonale di servizio possono entrarci anche in macchina tengo a precisare che hanno il passo carrabile è l'ingresso principale con numero civico su altra strada
Alto