• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

frigamo

Nuovo Iscritto
Buongiorno,
nel 2006, mia madre, io e mio fratello abbiamo ereditato un appartamento che era intestato a mio padre, deceduto in quell'anno. Tutti e tre eravamo gia' intestatari di una nostra prima casa. Vorrei avere conferma, avendo venduto l'immobile dopo pochi mesi, che la plusvalenza di quella vendita non era soggetta a tassazione (ed in caso affermativo come avremmo dovuto calcolarla).

Sempre in quell'anno mia madre ha acquistato una seconda casa (intestandola a lei sola), che ora vorrebbe donare a mio fratello.
Vorremmo sapere quali spese (oltre a quelle notarili) dovremo sostenere, considerando che la casa e' stata dichiarata da mia madre come seconda casa e quindi non sono state richieste agevolazioni in questi anni.

Vi ringrazio

FR
 
L

Loretta Grazia

Ospite
La vendita di un appartamento ereditato non è soggetta a plusvalenza, quindi avete operato correttamente.
Il costo della donazione va calcolato sul valore catastale dell'immobile (puoi richiedere un preventivo a un notaio) , ma la donazione comporta tutta una serie di problemi futuri che è bene valutare. In questo forum trovi diverse risposte al riguardo. Ciao
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto