• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

nikitaus

Membro Junior
Proprietario Casa
Salve a tutti vorrei porvi un quesito, vorrei scegliere due ditte ,una per lo smaltimento amianto , e un altra per sostituzione copertura!!! Se rimanesse la stessa ditta in comune mi hanno detto che siccome e' un cambio copertura si fa una dichiarazione inizio lavori, ora vorrei sapere visto che l impresa mi ha detto che per lo smantellamento dell amianto c'è da fare solo piano di lavoro usl e basta e io nn devo fare niente , vorrei quindi sapere se la dichiarazione inizio attività la devo fare nel momento in cui entra la ditta che mi monta una nuova copertura(coppo finto)? Oppure dovrei fare due pratiche diverse una per l amianto e una per la ricopertura??
 

marcanto

Membro Ordinario
Professionista
la questione non è molto chiara .......almeno dal mio punto di vista.

vi è una copertura che presenta una parte di materiale in amianto, e altra parte senza amianto.
l'intera copertura è totalmente da rifare, con smaltimento, ovviamente, del materiale in amianto che deve essere rimosso è maneggiato da ditta qualificata.

vuoi che siano presente 2 ditte: 1 che rimuova e tratti il materiale in amianto, ed 1 invece che ri-costruisca o rifaccia la copertura a nuovo.

la situazione è quella che ho descritto ?
 

nikitaus

Membro Junior
Proprietario Casa
Eccomi scusami hai ragione, no la situazione e' questa, il tetto e' completamente con lastricato in amianto,in sostanza mi chiedevo se uso una ditta per smontaggio e smaltimento, e un altra ditta in due momenti separati per farmi montare dei coppi coibentati , servono due pratiche edilizie ? Oppure la amianto ci pensa la ditta a tutto, e io dovrò fare solo la pratica come cambio copertura con la ditta che mi rimette la copertura ?
 

marcanto

Membro Ordinario
Professionista
ok .....in precedenza avrei solo sbagliato ad ipotizzare che la copertura presenta due tipi di materiali, il resto tutto corretto.

la pratica edilizia, qualora occorra, è di competenza del committente, ossia tu!
la pratica edilizia, sempre qualora occorra, è 1 soltanto anche se lavorano 50 ditte per smontare e ricostruire la copertura.

ma se serve una pratica edilizia ti devi rivolgere ad un tecnico che si occuperà di tutto l'aspetto tecnico della questione.
nel tuo caso non ti devi preoccupare della pratica edilizia ma delle ALTRE implicazioni connesse all'amianto....ossia alla sicurezza.
poi la presenza di 2 ditte anche non contestuali ti obbligano a determinate incombenze in materia di norma di sicurezza, a cui si aggiunge anche il rischi amianto.

Non leggere amianto, ma RISCHIO. Le norme sono molto esigenti in tema di amianto

quindi, un consiglio, rivolgiti immediatamente ad un professionista tecnico: ing oppure arch
 

nikitaus

Membro Junior
Proprietario Casa
La ditta che toglierà l amianto e specializzata nel settore e cura anche la pratica , solo che io mi chiedevo se facessi venire un altra ditta per il montaggio della copertura se ci vuole un altra pratica..
 

marcanto

Membro Ordinario
Professionista
Hai consultato un tecnico di fiducia ?
Anche se la ditta rimozione si occupa della pratica edilizia in comune, su tua delega o contratto di prestazione, tu resti comunque responsabile in qualità di committente.

Consulta un tecnico che ti darà tutte le delucidazioni del caso !!!
 

griz

Membro Storico
Professionista
in generale non ha senso avere 2 ditte per sostituire la copertura, la costruzione rimarrà scoperta per un momento mentra le 2 ditte si avvicenderanno? Dal punto di vist aautorizzativo serve una pratica asseverata da un tecnico in quanto si sostiuisce il materiale della copertura ed è necesario accertare e dichiarare che il nuovo materiale è compatibile con le norme. Come ti è stato scritto sopra 2 ditte, per lavori in altezza significa necessità di piano di sicurezza. A che scopo incasinarsi la vita?
 

nikitaus

Membro Junior
Proprietario Casa
Il senso e che la ditta che deve smontarmi l amianto non utilizza la marca che io voglio per la copertura!!! E ho paura che mi facciano qualche lavoro fatto male e poi devo rimetterci mano !! Che poi se le ditte vengono in due momenti separati !! Non dovrei aver bisogno della sicurezza?? Giusto?cmq ormai ho già fatto incarico a questa ditta per toglierlo...
 

griz

Membro Storico
Professionista
mah... tu scrivi che ormai hai fatto.... Rimane che hai trovatouna ditta che porta via l'amianto-cemento e non vuole posare il materiale che tu vuoi. Una ditta che posa il meteriale ma non asporta l'amianto-cemento, i ponteggi di chi sono? Rimarrai per un periodo, anche breve, senza tetto?
 

nikitaus

Membro Junior
Proprietario Casa
Si esatto qualche gg senza tetto , per questo chiedevo !!! Con la prima ditta ho già portato avanti la richiesta di contributo da parte dello stato per lo smaltimento !! Quindi ora non penso di poter cambiare se no dovrei pagare la pratica, questi nn lo avevi specificato
 

griz

Membro Storico
Professionista
Secondo me il contributo è indipendente dalla ditta che incarichi, certo che se loro hanno presentato il piano di lavoro per lo smaltimento se cambi ditta pretenderanno un pagamento ma in fondo tu sei il committente e loro non vogliono impiegare il materiale che tu vuoi, è una ragione per sciogliere il rapporto
 

marcanto

Membro Ordinario
Professionista
Trovo la discussione un tantino fuori schema di ogni logica tecnica ......non certo per demeriti degli addetti ai lavori intervenuti.
un committente che non sceglie una ditta perchè non usa i prodotti che preferisce ...mhaaa !
il committente sei te, sei te che paghi i prodotti, quindi basta imporre alla ditta il prodotto che vuoi ....punto è basta.
ma se vuoi il prodotto che hai scelto e lo vuoi ad un prezzo di un sottoprodotto di qualità inferiore ....allora il discorso cambia di molto, ed è ovvio che la ditta non lo installerà.

detto in parole fluenti: il problema non è la ditta che non tratta il prodotto che vuoi, ma forse il problema è il prezzo che ti fa ............per il prodotto che preferisci.
 

nikitaus

Membro Junior
Proprietario Casa
Trovo la discussione un tantino fuori schema di ogni logica tecnica ......non certo per demeriti degli addetti ai lavori intervenuti.
un committente che non sceglie una ditta perchè non usa i prodotti che preferisce ...mhaaa !
il committente sei te, sei te che paghi i prodotti, quindi basta imporre alla ditta il prodotto che vuoi ....punto è basta.
ma se vuoi il prodotto che hai scelto e lo vuoi ad un prezzo di un sottoprodotto di qualità inferiore ....allora il discorso cambia di molto, ed è ovvio che la ditta non lo installerà.

detto in parole fluenti: il problema non è la ditta che non tratta il prodotto che vuoi, ma forse il problema è il prezzo che ti fa ............per il prodotto che preferisci.
Non penso sia questo il problema !!! Se no lo avrei detto ,la ditta non vuole propio trattare con determinati prodotti perché hanno creato dei problemi !!! Ma io voglio quelli tutto qui !
 

nikitaus

Membro Junior
Proprietario Casa
Secondo me il contributo è indipendente dalla ditta che incarichi, certo che se loro hanno presentato il piano di lavoro per lo smaltimento se cambi ditta pretenderanno un pagamento ma in fondo tu sei il committente e loro non vogliono impiegare il materiale che tu vuoi, è una ragione per sciogliere il rapporto
E si io ho sbagliato a non chiedere prima che materiali utilizzavano
 

marcanto

Membro Ordinario
Professionista
in tutto questo contesto a me non è molto chiara una situazione.
se per i detti lavori, successivamente, seguirà
"richiesta di contributo da parte dello stato per lo smaltimento "

significa anche che tali lavori non soltanto devono essere regolarizzati da una adeguata pratica edilizia, ma si necessita:
> di un tecnico che segua gli stessi
> dal rispetto di tutte le norme, in primis le norme in materia di sicurezza
e non credo che per la richiesta della contribuzioni sia sufficiente presentare la sola fattura finale dei costi.
deve esserci tutto un iter da seguire, con documentazione da produrre, e se la regione in questione ha stilato un "protocollo" o delle linee guida ......il tutto è anche abbastanza rigoroso!!!
 

marcanto

Membro Ordinario
Professionista
il mio intervento non tendeva ad evidenziare la necessita di pratica edilizia, già espletata .......ma tutto il contesto che ne segue
ma si necessita:
> di un tecnico che segua gli stessi
> dal rispetto di tutte le norme, in primis le norme in materia di sicurezza
e non credo che per la richiesta della contribuzioni sia sufficiente presentare la sola fattura finale dei costi.
deve esserci tutto un iter da seguire, con documentazione da produrre, e se la regione in questione ha stilato un "protocollo" o delle linee guida ......il tutto è anche abbastanza rigoroso!!!
 

marcanto

Membro Ordinario
Professionista
mi sembra che fai la mossa del gambero, un passo avanti e quattro indietro
in precedenza indicavi
Con la prima ditta ho già portato avanti la richiesta di contributo da parte dello stato per lo smaltimento !!
ora dici che non ti conviene!
ma prima di procedere non ti sei informato in merito alle obbligazioni necessarie, sia quelle di natura tecnica sia quelle inerenti il contributo ......che per inciso sono intimamente connesse
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve ho un problema molto grave; ho affittato ad una persona la mia abitazione come ospite dato che c’erano da fare del lavori avrei scalato sul mensile tutto i lavori effettuati in più ha lasciato 1000€ di cauzione ma dato che è entrato da soli 15 giorni ed ancora non ha pagato nessun affitto non ha residenza ed ha spaccato dei mobili buttandoli fuori casa ora come posso fare per mandarlo via???
Buongiorno, chiedo aiuto per il 730 precompilato riguardo la cedolare secca. Il locatore ha lasciato l'appartamento a fine maggio. Ho variato il periodo di pagamento adeguandolo ai 5 mesi di possesso. Tutto ok per i 5 mesi di cedolare 2019 ma nell'esito dei calcoli è sparito il saldo della cedolare 2018.Qualcuno può aiutarmi.
Alto