1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ioalva

    ioalva Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Buongiorno, spero che qualcuno possa aiutarmi per poter dare delle informazioni ad una persona che non utilizza internet e che non sa cosa fare per la situazione in cui si stà trovando.
    Spiego il problema:
    - 3 figli (Sergio/Mario/Alberto)
    - 1 di questi figli (Sergio) circa 25 anni fà acquista una casa intestandola alla mamma (come prima casa) che vi abita per circa 15 anni, prendendovi la residenza, e che poi và in affitto in altra casa, sempre stessa località, cambiando la residenza)
    - ora il figlio Sergio da circa 10 anni abita in tale casa con la convivente e la figlia (prendendo la residenza) lasciando la casa intestata alla mamma, Sergio naturalmente paga tutte le spese (IMU/tares ecc ecc.). Ora la mamma è morta e bisogna fare la successione, oltre a questa casa intestata non sembra vi sia niente, soldi ecc.
    Non avendo la mamma fatto testamento, tale casa, in successione, risulterà attribuita a tutti e 3 i figli.
    Può Mario (che risulta celibe con un figlio) rinunciare solo a favore di Sergio ?

    Il problema è anche che c'è un testamento di uno zio materno (fratello della signora di cui sopra) dove vi stà scritto che alla sua morte dà tutto quello in suo possesso alla sorella (la signora di cui sopra ora defunta) ed ai suoi 3 figli (Sergio/Mario/Alberto).
    Ora se Mario rinuncia alla sua parte di eredità della casa a favore si Sergio (come spiegato nel primo pezzo del mio scritto) tale rinuncia verrebbe applicata anche sull'eredità dello zio per la parte che sarebbe andata alla madre (che ora è defunta) ?.
    Ringrazio veramente tanto per le informazioni che potrei girare a Mario.
    Cordiali saluti
    Ioalva
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
  3. ioalva

    ioalva Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie,
    ho letto l'allegato, qualsiasi informazione è preziosa.
    Spero di poter avere informazioni per discernere la specificità del caso.
    Cordali saluti
     
  4. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    non si può rinunciare ad una parte dell'eredità. In questo caso con la morte della madre si ha una successione il figlio di questa rinuncia all'eredità della madre favorendo il fratello, quando morirà lo zio si avrà un'altra successione in quel caso invece accetterà. Io consiglio che
    sarebbe bene che lo zio modificasse il testamento visto che la sorella è morta, lo ritrascrive favorendo i nipoti e la faccenda si chiude lì. Si eliminerebbero passaggi fastidiosi.
     
  5. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Buongiorno,
    fermo restando che è assolutamente corretto quanto già detto da Arciera (la rinuncia può interessare tutta l'eredità, non solo una sua parte), non ho capito se lo zio materno, che ha confezionato testamento nel quale nomina quale erede la propria sorella, cioè la defunta madre di Sergio, Alberto e Mario, è già morto oppure no...
     
  6. ioalva

    ioalva Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie per la risposta,
    Mario in questo caso vuole rinunciare a tutta l'eredità della mamma morta da poco tanto oltre alla casa non vi è altro e, siccome detta casa a suo tempo è stata acquistata solo da Sergio l'intenzione è, rinunciando, che questa vada solo a Sergio e non che, con la rinuncia, automaticamente, la sua quota andasse a suddividersi tra Sergio e l'altro fratello Alberto.
    Anche il figlio di Mario deve firmare la rinuncia ?
    Grazie ancora[DOUBLEPOST=1375103918,1375103652][/DOUBLEPOST]Buongiorno,
    grazie per la risposta. Lo zio materno è ancora vivo ed infatti l'altro dubbio era se la rinuncia sull'eredità della madre precludesse il diritto sull'eredità dello zio visto che lo zio ha scritto che lascia a sua sorella (ora defunta) ed ai tre nipoti
    Grazie per l'attenzione
     
  7. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sì, anche il figlio deve rinunciare. Lo zio materno è ancora vivo, la scelta del fratello non può avere un valore assoluto. E' stata fatta ora per la morte della madre, quando erediteranno dallo zio, erediteranno dalla madre per rappresentanza. Vorrei al riguardo un parere più approfondito perchè non mi è mai capitato un caso del genere, nè credo che la legge lo preveda perchè sicuramente la legge afferma che la rinuncia è totale e non può essere parziale, ma una volta che da morti si eredita di nuovo, i beni vanno spartiti tra gli eredi, ma qui c'è un erede che aveva rifiutato l'eredità. E' un caso complesso.
     
  8. ioalva

    ioalva Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie Arciera,
    infatti il dubbio "sottile" è quello. La rinuncia, ora, all'eredità della madre che potrebbe "riflettersi" sull'eredità dello zio che prevede come eredi (oltre ai 3 nipoti) anche questa madre (che ora è morta) e, quindi, sulla parte che spetta a questa madre Mario non possa più avere diritti.
     
  9. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non poteva essere che così. Non può avere un valore assoluto, ogni cosa a suo tempo:
    succedono per rappresentazione
    in linea retta i discendenti dei figli del defunto ( ad esempio i figli sia legittimi che naturali del chiamato che ha rinunziato alla eredità)
    in linea collaterale i discendenti dei fratelli o delle sorelle del defunto ( ad esempio i figli del fratello del defunto subentrano nella posizione del loro padre quando quest'ultimo abbia rinunziato alla eredità del loro zio)
    Ricordiamo che dopo la sentenza di parziale incostituzionalità dell'articolo 565, potrebbe ritenersi ammessa anche la rappresentazione tra fratelli.
    I discendenti possono succedere per rappresentazione anche quando hanno rinunciato alla eredità della persona cui subentrano (art. 468 comma 2); ciò fa intendere che i " rappresentanti " succedono jure proprio e non come eredi del " rappresentato ".

    Il fratello erediterà quindi in proprio. Anche se come rappresentante. Mi pare molto giusto. Potete procedere senza litigi.
     
    A anna123 e ioalva piace questo messaggio.
  10. ioalva

    ioalva Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Arciera, lei è bravissima, ha sciolto i dubbi.
    Grazie ancora
     
  11. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
  12. ioalva

    ioalva Membro Junior

    Proprietario di Casa
  13. ioalva

    ioalva Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti,
    ora è sorto un'altro problema...chissà che qualcuno possa dare delle informazioni precise

    Mario che vorrebbe rinunciare all'eredità della madre (in sostanza alla sua parte della casa intestata alla madre, in quanto la madre non ha altro) in favore del fratello Sergio e non dell'altro fratello Alberto, ha un figlio il quale è disponibile pure lui a firmare la rinuncia ma, quest'ultimo, si è ricordato di avere dei buoni fruttiferi del 1991 (ricevuti per la cerimonia della comunione..) intestati a lui ed alla nonna (madre di Mario) per un valore circa di 800 mila lire + gli interessi maturati in 20 anni.. Ora cosa deve fare, può andare alla posta a prelevare (la nonna è morta da 1 settimana) oppure anche questi vanno in successione e ne esce una confusione...perchè la rinuncia della parte di casa voleva essere a favore dello zio Sergio ma in questo caso parte di quei buoni potrebbe andare di diritto anche all'altro zio...ma poi in sostanza questi soldi sono del figlio di Mario....ma se devono andare in successione ed invece il figlio di Mario gli incassa quale potrebbe essere l'eventuale multa e cosa può succedere ? Conviene pagare la multa ? Grazie a chi può dare una mano..
     
  14. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Buongiorno,
    sarebbe meglio inserire questa domanda nella discussione già iniziata, visto che si tratta di una prosecuzione / aggiornamento e non di un argomento nuovo.
     
  15. ioalva

    ioalva Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie del suggerimento,
    provvedo subito
     
  16. ioalva

    ioalva Membro Junior

    Proprietario di Casa
    fin'ora avevo chiarito i dubbi ma è sorto un problema nuovo

    il figlio di Mario che rinuncia all'eredità della nonna (dopo che vi ha rinunciato il padre Mario in favore del fratello Sergio) si è ricordato di aver ricevuto circa 20 anni fà dei buoni fruttiferi intestati a lui ed alla nonna (madre di Mario) per un valore circa di 800,000 lire ai quali vanno sommati gli interessi maturati in 2o anni (ora con l'aliquota del 12%).
    Ora cosa può fare? Andare alla posta a prelevare (la nonna è morta da 1 settimana) oppure questi buoni devono andare in successione e ne esce una confusione...perchè la rinuncia della parte di casa voleva essere a favore dello zio Sergio che a suo tempo l'aveva acquistata solo lui per la madre, ma in questo caso, in sostanza, questi soldi sono del figlio di Mario....(ricevuti quando aveva 10 anni).
    Se il figlio di Mario gli incassa cosa può succedere ? Pagare una multa o altro ? Conviene pagare la multa ? Grazie a chi può dare una mano..
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina